MSI e Gigabyte spingono notebook in Cina e in Europa

MSI e Gigabyte spingono notebook in Cina e in Europa

I due colossi taiwanesi hanno avviato trattative con i produttori di notebook per spingere le vendite delle proprie soluzioni in Cina e in Europa

di pubblicata il , alle 18:07 nel canale Portatili
GigabyteMSI
 

Due dei principali produttori tiawanesi di schede madri, Gigabyte Technology e Micro-Star International, stanno cercando di spingere le vendite dei notebook a proprio brand nei mercati della Cina e dell'Europa, espandendo la cooperazione con i contract maker Taiwanesi.

Per riuscire a proporre i prodotti in tempo sul mercato entrambe le compagnie hanno deciso di collaborare con quanti contract maker possibili, rendendo ognuno responsabile per la produzione di un singolo modello.

Gigabyte ha assegnato la produzione dei notebook G-MAX a quattro compagnie: FIC produrrà il modello NB-1401, Compal è stata scelta per il modello N501, Wistron realizzerà il modello N601, mentre Arima produrrà il modello N512. (A questo articolo maggiori informazioni sui notebook G-MAX)

MSI ha invece avviato la collaborazione con Averatec, per promuovere la vendita dei portatili a brand ART in Cina, con FIC che fornisce il modello ART 5100 (piattaforma Centrino da 15"), Twinhead che produce ART 3200 (basato su CPU AMD) e Uniwill che realizza un modello a 15 pollici del quale per ora non è noto il nome.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
atomo3721 Aprile 2004, 20:53 #1
che aggressività!
chissà quando arriveranno in italia questi prodotti, sono curiossisimo, soprattutto voglio vedere che impatto avranno sui prezzi di mercato!
Silverain23 Aprile 2004, 10:39 #2

E la qualità?

Ma un sistema così parcellizzato non rischia di produrre un livello di qualità dei prodotti a dir poco "altalenante" tra modelli di uno stesso marchio? E ciò non rischia di produrre effetti negativi sull'immagine dell'azienda?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^