Notebook Toshiba con chip AMD entro l'estate

Notebook Toshiba con chip AMD entro l'estate

Toshiba utilizzerà chip AMD sui propri notebook Secondo alcune fonti potrebbero essere interessati il 20% dei portatili venduti dal produttore giapponese

di pubblicata il , alle 15:14 nel canale Portatili
ToshibaAMD
 

Toshiba ha ufficialmente annunciato che presto presenterà portatili con cpu AMD. La notizia era nell'aria: alcune indiscrezioni già l'avevano preannunciata e, ancor più, la semplice logica dei fatti faceva pensare a un ravvedimento di Toshiba. Di fatto i listini di tutti i principali concorrenti della casa giapponese propongono soluzioni alternative alle tecnologie Intel.

Il Washington Post riporta la notizia aggiungendo anche dettagli interessanti: Toshiba intende proporre soluzioni basate su chip AMD sul 20% dei prodotti commercializzati in USA ed  Europa. La portata dell'annuncio odierno è quindi notevole e, secondo alcuni analisti citati dalla nostra fonte, potrebbe essere un campanello di allarme per la rivale di sempre Intel.

I notebook con chip AMD sono attesi entro fine estate e, in una prima fase, apparterranno al segmento entry level. Saranno disponibili soluzioni destinate all'utente finale ma anche sviluppate appositamente per la clientela aziendale.

Secondo alcune fonti l'adozione di una soluzione AMD  porterebbe a una riduzione media dei costi di un notebook pari a 82 dollari che, considerando il particolare mercato e ancor più il segmento in cui Toshiba introdurrà le nuove soluzioni, è sicuramente significativo.

Questo potrebbe essere il primo passo di una strategia più ampia che condurrà Toshiba ad adottare l'architettura Puma che AMD introdurrà a fine anno. Un approfondimento dettagliato è disponibile qui mentre un'ampia descrizione dell'architettura Intel Centrino recentemente aggiornata e accessibile a questo indirizzo.

Toshiba ha utilizzato chip AMD fino al 2001: dopo tale data l'unica fornitrice di cpu è divenuta Intel. Questo particolare rientra in una più ampia vicenda giudiziaria che vede Intel accusata da AMD di utilizzare metodi di concorrenza sleale; la corte del distretto federale di Delaware, Stati Uniti d'America, ha voluto ascoltare la versione Dell, Sony, Toshiba, Gateway e Hitachi.

Intel ha risposto a tali accuse negando categoricamente ogni possibile comportamento scorretto e a questo indirizzo è disponibile un approfondimento. La vicenda, proprio in tempi recenti, ha avuto ulteriori sviluppi e vede Intel al centro di nuovi problemi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fx29 Maggio 2007, 15:31 #1
AMD dovrebbe lavorare maggiormente sul fronte laptop, in quanto non è competitiva con intel... anche i nuovi griffin non sembrano, sulla carta, quel salto in avanti che a questo punto sarebbe necessario per pareggiare i conti: in pratica sembra siano solamente dei k8 con delle soluzioni di risparmio energetico più aggressive... però per tanto così potevano anche svegliarsi 2 anni fa...
lucusta29 Maggio 2007, 15:56 #2
Fx, non credo che la capacita' produttiva di AMD era in grado di supportare i volumi di vendita di soluzioni entry livel degli OEM congiuntamente al reital.
oggi e' differente: 1 fabbrica in piu' e un patner produttivo.

per quanto riguarda griffin, a me non dispiace, come sistema per entry-livel.
gia' oggi AMD e' superiore in rapporto prestazioni/consumo alle alternative Intel (inteso riguardo a tutto il set dei chip principali), e con griffin (che integra anche miglioramenti alle SSE, oltre le nuove istruzioni) non potra' che migliorare;
poi in futuro ci saranno ulteriori miglioramenti dati dalla discendenza da K10 (dinamica anche sulle frequenze delle ram e altri affinamenti), e comunque si arrivera' a breve al quad sui portatili come top-livel, su sistemi che comunque ricoprono una nicchia di mercato, come adesso lo sono i processori piu' alti della serie 7xxx di intel.

82 dollari su un notebook che ne costa 500-600 non e' poco...

quello che manca ancora ad AMD e' un concorrente adatto per la piattaforma McCaslin, e in futuro Menlow, anche se e' probabile che venga ricoperta dal fusion riadattato a ultramobile, fra' piu' di un anno, pero'.

oggi invece potevano dare dei sempron mobile tagliati in frequenza a 1-1.2ghz, e capaci di scendere a 500mhz in modalita' a basso consumo (per ora il minimo e' solo di 800), contando che ha nel carnet i turion da 25W (certo, costerebbe la selezione dei core giusti, ma non si troverebbe con un mercato scoperto).
muradreis29 Maggio 2007, 16:45 #3
Ma la vogliamo smettere con questa storia della competitività?? Come se tutti utilizzassimo un laptop al 400% delle sue possibilità.. basiamoci sulla vita reale, non sulla teoria, please..
Processori meno costosi e che consumino "il giusto"??
BEN VENGA AMD!!
A me, utente, cosa me ne importa se un K8 modificato non è un K10?? O non è un Core 16?? Funziona bene? Ha un prezzo onesto? Un consumo che mi permetta di LAVORARE?
E se costa di meno mica è un dramma..

Vita reale...
killer97829 Maggio 2007, 19:21 #4
Quoto muradreis!!!

Su un note gia basta ed avanza un single core, i dual core sono gia superflui, a cosa serve pomparli di + quando il 90% dell'utenza cerca minor consumo e discreta potenza?

Secondo me AMD si sta muovendo bene ed il 2008 sarà l'anno del riscatto, un bello smacco x tutti i gufi
blackshard29 Maggio 2007, 20:28 #5
Originariamente inviato da: killer978
Quoto muradreis!!!

Su un note gia basta ed avanza un single core, i dual core sono gia superflui, a cosa serve pomparli di + quando il 90% dell'utenza cerca minor consumo e discreta potenza?

Secondo me AMD si sta muovendo bene ed il 2008 sarà l'anno del riscatto, un bello smacco x tutti i gufi


A parte essere d'accordo con tutto, speriamo davvero che nel 2008 ci sia un riscatto perché la competitività fa bene ai clienti e al mercato. E poi AMD deve rimpinguare un po' le casse che, con l'acquisto di ATi, si sono un attimo prosciugate. Per questo è sempre meglio incoraggiare il più "debole".
Sig. Stroboscopico29 Maggio 2007, 21:02 #6
Se anche fosse un entry level da 800 € uno sconto del 10% da 80 € non è affatto poco!
Intel ci guadagna un botto sulle sue soluzioni!

Speriamo che inizi una guerra dei prezzi anche sui laptop!

^__^
Gerardo Emanuele Giorgio30 Maggio 2007, 08:06 #7
ma è normale che qui ci siano commenti come quello di FX... è un sito enthusiast non sul rapporto prestazioni/prezzo se no si chiamerebbe Hardware Economy e tutti i membri comprerebbero componenti entry level.
Fatto sta che gli enthusiast siano una minoranza fortunatamente. Dico fortunatamente perche in caso contrario ci troveremmo da tempo con un monopolio in ogni settore di componentistica.

Comunque... AMD una mossa se la deve dare nel settore marketing. Ci vuole una campagna pubblicitaria spudorata come solo pochi sanno fare. Dovrebbero farsi dare lezioni da quel tale di redmond. Imparino a vendere anche il fumo e potranno competere con intel.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^