OLPC: la Thailandia cambia idea

OLPC: la Thailandia cambia idea

Il governo Thailandese ha cambiato idea in merito al sistema XO, il portatile da 100 dollari promosso dal consorzio OLPC

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:07 nel canale Portatili
 

L'organizzazione One Laptop Per Child ha ricevuto recentemente ulteriore supporto da parte del governo Brasiliano, che ha richiesto circa 50 unità di portatili XO per valutare l'effettiva utilità di adozione nelle scuole e in aree con limitato accesso ai mezzi informatici. La produzione di sistemi XO tuttavia non è ancora stata avviata in quanto il consorzio OLPC attende un volume di ordini più consistente prima di dare il via alla produzione in volumi.

Marcia indietro invece dalla Thailandia che, nonostante un primo iniziale interesse, pare ora essere non più interessata al progetto promosso da OLPC. In particolare l'opinione del governo Thailandese pare essersi allineato alle perplessità già espresse dall'India, ovvero che XO è più un "vezzo tecnologico" che un effettivo strumento per l'istruzione. La Thailandia tuttavia ha espresso disappunto solamente per l'XO in sè e non per le idee del consorzio OLPC.

Il mutamento di posizione da parte della Thailandia è comunque parallelo al mutamento della situazione politica a seguito del colpo di stato militare del 19 settembre 2006: il progetto OLPC e il sistema XO erano infatti stati favorevolmente accolti dal precedente Primo Ministro, Thaksin Shinawatra.

Fonte: Dailytech

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor06 Novembre 2006, 09:12 #1
finirà tutto in fumo.. milioni di dollati (tanti milioni) buttati via in nella ricerca di un prodotto che non riuscirà mai a nascere...

comunque credo che il problema principale dei paesi verso i quali era rivolto questo progetto non fosse l'analfabetismo informatico, ma "robette" come la fame, le malattie, l'istruzione base ecc...
tarek06 Novembre 2006, 09:19 #2
certo, però la fame e le malattie si possono risolvere con lo sviluppo generato da giovani più istruiti e con conoscenze successive all'età del bronzo..
Paganetor06 Novembre 2006, 09:22 #3
sì, ma ci sono un po' di passaggi in mezzo... non è che con un pc magicamente la terra produce di più o dittatori locali diventano brave persone...

ci sono troppe cose da fare prima di poter sfruttare appieno i vantaggi derivanti dall'utilizzo delle nuove tecnologie...
ch3ccho06 Novembre 2006, 09:22 #4
Originariamente inviato da: tarek
certo, però la fame e le malattie si possono risolvere con lo sviluppo generato da giovani più istruiti e con conoscenze successive all'età del bronzo..


quoto
l'istruzione è molto importante per lo sviluppo di un paese
NME06 Novembre 2006, 09:30 #5
Ma se c'è ancora molto analfabetismo... e se chi ha la fortuna ad avere una scuola dove andare fatica a trovare un quaderno ed una penna... a cosa serve un portatile?

E poi piuttosto che spendere tutti sti miliardi intel/amd non potevano cedere gratis i diritti dei vecchi processori.. che ne so un 486 un pentium abbinato con un sistema operativo open source... perchè spendere miliardi in sviluppo di sti stronzate?
rutto06 Novembre 2006, 09:43 #6
come scritto nella news C'E' STATO UN COLPO DI STATO. non c'e' da stupirsi se il governo abbia cambiato idea su alcune cose...
Paganetor06 Novembre 2006, 09:56 #7
vabbè, non parliamo solo della Thailandia... pure il governo brasiliano ne ha chiesti 50 ( ) per valutarne l'effettiva utilità, ma quelli dell'OLPC non mettono in piedi una catena produttiva per 50 esemplari... magari per 5 milioni sì
DevilsAdvocate06 Novembre 2006, 10:22 #8
Originariamente inviato da: NME
Ma se c'è ancora molto analfabetismo... e se chi ha la fortuna ad avere una scuola dove andare fatica a trovare un quaderno ed una penna... a cosa serve un portatile?

Ad esempio a sostituire quaderno, penna e libro (visto che il copyright
e' un'idea del tutto occidentale). Questo non puo' essere fatto
rivogandogli i brevetti dei 486, per i quali non hanno le fonderie e che
sarebbero comunque destinati a sistemi desktop e non portatili.

Ovvio che il problema principale resta la fame, ma a meno che non
si trovi il modo di dissodargli/fertilizzargli la terra noi (impossibile) o
moltiplicare i pani e i pesci per sfamare tutti (.....occhio che va fatto
tutti i giorni, inutile nutrirli il lunedi' se poi il giovedi' muoion di fame)
i progetti a lungo termine devono per forza passare dal fornirgli metodi
per una veloce propagazione dell' istruzione.....
SCARIOLANTE06 Novembre 2006, 10:34 #9
Originariamente inviato da: tarek
certo, però la fame e le malattie si possono risolvere con lo sviluppo generato da giovani più istruiti e con conoscenze successive all'età del bronzo..

straquoto l'istruzione diffusa e' la medicina attrverso la quale si puo' combattere la fame e la poverta' (dei paesi del terzo mondo) poiche' essa e' in gran parte generata da sciagurati regimi sanguinari e corrotti. attrverso una maggior istruzione diffusa si puo' da un lato creare una classe dirigente all' altezza, dall' altro dare alla popolazione gli strumenti per poter identificare come ingiusti questi regimi e di conseguenza combatterli. e poi se un paese si vuol sviluppare a bisogno di ingenieri, medici ecc. certo non e' solo con un computer che si crea tutto cio', ma e' un piccolo passo...
omerook06 Novembre 2006, 10:35 #10
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
Ad esempio a sostituire quaderno, penna e libro (visto che il copyright
e' un'idea del tutto occidentale)...



a parte che con 100 dollari in quei paesi ci compri quaderni e penne per un'intera scuola ma mi spieghi come farebbe questo coso a sostituire un libro?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^