Q2 2006: in arrivo i notebook con retroilluminazione a LED

Q2 2006: in arrivo i notebook con retroilluminazione a LED

Il prossimo anno si assisterà ad un aumento del numero di notebook con display retroilluminati a LED. Attualmente l'ostacolo alla diffusione non è un problema di tecnologia ma di costi

di pubblicata il , alle 15:43 nel canale Portatili
 

A partire dal secondo trimestre del prossimo anno il mercato dei notebook potrebbe assistere ad un incremento di modelli dotati di schermo con retroilluminazione a LED. L'adozione di questo tipo di display avverrà quando la differenza di prezzo tra i sistemi di retroilluminazione CCFL (cathode fluorescent lamp) e quelli a LED si assottiglierà a meno di 100 dollari taiwanesi, ovvero circa 3 dollari USA.

Attualmente sul mercato sono presenti solo pochi notebook che impiegano retroilluminazione a LED: i portatili della serie VAIO TX di Sony (anticipati in questo articolo, nel quale è inoltre presente l'illustrazione del principio di funzionamento della tecnologia in esame), il notebook Libretto U100 di Toshiba e il modello T70 di Fujitsu, quest'ultimo però commercializzato solamente sul mercato giapponese.

La domanda per la produzione di LED da retroilluminazione da impiegare con i sistemi notebook è quindi prossima ad una crescita consistente, con una già elevata domanda per LED da impiegare nella realizzazione di telefoni cellulari e dispositivi portatili come PDA o lettori MP3 o console di gioco portatile. Attualmente il costo di produzione per un notebook da 12 pollici con retroilluminazione a LED è del 50% superiore rispetto a quello di un notebook identico con retroilluminazione CCFL. Dal secondo trimestre del prossimo anno la differenza di prezzo tra i due sistemi di illuminazione arriverà a 80 dollari taiwanesi, quando Everlight, compagnia specializzata nella realizzazione di questo tipo di soluzioni, darà il via alle consegne in volumi dei LED per uso ntebook.

L'impiego di un sistema di retroilluminazione a LED, rispetto ad uno CCFL, comporta una serie di vantaggi, come la possibilità di realizzare display più sottili, un consumo energetico ridotto e la piena osservanza delle direttive EU riguardo al divieto di utilizzare materiali pericolosi (RoHS - Restriction of Hazardous Substances), che saranno effettive a partire dal 1 Luglio 2006. A titolo di esempio, uno schermo da 12 pollici ha bisogno di 45 LED ad illuminazione bianca per poter ottenere la stessa luminosità di uno schermo identico ma con retroilluminazione CCFL.

Per i produttori di display il costo dei sistemi di retroilluminazione a LED è comunque un problema, quasi esclusivamente di costi. Sony è stata pioniera nel presentare televisori da 40 e 46 pollici con tecnologia a a cristalli liquidi e retroilluminazione a LED, ma non è ancora stata seguita da nessun altro produttore, proprio per via degli elevati costi di produzione. Nonostante questo i produttori sono comunque fiduciosi nel fatto che i display a LED riusciranno a sostituire quelli con retroilluminazione a lampada, prima partendo dai display di dimensioni più contenute per passare, a seguito di un abbassamento dei costi, anche ai pannelli con diagonale più elevata.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jumperman03 Novembre 2005, 15:54 #1
Certo che si stanno succedendo sepre più tecnologie in poco tempo, siamo stati anni ed anni con i monitor a tubo catodico e poi improvvisamente nel giro di pochi anni sono nati gli lcd, poi i plasma, poi gli oled adesso la tecnologia dei led affiancata agli lcd e in fine ho sentito pure di una nuova tecnologia che implementa tanti piccoli tubi catodici per ottenere uno schero piatto con tutti i vantaggi della qualità del tubo catodico. Insomma chi più ne ha più ne metta Poi sicuramente l'anno prossimo usciranno nuove teconogie e novità. Non vedo l'ora
TheDarkAngel03 Novembre 2005, 15:55 #2
sbaglio o così verrà eliminato il problema della non uniformità dell'illuminazione del pannello?
felipe03 Novembre 2005, 15:57 #3
qui cè una recensione di un monitor professionale (6600$...) che usa (credo) questa tecnologia. lo leggevo proprio oggi. pare sia qualcosa di "eccezionale"...


per quanto riguarda la teconlogia dei "piccoli tubi catodici" (tecnologia SED) qui si trova un approfondimento... sembra MOOLTO interessante!
magilvia03 Novembre 2005, 16:17 #4
per quanto riguarda la teconlogia dei "piccoli tubi catodici" (tecnologia SED) qui si trova un approfondimento... sembra MOOLTO interessante!

Si ma non ci libera dai problemi di sfarfallamento. o sbaglio ?
May8103 Novembre 2005, 16:19 #5
Non dovevano arrivare già gli OLED per risolvere tutti i problemi degli LCD?

A quanto pare la tecnologia non è ancora pronta oppure vogliono farci pagare una generazione di dispositivi in più!
MiKeLezZ03 Novembre 2005, 16:32 #6
Originariamente inviato da: TheDarkAngel]sbaglio o così
Non sbagli, l'uniformità è praticamente perfetta.
Paragonare un monitor LCD medio con uno buono a LED si ottengono miglioramenti mostruosi.
Originariamente inviato da: felipe]qui
per quanto riguarda la teconlogia dei "piccoli tubi catodici" (tecnologia SED) qui si trova un approfondimento... sembra MOOLTO interessante!

Lo è! Però ha dei prezzi davvero eccessivi. All'inizio sarà usata per rimpiazzare i Plasma (un po' il flop moderno, visto che attualmente stanno venendo rimpiazzati dagli LCD).
Originariamente inviato da: May81
Non dovevano arrivare già gli OLED per risolvere tutti i problemi degli LCD?

A quanto pare la tecnologia non è ancora pronta oppure vogliono farci pagare una generazione di dispositivi in più!

Eh sì... A sentir loro doveva già averli da un anno ._.
Per ora sono limitati a piccoli pannelli.. Inoltre c'erano problemi di durata, non so se poi son stati risolti
SilverXXX03 Novembre 2005, 16:34 #7
interessante, soprattutto per il minore spessore e il consumo ridotto
riva.dani03 Novembre 2005, 16:51 #8
Quindi mi state consigliando di aspettare prima di comprare un Samsung 730BF?
TheDarkAngel03 Novembre 2005, 17:19 #9
oddio se non è particolarmente urgente come acquisto potresti anche aspettare... è già un bel passo avanti eliminare questo difetto...
R@nda03 Novembre 2005, 17:29 #10
Comunque è finita l'era in cui "per fare le cose serie serve il CRT".


La metterei al contrario....diciamo che è appena cominciata l'era per cui un Crt può essere sostituito in tutto e per tutto con un pannello.
Visti i prezzi direi che ancora ce ne vuole!
E finchè non sarà così il Crt me lo tengo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^