Palm non intende abbandonare Palm OS

Palm non intende abbandonare Palm OS

Il CEO di Palm chiarisce le intenzioni dell'azienda: non abbandoneremo Palm OS ma raccoglieremo le nuove opportunità offerte da Windows

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 14:45 nel canale Portatili
WindowsPalmMicrosoft
 
Per difendere le posizioni è dovuto intervenire il CEO di Palm, Ed Colligan ha redatto un messaggio indirizzato alla comunità di sviluppatori in cui conferma l'intenzione di Palm nel voler utilizzare Palm OS. I dubbi erano sorti qualche tempo fa in merito a una notizia secondo cui Palm avesse in cantiere un nuovo Treo con cuore Windows.

La notizia aveva ovviamente creato molto scalpore, si sarebbe trattato di un vero e proprio salto della barricata. Ed Colligan stempera i toni, affermando che l'azienda continuerà ad investire su entrambi i fronti, continuando a proporre nuovi prodotti e nuovi servizi dedicati agli utenti palm di lunga data. Cercherà anche di ampliare le fila dei propri clienti proponendo valide alternative.

Il CEO di Palm ha voluto anche puntualizzare che la scelta di ampliare la propria offerta anche a una soluzione Windows deve essere vista da tutti come la possibilità di raggiungere un maggior numero di clienti e di ampliare i propri business e i vantaggi di tali scelte dovrebbero ricadere su tutta la comunità Palm.

In rete alcuni hanno commentato come l'intervento di Ed Colligan fosse un atto dovuto, riportiamo ad esempio la frase conclusiva rivolta alla comunità Palm: "I hope you will agree,"

FOnte: Betanews.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tommy78110 Novembre 2005, 19:39 #1
normale scelta di mercato, non vedo perchè si debbano precludere l'altra metà del mercato visto che windows è comunque molto richiesto, chi li accusava di tradimento semplicemente non capisce nulla di economia di mercato.
liviux11 Novembre 2005, 09:52 #2

Pessima scelta di mercato

Accusare di "tradimento" era indubbiamente fuori luogo, però dal punto di vista commerciale la mossa di Palm (come molte altre negli ultimi anni) secondo me non è stata producente.
Certo, Palm può sperare di vendere degli smartphone WinMob in aggiunta a quelli con PalmOS, senza intaccare la quota di mercato di questi ultimi. Solo che mezzo mondo, fra cui gente che capisce qualcosa di economia di mercato come il Wall Street Journal, ha commentato l'annuncio del Treo con Windows come una "resa" di Palm al suo principale avversario. Di conseguenza la notizia ha avuto risonanza un po' dappertutto come "la fine di PalmOS", se non della stessa Palm, che indubbiamente se rinunciasse al suo peculiare sistema operativo diventerebbe un produttore poco rilevante come tanti. E chi ha voglia di spendere bei soldini su un aggeggio il cui software è destinato all'obsolescenza e per il quale non verranno sviluppate nuove applicazioni? A mio parere, l'effetto sulle vendite di apparecchi PalmOS è talmente negativo che difficilmente potrà essere compensato dalle vendite di apparecchi Palm con WinMob.
La lettera di Colligan è un tardivo e poco efficace (e chissà quanto credibile) tentativo di riparare il danno.
DjLode11 Novembre 2005, 10:17 #3
PalmOS non è solo palmari colorati che leggono mp3
Cristiano®11 Novembre 2005, 23:33 #4

Giusto

Non sono convinto. La palm compincerà comunque a vendere ed ampliare la piattaforma PalmOS ma introdurra' anche sistemi microsoft, Palm non è mai stata contro il sistema windows è neutra e perche crede negli utenti PalmOS (pochi ma sicuri compreso me) Ho provato più volte a passare a sistemi PochetPC ma devo dire che non mi hanno soddisfatto quanto un Palm, certo il garnet 5x non è ancora multitasking ma per ora e su un palmare non è un grave deficit e che comunque tra non molto uscirà anche il PalmOS in multitasking visto che molti lamentano questa lacuna. In sintesi non trovo niente di male che una società venda periferiche con diversi sistemi operativi, vedi IBM che vende PC con piattaforma Windows e la Intel che si introduce dentro gli Apple. Forza Palm e Tungsten T3
amd1ghz11 Dicembre 2006, 01:07 #5
Originariamente inviato da: Cristiano®
Non sono convinto. La palm compincerà comunque a vendere ed ampliare la piattaforma PalmOS ma introdurra' anche sistemi microsoft, Palm non è mai stata contro il sistema windows è neutra e perche crede negli utenti PalmOS (pochi ma sicuri compreso me) Ho provato più volte a passare a sistemi PochetPC ma devo dire che non mi hanno soddisfatto quanto un Palm, certo il garnet 5x non è ancora multitasking ma per ora e su un palmare non è un grave deficit e che comunque tra non molto uscirà anche il PalmOS in multitasking visto che molti lamentano questa lacuna. In sintesi non trovo niente di male che una società venda periferiche con diversi sistemi operativi, vedi IBM che vende PC con piattaforma Windows e la Intel che si introduce dentro gli Apple. Forza Palm e Tungsten T3


molto meglio un cell col symbian .
DjLode11 Dicembre 2006, 09:41 #6
Originariamente inviato da: amd1ghz
molto meglio un cell col symbian .


Certo, la stessa cosa...
Mighty8312 Dicembre 2006, 19:15 #7
Io sono per la rinascina di PalmOS. Non c'è paragone tra un palmare con WinMobile e il mio T3 Il palm lo batte 10 a 0

Originariamente inviato da: amd1ghz
molto meglio un cell col symbian .


bonzuccio12 Dicembre 2006, 19:36 #8
Felice possessore di un T5 (che è una cosa fenomenale, na specie di regalo per quanto è bello e per quanto costa poco), questa è proprio una brutta storia, i palm sono imbattibili lasciamo i pocket pc a chi non lo sa.. pensassero a farmi sfruttare ancora meglio l'hardware del mio palm invece di dimostrare tutto questo nuovo disinteresse verso il loro pubblico

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^