Produttori di smartphone interessati ai notebook? Una possibile dinamica nel 2016

Produttori di smartphone interessati ai notebook? Una possibile dinamica nel 2016

Xiaomi e Huawei, secondo fonti asiatiche, sono interessate ad un ingresso nel settore dei PC notebook mentre Samsung pianifica un possibile rientro: un mercato sempre molto competitivo alla ricerca di una sua stabilità nel corso del prossimo anno

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Portatili
AcerSamsungASUSSonyVAIOLenovoHPXiaomiHuawei
 

Che il mercato delle soluzioni notebook stia vivendo una fase di chiara difficoltà è ben evidente, frutto della crisi generale del mercato dei PC che negli ultimi anni non è stato capace di registrare performance positive in termini di numero di sistemi venduti. Sono varie le cause di questa dinamica, che vanno dalla crisi economica generale alla forte competizione generata dalle proposte tablet.

Negli ultimi anni varie aziende storicamente presenti nella produzione e commercializzazione di notebook sono state costrette ad uscire da questo mercato: pensiamo ad esempio a Sony, che ha ceduto il marchio Vaio a Japan Industrial Partners uscendo dal settore dei PC, oppure a LG che ha scelto da tempo di non essere più presente nel mondo dei notebook, oppure ancora a Samsung che da tempo non vende più notebook nel mercato europeo.

Acer, Asus, Lenovo e HP: sono questi i nomi di alcuni dei principali player del settore che in una forma o nell'altra stanno affrontando difficoltà in questo settore ormai da molto tempo. Ma questo non sembra spegnere l'interesse verso questo mercato, che a prescindere dalle dinamiche è in grado di generare elevati volumi di vendita in assoluto. Ecco quindi che, stando alle indiscrezioni di Digitimes, sia Xiaomi che Huawei sarebbero pronte a entrare in questo settore nel corso del 2016.

E' significativo vedere come questi due marchi, forti di un ottimo successo di mercato nel settore degli smartphone raccolto negli ultimi anni, stiano pensando di muoversi in una direzione opposta rispetto a quella percorsa negli scorsi anni dai produttori di notebook. Anche Samsung sarebbe intenzionata a rientrare nel settore dei PC, per quanto manchino conferme ufficiale: un segnale di come il mercato dei PC abbia ancora qualcosa da dire e possa rappresentare un canale commerciale complementare a quello dei dispositivi mobile soprattutto in questi tempi nei quali la domanda dei tablet non sembra più essere al passo con quanto registrato negli ultimi 3 anni.

Il 2016 sarà in questo senso un anno di transizione, durante il quale osservare le dinamiche commerciali messe in atto dai vari produttori internazionali alla ricerca sia di quote di mercato sia di una crescita dei volumi di vendita totali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto23 Dicembre 2015, 10:38 #1

Che casino

Si diceva tempo fa che i produttori di notebook ormai hanno margini risicati,se non erro alcuni notebook avevano come margine 25 dollari più o meno,ormai il mercato è saturo di tecnologia
AleLinuxBSD23 Dicembre 2015, 12:28 #2
Una vera concorrenza nel segmento 2-1 non farebbe altro che bene all'utenza finale e dato che diversi produttori di sistemi mobili non hanno conflitto di interesse nel mercato PC, si dovrebbe vedere un consistente calo dei prezzi di queste soluzioni.
DarkmanDestroyer23 Dicembre 2015, 18:48 #3
a mio avviso l'ingresso nel comparto notebook di due realtà come xiaomi e huawei può far bene.
nuove idee e nuovi prodotti a prezzi ribassati rispetto alla concorrenza possono portare pricipalmente a due soluzioni:
o la concorrenza di "aggiorna" e ribatte, o crolla di fronte a questo passo.
nel mercato smartphone il crollo non c'è stato, anzi ha ulteriormente accellerato.
spero che tal mossa possa dare un chiaro segno anche coi notebook, e perchè no, magari prima o poi anche sui pc.
Zenida23 Dicembre 2015, 18:59 #4
Effettivamente il portatile da cui scrivo e che uso tutti i giorni, lo acquistai a fine 2008 per circa 1000 cucuzze e ancora non sento l'esigenza di cambiarlo. Al massimo ci monterei un SSD, ma la spesa non sarebbe giustificata... quindi ne cerco uno quasi regalato e passerei l'HD meccanico nel secondo bay (Si l'acer 6930G ha 2 bay )

l'obsolescenza dell'hardware è calata parecchio negli ultimi anni. Nonostante escano componenti sempre più potenti, per l'uso domestico quasi non se ne sente l'esigenza. Lo stesso discorso vale per gli smartphone.

La nuova spesa sarà giustificata quando il software tornerà ad "ammazzare" di nuovo l'hardware
LMCH23 Dicembre 2015, 23:32 #5
Originariamente inviato da: Zenida

La nuova spesa sarà giustificata quando il software tornerà ad "ammazzare" di nuovo l'hardware


Quel tipo di software esiste già ma gli stessi produttori di S.O. cercano di farlo girare il più possibile in remoto, tipicamente sul cloud.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^