Quanti netbook venduti con Linux e quanti con Windows XP?

Quanti netbook venduti con Linux e quanti con Windows XP?

Per NPD Retail Tracking Service il 96% dei netbook in USA viene venduto con Microsoft Windows XP preinstallato

di pubblicata il , alle 16:32 nel canale Portatili
MicrosoftWindows
 

Su quanti netbook è installata una distribuzione Linux e su quanti è disponibile Microsoft Windows XP? Questa è una delle domande più frequenti a cui è sempre più difficile trovare risposta, infatti, da parte dei produttori vengono diffusi pochi dati e quei pochi risultano di scarsa credibilità vi sono OEM che dichiarano ormai da tempo una completa parità tra Linux e Windowx XP, ma i listini rendono poca giustizia a tale affermazione e le soluzioni basate su Linux sono sempre in numero minore.

Windowsteamblog riporta una ricerca basata sui dati di  NPD Retail Tracking Service da cui si evince un dato importante: sul territorio americano fino alla prima metà del 2008 i netbook con Windows XP preinstallato erano il 10% mentre a febbraio 2009 tale percentuale è cresciuta al 96%.

Basandosi su questi dati è evidente notare il vero e proprio sorpasso di Windows XP nei confronti di Linux. Alcune fonti hanno anche provato a dare una propria interpretazione segnalando come Windows XP sia più conosciuto dagli utenti, specialmente dagli utenti meno esperti e alla ricerca di un pc con cui effettuare una limitata serie di operazioni. Appunto, la clientela tipica dei netbook.

Alcuni produttori, Acer per esempio, in occasione dei primi netbook confermarono elevato interesse nei confronti di Linux, con particolare riferimento alle possibili interfacce grafiche sviluppabili. Purtroppo, pare, il mercato ha recepito in maniera differente i nuovi prodotti e la percentuale di netbook con Linux cala sempre più.

Per ora l'antagonismo è stato tra Linux e Windows XP, ma presto Microsoft Windows 7 sarà una realtà e da ciò che si è visto con le prime beta pubbliche l'usabilità anche sui netbook sarà notevole. La sfida è quindi spostata verso fine anno quando Microsoft renderà pubblico Windows 7 e anche gli OEM dei netbook dovranno fare le proprie scelte in termini di sistema operativo, di versioni e, sopratutto, di costi di licenza.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

280 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Luca6907 Aprile 2009, 16:35 #1
Sarebbe poi interessante sapere quanti dei netbook con linux hanno ora WinXP installato
lothlorien07 Aprile 2009, 16:37 #2
beh vi siete dimenticati di dire che spesso le versioni con xp offrivano qualcosa in + di quelle con linux che erano un po + sacrificate...per cui anche questo è un fattore che può pesare nella scelta..
Pashark07 Aprile 2009, 16:43 #3
Originariamente inviato da: lothlorien
beh vi siete dimenticati di dire che spesso le versioni con xp offrivano qualcosa in + di quelle con linux che erano un po + sacrificate...per cui anche questo è un fattore che può pesare nella scelta..


Mah guarda ai produttori conveniva vendere quelli con Linux non quelli con XP per ovvi margini di guadagno, invece il mercato è andato da un'altra parte.
Sarà anche l'abitudine a XP, ma ritengo più reale il vantaggio di comodità rispetto a Linux, a prescindere dalla sicurezza, a prescindere dalla personalizzazione.

Al cliente non interessa che con Linux si possa fare di più se questo anche implica doversi sbattere maggiormente (almeno in questo segmento).
red.hell07 Aprile 2009, 16:48 #4
beh, le distribuzioni linux preinstallate sono quasi sempre oscene (con un interfaccia da bambini)

penso che anche questo abbia contribuito
zanardi8407 Aprile 2009, 16:53 #5
Non si potrebbe dire semplicemente che i produttori si sono stufati subito di produrre l'interfaccia preferendo andare sul collaudato e semplice sistema delle installazioni di XP?
Secondo me dovevano lasciare le distribuzioni con i frontend disponibili invece di avventurarsi in ambienti esotici.

Su un netbook Linux con gnome secondo me è l'ideale. Gli utenti poi sono utonti e come al solito si lasciano influenzare dalle solite dicerie

linux = smanettoni
XP = per tutti

Quando linux se viene usato con criterio non è da smanettoni mentre XP se viene usato a cuor leggero installandoci tutte le porcherie del mondo diventa sì da smanettoni.

Tralaltro il metodo di installazione software via pacchetti come può essere APT o pacman è decisamente semplice grazie ai pochi click richiesti e al comodo frontend che assomiglia moltissimo a windowsupdate. Figuratevi voi.

Aggiungo poi:

1) Che hardware dovranno mai installare su un netbook? Se è un lettore mp3 a chiavetta che non necessita di software manco si pone il problema, si gestisce come su Windows, se è l'Ipod che è comunque un casino visto che si dovrebbe passare dal suo pessimo Itunes cui sono allergico, su Linux ci sono delle procedure totalmente guidate che agevolano la situazione (quì è apple che complica le cose coi suoi software proprietari, ma ha scelto questa strada e ognuno fa come vuole, ma non ditemi che è la migliore. Come qualità audio rispetto ad altri lettori sono così avanti gli Apple?)

2) Che software dovranno mai installare? Il netbook mica è un notebook! Io lo vedo come un telefono Symbian che non fa telefonate e foto, che ha lo schermo un po' più grande e che può memorizzare più dati, stop, finita lì.

Per tutto questo basta e avanza Linux che vorrei ricordare, è il fratello snobbato ma non sfigato di Mac.
err40407 Aprile 2009, 16:55 #6
Originariamente inviato da: Luca69
Sarebbe poi interessante sapere quanti dei netbook con linux hanno ora WinXP installato


Il mio!
Ero soddisfatto di Xandros (eeepc 4G) finche' non ho pensato : "perche' non piazzarci il mame per qualche partitina a Street figher ?"
Ho desisitito dopo 3 giorni di tentativi infruttuosi e sono passato a Xp.
FuriousEagle07 Aprile 2009, 16:57 #7
Originariamente inviato da: Luca69
Sarebbe poi interessante sapere quanti dei netbook con linux hanno ora WinXP installato



HAHAHA mi hai anticipato, prima ancora di finire di leggere l'articolo volevo già scrivere un commento simile.
Sono abbastanza realista e ho visto abbastanza avendo lavorato nel settore in 3 continenti differenti per dire che una media di 29 su 30 disinstallano linux per mettere winxp pirata e alcuni piuttosto lo comprano originale.
Ma i difensori di linux non l'accetteranno mai neanche con i numeri in faccia.
Io ripeto e lo ripeterò sempre linux è nettamente migliore per la gestione di rete ma è molto lontano non solo dal software ma anche dal punto di vista concettuale dell'uso home. Software perchè anche fare delle piccole cose si rende impossibile per l'utente normale e dal punto di vista concettuale perchè è infattibile per l'utente normale doversi smarronarsi per diverse distro che escono anche al mese.
E i pro linux dovrebbero essere almeno un tantinello intelligenti per capire che finchè linux mantiene la sua "semplicità" rimane un sistema adatto per la gestione di rete e tante altre cose visto che almeno fino all'era xp era il sistema più stabile, parlando di crash, anche se per me ancora vince su vista. Ovviamente se si dovesse adattare all'utente comune rischia di diventare sempre più complesso e pesante a tal punto di avvicinarsi, eguagliare o se no anche diventare peggio dei sistemi microsoft.....
Quindi come commento finale spero che linux continui nel suo settore ossia quello professionale e quindi mantenga i suoi valori e i suoi punti positivi che lo differenzia da qualsiasi sistema operativo
CapodelMondo07 Aprile 2009, 17:11 #8
strano che si sia andati a finire in linux:rete e xp:home , non l avrei mai detto.

ricordo anche che con linux si fa tutto a riga di comando, che non ci sono i virus perchè ce l hanno in pochi e che è fatto per i server.
riva.dani07 Aprile 2009, 17:12 #9
Originariamente inviato da: err404
Il mio!
Ero soddisfatto di Xandros (eeepc 4G) finche' non ho pensato : "perche' non piazzarci il mame per qualche partitina a Street figher ?"
Ho desisitito dopo 3 giorni di tentativi infruttuosi e sono passato a Xp.



Mame esiste pacchettizzato per qualunque distro! Su Ubuntu/Xandros sono 2 pacchetti deb (equivalenti agli exe di Windows), quindi un totale di 4 click (e soprattutto 0,00 secondi di uso del terminale).

Tra parentesi, per installare un deb bastano veramente 2 click, non Avanti/Avanti/Accetto la licenza bla bla bla/Installo la crack ecc...
Linux ha i suoi limiti e Windows i suoi vantaggi, ma esistono anche gli altri due lati della medaglia. Che poi gli utenti cerchino nel netbook qualcosa che sia il più possibile simile al PC di casa/ufficio lo capisco benissimo. Badate che moltissimi utonti però comprano un netbook perchè "di Vista ne parlano tutti male e quindi voglio un PC con XP". Senza rendersi conto che ciò che acquistano non è esattamente un PC.
Originariamente inviato da: CapodelMondo
strano che si sia andati a finire in linux:rete e xp:home , non l avrei mai detto.

ricordo anche che con linux si fa tutto a riga di comando, che non ci sono i virus perchè ce l hanno in pochi e che è fatto per i server.


Ma anche per le aziende è controindicato perchè poi il supporto costa di più! E soprattutto ci sono troooppe distro!!!
zanardi8407 Aprile 2009, 17:15 #10
Guardate che Linux non è affatto difficile da usare!
Prendete una distro come Ubuntu che contiene tutto.

1) Velocità discreta ma per netbook c'è la versione ottimizzata
2) Interfaccia semplice e ordinata (parlo di gnome) e non confusionaria come quella di un Vista qualsiasi
3) Per la gestione dei componenti di un netbook basta e avanza l'interfaccia grafica di cui è dotato, non si deve nemmeno toccare il terminale.
4) Il software si installa col comodo sistema dei pacchetti grazie a synaptic (è disponibile una quintalata di programmi, da quelli utili a quelli fuffa, ce ne sono per tutti i gusti)
5) Ha il tool degli aggiornamenti come Windows Update.
6) Non richiede manutenzioni come scansione antivirus, pulitura disco, antispyware e defrag.
7) Non si impantana dopo un paio di mesi di uso come succede a XP che ricordo non sa usare in modo intelligente la ram di sistema (cosa di cui Vista è capace tra i sistemi Windows oltre ad avere la manutenzione automatica o quasi).

Un utente che arriva da Windows avrebbe solo il problema di orientarsi con l'interfaccia, ma credetemi, passare da XP a Vista non è stato comunque semplice e parliamo di Microsoft.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^