NEC ordina 1 milione di portatili da Quanta

NEC ordina 1 milione di portatili da Quanta

Il principale vendor giapponese ha ordinato 1 milione di notebook da Quanta, che dovranno essere pronti per il secondo trimestre del prossimo anno

di pubblicata il , alle 10:00 nel canale Portatili
 

La giapponese NEC ha ordinato presso Quanta Computer oltre un milione di notebook da consegnarsi entro il secondo trimestre del prossimo anno.

Il milione di portatili, che dovrebbe costituire il 60-70% delle proiezioni totali di vendite per NEC nel 2004, saranno prodotti nello stabilimento di Sonjiang, nela provincia cinese di Jiangsu.

Quanta ha rifiutato ogni commento ufficiale. La continua collaborazione delle due aziende rafforza la competitività di NEC in Giappone e nel resto del mondo.

NEC è il principale vendor nel paese del sol levante, con uno share del 25.30% circa e attualmente deve fronteggiare la minaccia di Dell che ha progetti di forte espansione in Giappone e sta cercando di spodestare dal trono NEC.

Quanta inizialmente non è stata in grado di assicurare l'intero volume dei notebook richiesti da NEC poichè ha dovuto stanziare una parte delle capacità produttive per la realizzazione di portatili proprio per Dell. La compagnia pare ora in grado di poter soddisfare le richieste di entrambi i vendor.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marck7712 Novembre 2003, 10:13 #1
Vabbè su 1 milione almeno uno potrebbero regalarmelo no?

Ma NEC avrà pagato in contanti o carta di credito? :P
metrino12 Novembre 2003, 10:27 #2
Avrà fatto un bonifico ... x ogni portatile!
leddlazarus12 Novembre 2003, 10:29 #3

scusate l'ignoranza

quindi i notebook NEC sono costruiti da quanta e rimarchiati?

metrino12 Novembre 2003, 10:53 #4
Rimarchiare vuol dire togliere un marchio x metterne un altro. Direi piuttosto che sono costruiti da Quanta e MARCHIATI NEC. Ma non è certo il primo caso, e non vale solo x i notebook
angeloclaudio12 Novembre 2003, 10:56 #5

Considerati scusato...

... i pc vengono si' costruiti da terze parti, ma secondo specifiche proprie della casa di cui poi risulteranno essere "marchiati". Praticamente tutti i portatili del mondo vengono fisicamente prodotti su misura da 3/4 grosse aziende in estremo oriente, tra cui la Quanta.
megaciccio12 Novembre 2003, 11:27 #6

probabilente non c'entra nulla...

...ma a proposito di "rimarchiare" Packard Bell è un marchio di proprietà di NEC con cui vengono commercializzati PC notebook e desktop.
leddlazarus12 Novembre 2003, 12:03 #7

"ri"marchiamento

lo so che è una pratica comunissima, ma credevo che certe case blasonate almeno mettessero un po' di suo.
persino i proc non vengono prodotti direttamente dal marchio (solo Intel? ma forse neanche quella).
cioe' trovo + nomale un lite-on marchiato OLIDATA.
Quanta se deve fare notebook per 20 marchi diversi, come minimo certe parti saranno perfettamente uguali.
quindi...le differenze tra notebook saranno minime. o no?
pietro66712 Novembre 2003, 14:15 #8

Re: "ri"marchiamento

Originariamente inviato da leddlazarus
Quanta se deve fare notebook per 20 marchi diversi, come minimo certe parti saranno perfettamente uguali.
quindi...le differenze tra notebook saranno minime. o no?


A parte il fatto che:
a) i produttori di matrici LCD saranno 4 o 5 in tutto;
b) i produttori di mobo saranno pochi di più;
c) la componentistica è tutta uguale o quasi e ripartita tra 3 o 4 produttori primari (chipset, video, cpu, slot PCMCIA, HD, ottico, batteria)
d) i produttori di CPU per notebook sono due (o forse tre, se contiamo Transmeta)
alla fine Quanta, COMPAL o altri fanno il progetto di ingegnerizzazione dell'assemblaggio disegnato dalle Case, e provvedono a ordinare lo stampaggio della plastica del case.
Il resto viene fatto dalle Case.
I grandi brand assemblano, nè più e nè meno dei piccoli; tra le caratteristiche migliorative, un ufficio tecnico di progettazione che può emettere specifiche di progetto più mirate e più stringenti, garantendo una qualità complessivamente migliore, ed una rete di assistenza tecnica che dovrebbe assicurare un servizio migliore (anche se poi, spesso non è così.
dragunov13 Novembre 2003, 21:59 #9
Quanta lavora contemporaneamente con 4 brand?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^