Nuovo AMILO Pro V2030: notebook ecologico

Nuovo AMILO Pro V2030: notebook ecologico

Il nuovo portatile entry level AMILO Pro V2030 rispetta la direttiva europea RoHS (Restriction of certain Hazardous Substances), in vigore dal 1 luglio 2006.

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 15:31 nel canale Portatili
 
Fujitsu Siemens Computers annuncia il primo notebook realizzato in linea con gli standard della direttiva europea RoHS (Restriction of certain Hazardous Substances), in vigore dal 1 luglio 2006.

La direttiva comunitaria RoHS proibisce, a partire dal 1 luglio 2006, la vendita e l’acquisto in tutti i Paesi UE di dispositivi i cui componenti eccedano severi limiti quantitativi di sostanze pericolose quali piombo, mercurio e cadmio.

Il modello AMILO Pro V2030 Edition è il primo notebook professionale di Fujitsu Siemens Computers a rispettare la nuova legislazione ambientale, anche se le roadmap di FSC prevedono che tutta la gamma notebook sia conforme alla direttiva RoHS entro la fine del 2005.

Caratteristiche tecniche e prezzo:
- Processore Intel® Celeron® M
- Memoria SDRAM DDR-2 dual-channel con PC533
- Hard disk S-ATA
- Display TFT-XGA da 15"
- Interfacce:
1 x PC Card type II
4 x USB 2.0
1 x IEEE 1394

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Python06 Settembre 2005, 17:03 #1

ma il prezzo

dov'è scritto?
vink06 Settembre 2005, 17:04 #2
Interessante, ma mi piacerebbe sapere che accorgimenti adottano per ridurre o eliminare del tutto queste sostanze che, se non mi sbaglio, vengono usate anche nei display.
Pinco Pallino #106 Settembre 2005, 18:09 #3
Originariamente inviato da: vink
Interessante, ma mi piacerebbe sapere che accorgimenti adottano per ridurre o eliminare del tutto queste sostanze che, se non mi sbaglio, vengono usate anche nei display.

E' sufficiente che le lampade di retroilluminazione siano prive di mercurio e altre sostanze nocive.
Senza scomodare tecnologie alternative... lampade CCFL del genere sono già in produzione.
heavymetalforever06 Settembre 2005, 19:03 #4
Boh io proprio non capisco questa legge.... mi sembra una cazzata.
E allora tutti quelli prodotti fino ad ora?
Cos'e', li dovremo cambiare tutti perchè vengono ritenuti dannosi?

E' un po' come la legge che ti obbliga a tenere accesi i fari in macchina mentre fino a 2 anni fa ti obbligavano a tenerli spenti.
Ma dai...

FAM06 Settembre 2005, 19:10 #5
Originariamente inviato da: heavymetalforever]Boh io proprio non capisco questa legge.... mi sembra una cazzata.
E allora tutti quelli prodotti fino ad ora?
Cos'e', li dovremo cambiare tutti perchè

E dire che basterebbe perdere 30 secondi a leggere...

[quote=""]La direttiva comunitaria RoHS proibisce, a partire dal 1 luglio 2006, la vendita e l’acquisto in tutti i Paesi UE di dispositivi i cui componenti eccedano severi limiti quantitativi di sostanze pericolose quali piombo, mercurio e cadmio.


Ma è più facile urlare il luogo comune "Piove, governo ladro" ?
MiKeLezZ06 Settembre 2005, 20:18 #6
Originariamente inviato da: heavymetalforever
Boh io proprio non capisco questa legge.... mi sembra una cazzata.
E allora tutti quelli prodotti fino ad ora?
Cos'e', li dovremo cambiare tutti perchè vengono ritenuti dannosi?

E' un po' come la legge che ti obbliga a tenere accesi i fari in macchina mentre fino a 2 anni fa ti obbligavano a tenerli spenti.
Ma dai...

Ma che discorsi fai?
Allora tutti dovremmo andare in giro con auto EURO 0
Sai che risate morire soffocati di benzene.. tanto per rimane in tema con l'altra news di oggi
Dovremmo esser tutti più felici che qualcuno cerca di salvaguardare la nostra salute, visto che noi non siamo capaci!!!
Fedlev07 Settembre 2005, 08:01 #7
Invece di essere felice di vivere nell'unico "paese" dove si preferisce la qualità della vita agli interessi del capitale, si critica una legge pur moderata ma che è comunque un enorme passo avanti.
O ti fa piacere sapere che persino nel latte delle eschimesi si trova il DDT?
IL PAPA07 Settembre 2005, 08:26 #8
Prevedo 200 pagine di post
Io trovo che sia molto interessante questo prodotto, ovvio che si parla di una riduzione di prodotti nocivi (nel testo di legge) non una completa eliminazione, magari in futuro si potrà pensare anche alla totale eliminazione di tali sostanze dai prodotti elettronici, ma certe norme vanno applicate con flessibilità.
Ma solo Toshiba, AMD e Siemens per ora hanno sviluppato prodotti RoHs compliant? il 1° gennaio 2006 non è lontanissimo.
d@vid07 Settembre 2005, 08:41 #9
sarebbe interessante conoscere se l'adozione di queste pratihe costi qcs in più alle case produttrici e kiedersi come mai, se la spesa aggiuntiva nn è elevatissima, abbiano dovuto attendere una legge comunitaria per muoversi
d@vid07 Settembre 2005, 08:42 #10
visto comunque che le tecnologie per farlo non mancano, anzi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^