Microsoft e Intel: limite netbook a 10,2 pollici per Windows 7

Microsoft e Intel: limite netbook a 10,2 pollici per Windows 7

I due colossi hanno raggiunto un punto condiviso per definire i limiti da imporre ai sistemi netbook per consentire ai produttori di accedere alle licenze di Windows 7 ad un prezzo vantaggioso

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:45 nel canale Portatili
IntelMicrosoftWindows
 

Secondo le informazioni disponibili sul sito web Digitimes, Microsoft ed Intel avrebbero raggiunto un punto di incontro per quanto riguarda le limitazioni da imporre ai produttori di sistemi netbook affinché possano impiegare Windows 7 sulle proprie soluzioni.

Digitimes cita fonti interne ai produttori ODM taiwanesi di sistemi portatili, asserendo che i due colossi avrebbero deciso di porre quale limite superiore alla dimensione degli schermi e, pertanto, al form factor la misura di 10,2 pollici.

Nel caso in cui un produttore dovesse decidere di produrre un sistema netbook con form-factor superiore ai 10,2 pollici, potrà comunque utilizzare, se lo volesse, Windows 7, ma acquistando la licenza ad un prezzo superiore e con le dirette conseguenze sul prezzo del prodotto.

Questa mossa potrebbe avere delle conseguenze poco piacevoli per VIA: nel segmento dei netbook con form factor superiore ai 10,2 pollici le soluzioni basate su processore VIA mostrano un prezzo più interessante rispetto alla concorrenza. La limitazione per la licenza di Windows 7 potrebbe così mettere i produttori di sistemi nella condizione di realizzare, anche per la piattaforma VIA, netbook entro i 10,2 pollici, dove è invece molto agguerrita la battaglia contro Atom.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

57 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GLaMacchina26 Maggio 2009, 10:50 #1
I due colossi hanno raggiunto un punto condiviso per definire i limiti da imporre ai sistemi netbook per consentire a loro stessi di mantenere il monopolio anche con Windows 7 ad un prezzo vantaggioso per loro.
Polvere26 Maggio 2009, 11:01 #2
[INDENT]conseguenze poco piacevoli per VIA: nel segmento dei netbook con form factor superiore ai 10,2 pollici le soluzioni basate su processore VIA mostrano un prezzo più interessante rispetto alla concorrenza[/INDENT]

Ci vorrebbe un'altra bella multa per intel .. E stavolta anche per microsoft
OmbraShadow26 Maggio 2009, 11:04 #3
Riusciremo mai a lasciarci alle spalle la Wintel? Chissà come sarebbe stata diversa l'informatica senza sto monopolio hardware software.

Certo che però il sodalizio tra lòe due società va bene..vanno d'amore e d'accordo...se una prende una multa dalla UE, l'altra si fà multare pue lei
SpyroTSK26 Maggio 2009, 11:07 #4
non è proprio colpa di intel, lei può essere d'accordo o no, è ms che se vuole lo fà e basta. quindi o siete d'accordo o usate os alternativi.

Easy.

ps: I love my Linux Box
LOL-LOL-LOL26 Maggio 2009, 11:14 #5
hanno scelto la dimensione ufficiale della ceppa di Rocco come unità di misura del netbook.
10,2 pollici...

non sarebbe sbagliato quindi dire che sono progettati a "c@zzo"...in tutti i sensi
tokun26 Maggio 2009, 11:22 #6
sono due cessi dal punto di vista di politica di mercato, veramente li trovo rivoltanti.sono due cessi dal punto di vista di politica di mercato, veramente li trovo rivoltanti.
TRF8326 Maggio 2009, 11:30 #7
Beh..Microsoft lo fa per evitare che vengano utilizzate tali licenze su notebook (un portatile con display da 12" non è già più nella categoria netbook). Così facendo è sparita la limitazione di tre applicazioni contemporanee, ma ovviamente..si doveva limitare qualcos'altro! Intel non è assolutamente da sanzionare (colpa sua fare un processore in-order dal costo irrisorio, anche se non eccessivamente performante, rispetto ad un Nano a frequenza nettamente inferiore? Non credo..). Idem Microsoft..non vuole perderci soldi e per farlo deve imporre delle limitazioni più o meno stringenti.. Se poi al cliente non va bene tale limite..può sempre prendere un netbook con display da 12", piattaforma Nano e una bella distro linux..
diablo...aka...boss26 Maggio 2009, 11:37 #8
Se mi devo comprare un netbook sopra i 10.2" tanto vale comprarsi un notebook.
Questo però non giustifica certo questa ovvia scorrettezza da parte di Microsoft. Spero in una bella multa! La Intel a queste richieste può far ben poco, perderebbe troppi soldi.

La scelta di sistemi alternativi sarebbe la cosa migliore, però l' utente medio linux fa fatica ad usarlo, questo è il problema. L' unica alternativa rimangono i Mac (che si basano sempre su unix), però i mac costano molto...
leddlazarus26 Maggio 2009, 11:39 #9
per me non è un gran problema.

fa già fatica a girare XP chissà windows7

sono macchinette giuste giuste per distro linux ottimizzate.
MadJackal26 Maggio 2009, 12:03 #10
Originariamente inviato da: diablo...aka...boss
Se mi devo comprare un netbook sopra i 10.2" tanto vale comprarsi un notebook.
Questo però non giustifica certo questa ovvia scorrettezza da parte di Microsoft. Spero in una bella multa! La Intel a queste richieste può far ben poco, perderebbe troppi soldi.

La scelta di sistemi alternativi sarebbe la cosa migliore, però l' utente medio linux fa fatica ad usarlo, questo è il problema. L' unica alternativa rimangono i Mac (che si basano sempre su unix), però i mac costano molto...


Beh, dipende. Un netbook 12", come il dell, ha una batteria che dura un macello più di un notebook 12... A meno che tu non voglia spendere una cifra per il notebook. Mi pare il giusto tra prezzo-prestazioni, un netbook 12".
Ma poi sono gusti personali... Gli schermi da 10" mi uccidono

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^