Produttori di notebook: ottimismo per l'ultimo trimestre 2005

Produttori di notebook: ottimismo per l'ultimo trimestre 2005

I produttori taiwanesi di portatili sono ottimisti in merito al volume di consegne dell'ultimo trimestre dell'anno in corso

di pubblicata il , alle 17:08 nel canale Portatili
 

I quattro principali produttori taiwanesi di portatili stimano che nell'ultimo trimestre dell'anno in corso le consegne di notebook potrebbero essere soggette ad un incremento del 10%-20%, considerato su base trimestrale. Le consegne nel primo trimestre del prossimo anno dovrebbero invece mantenersi stabili o in leggero aumento rispetto ai risultati che si registreranno al termine di questo ultimo trimestre.

Tutte le principali compagnie protagoniste del mercato dei notebook, come Dell, Hewlett-Packard e Acer, hanno raggiunto un accordo per evitare, durante il prossimo anno, di intraprendere considerevoli tagli di prezzo, con conseguente battaglia tra le compagnie stesse, per fare in modo che il settore possa vivere una crescita più stabile e armoniosa.

Ad eccezione di Compal, che ha assistito ad una flessione, gli altri tre produttori taiwanesi hanno registrato per il mese di ottobre una crescita dei ricavi rispetto al medesimo mese dello scorso anno, con Inventec e Wistron che hanno assistito ad un incremento superiore al 50%. Quest'ultima, inoltre, assieme a Quanta ha segnato il record di vendite mensili proprio nel mese di ottobre.

Per il trimestre in corso Quanta stima di poter consegnare sei milioni di portatili, ovvero il 21% in più rispetto al trimestre precedente. La compagnia ha inoltre posto a 25 milioni di unità l'obiettivo di consegne per il 2006, rispetto ad un volume stimato di 17-18 milioni per l'anno in corso.

Wistron prevede invece di riuscire a consegnare due milioni di notebook nel quarto trimestre, risultato che rappresenterebbe un incremento del 30,7% su base trimestrale. Le previsioni di Wistron sarebbero suffragate da una mole crescente di ordini ricevuti da Dell e Acer.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Nemios09 Novembre 2005, 17:31 #1
"Tutte le principali compagnie protagoniste del mercato dei notebook, come Dell, Hewlett-Packard e Acer, hanno raggiunto un accordo per evitare, durante il prossimo anno, di intraprendere considerevoli tagli di prezzo, con conseguente battaglia tra le compagnie stesse, per fare in modo che il settore possa vivere una crescita più stabile e armoniosa."

Per come la intendo io questo significa fare cartello. Altro che armonia, qui si affossa la concorrenza! E chi ci rimette sempre i consumatori...
neonato09 Novembre 2005, 17:56 #2
mi hai anticipato di poco.

vediamo quali saranno le reazioni dell antitrust etc
Dreadnought09 Novembre 2005, 18:23 #3
antitrust?

voce ormai sconosciuta nel mercato dell'IT.
lepre8409 Novembre 2005, 19:23 #4
"hanno raggiunto un accordo per evitare, durante il prossimo anno, di intraprendere considerevoli tagli di prezzo, con conseguente battaglia tra le compagnie stesse"

le barzellette ahah
e lo dicono pure!
MasterGuru09 Novembre 2005, 19:27 #5
maledetti...lo fanno apposta a mantenere alti i prezzi dei Turion o dei Pentium M, così potranno vendere a cifre esorbitanti i notebook con cpu dual-core...

Ormai il Pentium M 730 ha rotto i maroni!!! Te lo rifilano dappertutto!!!! E il Sempron???? Chi se lo scorda?? Costa quasi quanto un Athlon 64 di pari frequenza!!!!
ppagno209 Novembre 2005, 19:37 #6
mah!!!
Anche se ci fosse un intervento dell'AntiTrust non so quanto potrà sfiorarli

Avete mai sentito qualcuno pagare le multe inflitte dall'AntiTrust?
No!!!
Il motivo è che questo organo non ha potere esecutivo (+-), per cui cippa!!!!


... boh! non so dove andremo a finire, forse vogliono che tutto vada come sta andando a Parigi
giovanbattista09 Novembre 2005, 20:03 #7
dobbiamo fare cartello pure noi utenti e lasciare i prodotti sugli scaffali, se non assolutamente necessari.
rob-roy09 Novembre 2005, 21:38 #8

ottimismo per l'ultimo trimestre 2005

Link ad immagine (click per visualizzarla)

W L'ottimismo..
sirus09 Novembre 2005, 22:23 #9
beh spero che quando escano i portatili con i Pentium M (Yonah) Dual Core i prezzi non siano folli altrimenti ce li sognamo per i primi mesi questo proci e si che se abbassassero i prezzi ci sarebbe molti più utenti disposti a spendere per questi prodotti...
ormai la gente preferisce un notebook anche al posto del desktop, se solo costassere meno e invece fanno accordi per non effettuare tagli di prezzo tali da farsi la guerra tra loro...
MiKeLezZ09 Novembre 2005, 23:54 #10
Dell, HP, Acer
Quelle che poi già ora costavano meno :P
IBM Sony e Toshiba si fanno pagare eccome
Il portatile, da sistema alternativo, o necessario, sta diventando bene di lusso
Il casino è che gli affare non li fai neppure sull'usato, c'è gente che vende PIII 1Ghz dell'anteguerra con giusto il lettore CD a 450€ LOL

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^