Pixel Qi: maggiore autonomia operativa per i notebook?

Pixel Qi: maggiore autonomia operativa per i notebook?

L'azienda fondata dall'ex-CTO del progetto One Laptop Per Child mira alla realizzazione di soluzioni per notebook che permettano di consumare meno energia

di pubblicata il , alle 10:51 nel canale Portatili
 

I lettori più attenti ricorderanno il nome di Mary Lou Jepsen, una delle figure a capo dell'originario progetto One Laptop Per Child. Prima di ricoprire la carica di CTO - Chief Technology Officer del progetto portato avanti da Nicholas Negroponte, la Jepsen ha occupato la posizione di responsabile della divisione display di Intel.

Nel mese di Gennaio di quest'anno Mary Lou Jepsen ha salutato il progetto OLPC per dedicarsi ad una nuova avventura, fondando una nuova realtà con il nome di Pixel Qi. La nuova azienda continua a collaborare con OLPC, dedicandosi al contempo a progetti indipendenti.

Uno di questi progetti riguarda la possibilità di realizzare sistemi notebook con elevata autonomia operativa, nell'ordine delle 20-40 ore. In questo senso l'approccio di Pixel Qi è piuttosto chiaro: invece di concentrarsi sullo sviluppo di tecnologie legate al miglioramento delle batterie, l'azienda mira ad utilizzare una tecnologia (purtroppo non meglio precisata) già impiegata nel progetto OLPC e avente lo scopo di ridurre in modo considerevole l'energia necessaria per il funzionamento dell'intero sistema.

In questo contesto l'azienda sta sviluppando un sistema che, utilizzando le tecniche di produzione attualmente in uso, permetta di produrre display LCD a basso consumo energetico senza però compromettere l'esperienza d'uso. Sull'homepage di Pixel Qi si legge infatti:

"Pixel Qi screens can increase battery life between charges by 5-fold, and, in addition, the readability and legibility of these new screens decrease the need for paper and printing due to their paper-white ultra-high-resolution mode. These screens also sport excellent color, contrast and field-of-view for multi-media use."

Pixel Qi afferma che i primi pannelli saranno disponibili per portatili e lettori e-book attorno alla metà del prossimo anno, periodo per il quale è previsto l'avvio della produzione in volumi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
diabolik198102 Dicembre 2008, 10:54 #1
di queste mirabolanti features per incrementare la durata dei portatili se ne sentono da anni, ma sul mercato non arriva mai nulla.
Fx02 Dicembre 2008, 11:05 #2
per di più di portatili con autonomia che vanno oltre le 10 ore già ce ne sono, ma l'interesse che suscitano è molto limitato, in un mondo in cui il portatile è prevalentemente usato come sostituto del desktop
DarkImpaler02 Dicembre 2008, 11:14 #3
come di Fx purtroppo il mondo dei notebook ormai sta virando verso il desktop replacement, quindi puntano più su potenza in piccolo e minor riscaldamento piuttosto che maggiore durata..
King8302 Dicembre 2008, 13:09 #4
bè anche io ho recentemente sostituito il mio desktop con un bel note ma dell'autonomia proprio non me ne importa nulla...ho tolto la batteria e lo uso sempre allacciato alla rete...
Michelangelo_C02 Dicembre 2008, 13:29 #5
D'altro canto un netbook con autonomia 20 ore non sarebbe niente male.
MenageZero02 Dicembre 2008, 14:34 #6
più che altro da quello che scrivono sul loro sito sembra abbiano trovato al bacchetta magica per fare pannelli lcd che consumino molto meno di quelli attualmente in uso e che diano contemporaneamente qualità visiva anche migliore di tutti gli altri o quasi ... mah ... vedremo, quando arriveranno notebook con questi pannelli (sperando che arrivino davvero sul mercato e che ne appaia qualche recensione che approfondisca appunto l'aspetto consumi/qialità visiva ...)
+Enky+02 Dicembre 2008, 15:11 #7
si faranno gli lcd che non consumano energia perchè la retroilluminazione è garantita dalla fosforescenza naturale di una lamina di uranio inserita all'interno dello schermo
MiKeLezZ02 Dicembre 2008, 15:31 #8
certo, i dispositivi mobile durano 30 ore, e questi fanno durare 30 ore i portatili, da potenza 10 volte maggiore e schermi enormi
ucci ucci sento odor di minchiatucci
SwatMaster02 Dicembre 2008, 17:43 #9
Uno di questi progetti riguarda la possibilità di realizzare sistemi notebook con elevata autonomia operativa, nell'ordine delle 20-40 ore.


Eh??
In standby, magari.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^