Possibile attesa nelle vendite di sistemi notebook

Possibile attesa nelle vendite di sistemi notebook

L'attesa per le nuove piattaforme notebook e per il debutto del sistema operativo Windows 7 potrebbero rallentare le vendite di notebook nel terzo trimestre

di pubblicata il , alle 08:42 nel canale Portatili
WindowsMicrosoft
 

L'attesa per il debutto delle nuove generazioni di notebook Intel, indicati attualmente con il nome in codice di Calpella, potrebbe portare ad una forte contrazione della domanda di mercato nel corso del terzo trimestre 2009.

I consumatori, infatti, stando alle previsioni segnalate dal sito Digitimes, potrebbero optare per attendere il debutto di questi nuovi notebook basati su tecnologie Intel, attesi al lancio nel corso del mese di Settembre 2009, oltre che quella del nuovo sistema operativo Windows 7 di Microsoft, previsto per il mese di Ottobre.

La conseguenza di questo scenario ipotizzato per i 3 mesi estivi prevede una aspra battaglia tra i produttori di notebook fatta di ribassi di prezzo, da un lato per stimolare la domanda da parte dei consumatori dall'altra per cercare di ridurre le scorte di magazzino per lasciare spazio ai nuovi prodotti attesi al debutto in autunno.

Una dinamica di questo tipo potrebbe inoltre caratterizzare anche il mercato delle soluzioni netbook: Intel presenterà la nuova generazione di piattaforma Atom, dotata di processore N450, nel corso del quarto trimestre. Le particolari caratteristiche di questa nuova piattaforma potrebbero spingere i consumatori a posticipare acquisti di netbook nel corso dei prossimi mesi, in attesa delle nuove soluzioni.

Sino a quando il mercato delle soluzioni portatili sarà caratterizzato da una domanda ridotta da parte dei consumatori? Si prevede che la situazione possa sbloccarsi nel corso del mese di Novembre, in concomitanza della piena disponibilità sugli scaffali delle nuove generazioni di sistemi netbook e notebook e della stagione di vendite natalizia. Tutto questo sarà ovviamente influenzato in misura più o meno marcata da quanto la crisi economica inteernazionale sarà ancora presente nella seconda metà dell'anno, con dirette ripercussioni sulle decisioni di acquisto dei consumatori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
yggdrasil04 Luglio 2009, 08:45 #1
che imparino ad offrire ciò che il mercato invece di voler ciulare i clienti
int main ()04 Luglio 2009, 08:54 #2
mah non penso proprio.... la stragrande maggioranza della gente non so nemmeno che processore c'è dentro.... pensano solo se è dual o 4 core c'è da sbellicarsi a volte
NoX8304 Luglio 2009, 08:55 #3
Bè come discorso, tra gli esperti, ci può anche stare, ma il classico utOnto che non sa nemmeno la differenza tra intel ed amd di certo non conoscerà l'uscita futura di Calpella e Atom N450, quindi per lui acquistare ora o dopo sarà la stessa identica cosa. Diciamo piuttosto che da luglio a inizio settembre non sono molti quelli che acquistano informatica...
@ndrey04 Luglio 2009, 09:41 #4
Io devo cambiare il notebook, ma mi conviene aspettare fine 2009 inizio 2010.., ci sono tanti novità in arrivo e note non si cambia ogni anno.. usb 3.0, sata 3 , dx11 ecc.. e poi sicuramente i prezzi su ssd scendano di più.
netcrusher04 Luglio 2009, 09:42 #5

ma dove kavolo vanno???

Ma invece che frenare un pò ed aspettare che la gente ricominci ad avere un posto di lavoro, bah queste logiche di mercato sono proprio orrende.........grazie al cavolo che ci sono contrazioni pesanti.........cavolo lo capiamo noi comuni mortali perchè non lo capiscono loro?????

@ndrey04 Luglio 2009, 09:46 #6
Originariamente inviato da: netcrusher
Ma invece che frenare un pò ed aspettare che la gente ricominci ad avere un posto di lavoro, bah queste logiche di mercato sono proprio orrende.........grazie al cavolo che ci sono contrazioni pesanti.........cavolo lo capiamo noi comuni mortali perchè non lo capiscono loro?????


Se non vendano, tagliano personale e non solo alla Intel.
SuperSandro04 Luglio 2009, 10:00 #7
Originariamente inviato da: netcrusher
... aspettare che la gente ricominci ad avere un posto di lavoro...

Ravvivando il mercato - e di conseguenza vendendo prodotti - si contribuisce a mantenere il posto di lavoro; se si è fortunati (leggi: se le vendite vanno meglio del previsto) i posti di lavoro aumentano per consentire l'aumento della produzione.
tarek04 Luglio 2009, 10:15 #8
""Ma invece che frenare un pò ed aspettare che la gente ricominci ad avere un posto di lavoro, bah queste logiche di mercato sono proprio orrende.........grazie al cavolo che ci sono contrazioni pesanti.........cavolo lo capiamo noi comuni mortali perchè non lo capiscono loro????? ""

ma chi sei tremonti??? se la gente aspetta come dici tu e non compra molti altri perderanno il lavoro..è una catena collegata a livello globale ormai, che piaccia o no è così. Comprando adesso si ha anche la licenza di win7 quindi non vedo i problema.
OutOfBounds04 Luglio 2009, 10:27 #9
il problema sta nel nuovo hardware.. Io nel lontano 2006 quando i dual core erano alle porte acquistai un single core amd con ram ddr normali e interfaccia pata per hd. Ora col senno di poi mi accorgo che avrei potuto scegliere con più criterio visti i prezzi delle ram, l'evoluzione degli hd e sicuramente dell'importanza di un processore multicore.
zesto04 Luglio 2009, 10:37 #10
Ah, siete anche voi per la finanza dell'ottimismo a tutti i costi? ;-)
Quindi se non ho soldi o ne ho pochi dovrei comunque spenderli per poter far ripartire l'economia?

Mah, secondo me non è così che dovrebbe funzionare, ma dovrebbero essere le aziende a rischiare: questo è il succo del lavoro dell' imprenditore. Abbassare un pò i prezzi (tipo nelle soluzioni Atom, tutte la stessa solfa o quasi) e/o assumere un pò di gente che, con soldi sicuri in tasca, riprenderebbe a spendere. Invece si vogliono comunque generare profitti extra, si guarda solo ai possibili dividendi, mica all'economia in senso ampio (rinuncio a qualcosa oggi per incentivare il mercato e ricavarne qualcosa domani). C'è crisi, ma ai manager non interessa. Avere un pc non è più un lusso oggi ma un'esigenza. Se vogliono svuotare i magazzini dal vecchiume abbassasero decisamente i prezzi, sono sicuro che la crisi estiva rientrerebbe subito.

Prendetele un pò come considerazioni reali, un pò come provocazioni. So perfettamente che i guru della finanza vogliono la botte piena e la moglie ubriaca e che faranno comunque i loro comodi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^