MSI U115, doppio disco e 20 ore di autonomia

MSI U115, doppio disco e 20 ore di autonomia

La società taiwanese mostra al pubblico la propria soluzione caratterizzata dalla presenza di un doppio disco, che consente di poter raggiungere fino a 20 ore di autonomia

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 09:25 nel canale Portatili
MSI
 

Se del nuovo Wind U115 si era già parlato diverso tempo fa, le prime soluzioni ancora non hanno fatto la propria comparsa sul mercato nostrano: in occasione del Cebit, il produttore taiwanese ha esposto tutta la propria gamma Netbook. Come nel caso di Asus, che ha deciso di arrestare lo sviluppo e la realizzazione dei modelli da 7", anche MSI intende rimanere solo su soluzioni 10", con la progressiva sospensione della commercializzazione dei prodotti con display da 9" di diagonale.

U 115 totale

La soluzione più interessante e innovativa all'interno della gamma Wind è rappresentata dal modello U115, che si differenzia dai suoi "simili" grazie alla presenza di un doppio disco, uno SSD da 8GB e uno tradizionale, da 160GB. Il resto della piattaforma è invece basata su Menlow, che si compone, in questo caso di un processore Intel Atom Z530 e chipset Intel Poulsbo US15W: il resto delle caratteristiche hardware rimane pressochè invariato, compreso il display, un normale dieci pollici in grado di raggiungere una risoluzione di 1024x600 pixel.

caratteristiche tecniche

La funzione Hybrid, così viene definita la presenza di due dischi, consente di poter disattivare l'lunità di storage tradizionale grazie ad una apposita shortcut da tastiera: in condizioni ottimali, il produttore dichiara di poter raggiungere fino a 20 ore di autonomia (nonostante i dati di targa ne dichiarino 12). Il modello, che dovrebbe arrivare sul mercato nel corso del mese di Aprile, si presenterà con un costo di circa 600 euro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor06 Marzo 2009, 09:35 #1
20 ore? ok, ma come? schermo spento, dischi spenti, led spenti... in pratica lavora solo l'orologio interno del computer?

mi piacerebbe leggere qualche dato "reale", non come capita con le automobili "25 km con un litro" (poi, scritto in piccolo, specificano che devi andare in discesa, col vento a favore e un camion davanti che ti taglia l'aria...)
gianni187906 Marzo 2009, 09:35 #2
non si sa il tipo di batteria che monta??
Luca6906 Marzo 2009, 09:38 #3
Be se facesse veramente 10 o 12 ore sarebbe un bel traguardo!
Andics06 Marzo 2009, 09:43 #4
anche ad 8 ore lo comprerei

ora ho il veccchio u100 con la 3 celle dura 2 ore....gia con la 6 (opzionale per miseri 100e) si arriva a 4 ore ma il peso ne risente un bel pò...chissà questo...
Fx06 Marzo 2009, 09:45 #5
Originariamente inviato da: gianni1879
non si sa il tipo di batteria che monta??


al piombo, 12V, 54 A/h

scherzi a parte mi fa ridere che per i netbook ARM si spenda come enorme vantaggio sugli altri quello dell'autonomia, quando:
- con un x86 puoi ottenere durate anche superiori (vedasi questo ma anche altri prodotti al di fuori del segmento netbook, del passato e non)
- con un atom hai delle performance ridotte rispetto alle cpu "full" ma almeno quelle le hai, a differenza dell'ARM
- puoi installare windows, e la realtà dei fatti è che i netbook con linux sono subito stati messi da parte non appena hanno iniziato ad installarci xp (e anche gli altri voglio vedere su quanti sono rimasti su linux... non a caso le statistiche tipo net applications dei sistemi operativi installati vedono le varie distro dedicate ai netbook a percentuali bassissime, nonostante dati di vendita importanti)

come si sarà capito, personalmente non vedo un grande futuro nei netbook ARM, così come d'altronde non vedrei un grande futuro per atom se volesse finire nei palmari =)
krogy8006 Marzo 2009, 10:12 #6
Originariamente inviato da: Fx
- con un x86 puoi ottenere durate anche superiori (vedasi questo ma anche altri prodotti al di fuori del segmento netbook, del passato e non)


-a paritá di batteria e schermo é semplicemente impossibile per un Atom avere un'autonomia migliore di un Arm. almeno con le architetture odierne (Cortex A8 e Menlow)

Originariamente inviato da: Fx
- con un atom hai delle performance ridotte rispetto alle cpu "full" ma almeno quelle le hai, a differenza dell'ARM


questo perché tutti i processori ARM in giro sono ancora ARM11, un'architettura obsoleta presentata quando Intel aveva ancora i P4.
confronta Atom con i Cortex A8/A9 e ne vedrai delle belle

Originariamente inviato da: Fx
- puoi installare windows, e la realtà dei fatti è che i netbook con linux sono subito stati messi da parte non appena hanno iniziato ad installarci xp


si, solo perché Microsoft ha riesumato e praticamente regalato XP.
é chiaro che se il prezzo é quasi uguale la licenza di windows é un valore aggiunto. vedremo se regaleranno anche win 7 allo stesso modo (probabilmente ci rifileranno la starter edition, quella con la limitazione sul numero degli applicativi aperti). altrimenti i prezzi saranno piú differenziati e a quel punto sará il mercato a decidere...

Originariamente inviato da: Fx
(e anche gli altri voglio vedere su quanti sono rimasti su linux... non a caso le statistiche tipo net applications dei sistemi operativi installati vedono le varie distro dedicate ai netbook a percentuali bassissime, nonostante dati di vendita importanti)


il fatto importante non é se linux rimane installato ma che siano venduti con esso. ti da un'alternativa a basso costo dove puoi utilizzare una vecchia licenza retail, BSD, Risc OS o quant'altro!!! vuol dire libertá di scelta, e dalla windows tax.
non ti pare una cosa buona e giusta(tm)?
e comunque gli OEM se ne fregano di che cosa ci fai dopo coi loro prodotti. se c'é domanda per Linux proporranno Linux.

Originariamente inviato da: Fx
come si sarà capito, personalmente non vedo un grande futuro nei netbook ARM, così come d'altronde non vedrei un grande futuro per atom se volesse finire nei palmari =)


io invece ci spero come spero che Linux continui a essere proposto.
con questo non voglio un mercato dominato da ARM + Linux. dico che sarebbe salutare che entrambi abbiano uno share intorno al 30%.
meme8006 Marzo 2009, 10:20 #7
Avete letto bene?

Il modello, che dovrebbe arrivare sul mercato nel corso del mese di Aprile, si presenterà con un costo di circa 600 euro.


Ma stiamo scherzando? 600 euro per quel coso? 300-350 è il max che potrebbe valere.
Elisis06 Marzo 2009, 11:26 #8
le differenze tra lo z530 e l'n230 sono effettivamente significative? o conta più il chipset? lo chiedo da ignorante in materia..
jokerpunkz06 Marzo 2009, 11:28 #9
600-dannati-euro li puo valere solo se VERAMENTE tira avanti 20 ore lavorando al minimo....
e kmq ci vorrei sopra in omaggio il chassis in alluminio a questo punto, magari arrivando a mettere l'arm sotto il cofano completamente passivo(!)... ecco cosi si tirerebbe forse a 20 ore e quei soldi li vlrebbe tutti
Fx06 Marzo 2009, 11:30 #10
Originariamente inviato da: krogy80
-a paritá di batteria e schermo é semplicemente impossibile per un Atom avere un'autonomia migliore di un Arm. almeno con le architetture odierne (Cortex A8 e Menlow)


discutibile. su architetture di quel tipo l'ultima cosa che conta è il TDP del processore, dato che sono processori con consumi estremamente bassi, che poi in full load sia un watt o due cambia poco. prima vengono chipset, schermo, disco, eccetera.

Originariamente inviato da: krogy80
questo perché tutti i processori ARM in giro sono ancora ARM11, un'architettura obsoleta presentata quando Intel aveva ancora i P4.
confronta Atom con i Cortex A8/A9 e ne vedrai delle belle


qui non c'entra l'obsolescenza o meno, c'entra la tipologia di prodotto: sono cpu pensati per ambiti diversi. non a caso l'atom viene proposto sempre a 1.6 ghz e mentre in cortex si ferma a 1 ghz. e tra l'altro, se posso capire che in certi benchmark specifici possano essere equivalenti a parità di clock (parità che comunque non c'è, c'è da tener conto che nell'uso reale, con più applicativi aperti assieme le cose cambiano.

Originariamente inviato da: krogy80
si, solo perché Microsoft ha riesumato e praticamente regalato XP.
é chiaro che se il prezzo é quasi uguale la licenza di windows é un valore aggiunto. vedremo se regaleranno anche win 7 allo stesso modo (probabilmente ci rifileranno la starter edition, quella con la limitazione sul numero degli applicativi aperti). altrimenti i prezzi saranno piú differenziati e a quel punto sará il mercato a decidere...


il mercato HA deciso. tutti coloro che dicevano che linux non decollava perchè non veniva proposto con l'adeguata forza sul mercato sono stati clamorosamente smentiti dai fatti: tant'è che alcuni produttori di netbook hanno paventato l'ipotesi di eliminare del tutto l'offerta linux. DOPO ESSER PARTITI AD OFFRIRE SOLO QUELLA.

Originariamente inviato da: krogy80
il fatto importante non é se linux rimane installato ma che siano venduti con esso. ti da un'alternativa a basso costo dove puoi utilizzare una vecchia licenza retail, BSD, Risc OS o quant'altro!!! vuol dire libertá di scelta, e dalla windows tax.
non ti pare una cosa buona e giusta(tm)?


a me sembra una cosa stupida. se il 95% dell'utenza ti chiede windows, io preferisco che il produttore commercializzi solo l'offerta con windows ad un prezzo più basso (eh già, perchè personalizzare una distro, realizzare la gui ad hoc, verificare la compatibilità con i driver, supportare il tutto costa... e alla fine quel costo viene recuperato con il poco che vendi o viene spalmato sul complessivo?), PREMESSO CHE ovviamente per quel 5% devono esserci delle modalità di rimborso semplici e trasparenti nel caso in cui non vogliano utilizzare la licenza windows inclusa.

in altri termini attualmente non è sbagliato che delle aziende propongano solo ciò che indiscutibilmente tira di più, è sbagliato che spesso sia complicato e lungo avere il rimborso della licenza di windows (premesso che ovviamente sarano qualche dieci euro a dir tanto, è ovvio che chi acquista licenze oem a milionate le vada a pagare uno sputo).


Originariamente inviato da: krogy80
e comunque gli OEM se ne fregano di che cosa ci fai dopo coi loro prodotti. se c'é domanda per Linux proporranno Linux.


difatti il punto è che la domanda non c'è


Originariamente inviato da: krogy80
io invece ci spero come spero che Linux continui a essere proposto.
con questo non voglio un mercato dominato da ARM + Linux. dico che sarebbe salutare che entrambi abbiano uno share intorno al 30%.


guarda, personalmente sarei ben felice di vedere linux diffondersi ma il mio spirito pragmatico mi impedisce di sorvolare sulle enormi pecche che linux ha sul versante desktop per l'utente medio. non a caso da dieci anni a questa parte sento che l'anno in corso è "l'anno di linux", e alla fine non cambia mai niente. windows domina, apple si fa i cazzi suoi, e linux rimane nelle sue nicchie (parlo di desktop eh).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^