OLPC XO: nel 2009 a 50 dollari?

OLPC XO: nel 2009 a 50 dollari?

I portatili del progetto One Laptop Per Child potrebbero assistere ad un abbattimento del prezzo sino a 50 dollari entro il 2009

di pubblicata il , alle 14:28 nel canale Portatili
 

Mary Lou Jepsen, Chief Technology Officer del progetto One Laptop Per Child, ha dichiarato che i notebook XO sono in una posizione molto valida per ottenere buoni risultati sui mercati emergenti e che entro il 2009 il prezzo delle soluzioni si assottiglierà sino a circa 50 dollari.

Nel corso del passato mese di settembre, quando Quanta Computer, assemblatore contract dei portatili XO, ha iniziato a commercializzare le prime partite dei notebook, Jepsen ha dichiarato che il totale delle consegne avrebbe potuto raggiungere i 3-5 milioni di unità nell'arco di un anno.

Una crescita consistente nella domanda potrà verificarsi nel corso della prossima metà dell'anno, con volumi mensili nell'ordine di un milione di unità. Secondo quanto riporta la fonte, le stime per l'anno successivo parlano di consegne complessive di addirittura 150 milioni di pezzi.

Secondo Jepsen, inoltre, un elemento importante per il raggiungimento dell'abbattimento del prezzo del notebook è rappresentata dalla scelta del pannello lcd il quale deve essere caratterizzato da un consumo energetico molto contenuto, soprattutto in vista di versioni future del notebook XO. Si apprende, inoltre, che la prossima generazione di sistemi notebook di OLPC saranno equipaggiati con connettività WiMAX.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ciop7105 Luglio 2007, 15:28 #1
150 milioni di pezzi?? Nel giro di una decina di anni ce ne sarà uno per ogni abitante delle Terra secondo le loro stime...
SuperSandro05 Luglio 2007, 17:06 #2

Mah, ci credo poco

...uhm... 50 dollari? Meno di un cellulare in offerta speciale? E, magari, guadagnarci pure?

...uhm... mi sa tanto che queste notizie abbiano un secondo fine, anche se - onestamente - non riesco a capire ancora quale sia.
vicfirth05 Luglio 2007, 22:05 #3
vabbe ma cosa ci devono fare quelli con un laptop???
siv096806 Luglio 2007, 00:35 #4
Innanzi tutto le alternative non sono affatto pensate per i paesi poveri, dove puo' mancare l'elettricita' e dove anche 10 dollari in piu' a volte sono una cifra che puo' cambiare di molto le cose. Quelle di #1 non sono alternative di OLPC ma alternative di UMPC, che sono ben altra cosa.
Poi ricordiamo che OLPC e' una organizzazione no-profit, con quello che ne consegue dall'esiguo guadagno su ogni portatile. Quindi ben venga che vendano 150milioni di pezzi, e non e' previsto coprano ogni abitante della terra, perche' non e' uno strumento vendibile al privato, ma solo determinate zone del terzo mondo.
E OLPC e' un aiuto per avvicinare paesi praticamente privi di basi culturali moderne, tramite la diffusione di un sistema tecnologicamente in grado di dar loro l'opportunita' di imparare qualcosa di piu' del semplice alfabeto.
canislupus06 Luglio 2007, 08:06 #5
Mmm... come fanno a produrre un notebook a 50 dollari ? Vabbè che i costi di produzione sono bassi, ma addirittura a quel prezzo mi sembra un po' esagerato... Bah...
Fedlev06 Luglio 2007, 09:20 #6
Sicuramente è un modo per farsi pubblicità (non sono mai riusciti a rispettare le previsioni di costo, anzi questo era raddoppiato), comunque la tecnologia per produrre a quei prezzi c'è eccome. Anche meno, figurarsi.
Ricordate quella recente notizia per cui gli indiani progettano di produrrre fra pochi anni una scheda unica per un pc a 10 $

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^