Riuscirà il mercato dei notebook a mantenere la crescita anche nella seconda metà dell'anno?

Riuscirà il mercato dei notebook a mantenere la crescita anche nella seconda metà dell'anno?

Tutti i produttori di notebook hanno beneficiato, nel corso del secondo trimestre 2020, di una domanda superiore allo storico: saranno capaci di mantenere questa traiettoria anche nella seconda metà dell'anno

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Portatili
DellAppleHPLenovoAcer
 

La più aggiornata analisi di Strategy Analytics conferma quanto già abbiamo avuto modo di osservare: il mercato dei notebook ha registrato, nel corso del secondo trimestre 2020, una forte crescita. L'incremento nel corso del secondo trimestre 2020 è stato pari al 27% in termini di prodotti consegnati al mercato, un dato che è rilevante soprattutto alla luce delle difficoltà incontrate negli ultimi anni.

Sono telelavoro e didattica da remoto ad aver spinto verso l'alto la domanda di PC portatili, con una buona incidenza anche del mondo delle aziende chiamato ad assicurare che i propri collaboratori potessero lavorare anche da remoto in modo produttivo. Quello che resta da capire è se gli acquisti della prima metà dell'anno possano essere riconducibili ad un anticipodi spese che sarebbero state comunque fatte nel corso del terzo trimestre durante il cosiddetto periodo del back to school.

galaxybooks_720.jpg

I dati complessivi evidenziano una crescita bilanciata tra tutti i principali produttori del settore, con Lenovo e HP che da sole raccolgono di fatto il 50% del mercato con quote molto vicine tra di loro (rispettivamente 25% e 24,8%). Dell, Apple e Acer completano la top 5 con quote rispettivamente pari al 15,6%, 8,5% e 6,7% lasciando il restante poco meno del 20% del mercato a tutti gli altri produttori.

La vera sfida alla quale è chiamato ora l'intero settore è capire se questo balzo in avanti delle vendite potrà essere sostenuto anche nel corso della seconda metà dell'anno, generando domanda addizionale da parte dei consumatori. Molto sarà legato alla situazione economica globale che si verificherà a partire dalla ripresa delle scuole, con molte nazioni alle prese con una ripresa che si preannuncia difficile ma che potrebbe venir in qualche misura facilitata, così come avvenuto del resto durante il lockdown, proprio da una disponibilità più capillare di sistemi notebook aggiornati per lavoro e studio da remoto.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
antcos15 Agosto 2020, 17:09 #1
Quest'anno il back to school potrebbe essere ritardato a ridosso di Natale...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^