Mastushita, la ricerca sulle celle al metanolo continua

Mastushita, la ricerca sulle celle al metanolo continua

Matsushita percorre un altro passo importante nella ricerca di soluzioni di alimentazione alternativa di apparecchi portatili

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:37 nel canale Portatili
 

Stando a quanto riportato da EETimes, Matsushita Battery Industrial Co, uno dei colossi nella commercializzazione e ricerca e sviluppo di sistemi di alimentazione per apparecchi portatili, avrebbe ottenuto risultati incoraggianti sul fronte delle batterie DMFC, direct methanol fuel cell, a base di metanolo, come è facile intuire.

La nuova cella a combustibile avrebbe ora dimensioni molto più contenute, approssimativamente quelle di una classica lattina, ovvero la metà rispetto ai precedenti prototipi.

Con un'uscita media di 13 Watt e picco di 20, ed un peso contenuto, tale propotipo ha permesso di far funzionare un PC portatile per 20 ore ininterrotte. Non si parla purtroppo delle caratteristiche del PC, anche se verosimilmente si tratta di un modello davvero poco esigente in termini energetici; ciò non toglie che la ricerca continua, e che quelli che sembrano meri esercizi potranno essere la base delle tecnologie quotidiane di un futuro nemmeno troppo lontano.

Fonte: EETimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

62 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MCA06 Gennaio 2006, 11:16 #1
20 ore sono un bel passo in avanti...
JohnPetrucci06 Gennaio 2006, 11:19 #2
Ben vengano simili soluzioni, da troppo tempo la durata delle batterie dei Notebook è un limite evidente per chi ne fa uso spesso fuori casa o cmq non ha la possibilità di ricaricare ogni 4-5 ore.
aLLaNoN8106 Gennaio 2006, 11:28 #3
Ma a voi piacerebbe davvero dovervi portare dietro una bomboletta di metanolo per ricaricare la batteria? a me sinceramente no... La via da percorrere piuttosto sarebbe quella di nuove batteria più efficienti... Il metanolo può essere adatto a chi fa un uso atipico del notebook, come per esempio ricercatori che lavorano in ambienti difficili dove si fatica a trovare corrente elettrica, ma per i normali usi batterie più durature sarebbero una soluzione migliore.
diabolik198106 Gennaio 2006, 11:41 #4
Oltretutto non sarebbe anche pericoloso da portarsi dietro sia la bomboletta che il portatile con batteria al metanolo?
exec06 Gennaio 2006, 11:43 #5
Di sicuro quando uscirà questa tecnologia nel mercato ci sarà ancora spazio per le normali batterie: potrai scegliere se usare questo sistema oppure usare ancora le normali batterie se non ha i esigenze particolari, non è che se esce questo nuovo sistema il vecchio verrà soppiantato... COmqunque come di Jpetrucci, ben vengano simili soluzioni. Io sono per l'uso di queste soluzione anche nell'ambiente di tutti i giorni...
aLLaNoN8106 Gennaio 2006, 11:45 #6
Originariamente inviato da: diabolik1981
Oltretutto non sarebbe anche pericoloso da portarsi dietro sia la bomboletta che il portatile con batteria al metanolo?

Il metanolo poi brucia senza produrre fiamma, è totalmente invisibile, te ne accorgi che sta andando a fuoco solo dal calore...
aLLaNoN8106 Gennaio 2006, 11:46 #7
Originariamente inviato da: exec
Di sicuro quando uscirà questa tecnologia nel mercato ci sarà ancora spazio per le normali batterie: potrai scegliere se usare questo sistema oppure usare ancora le normali batterie se non ha i esigenze particolari, non è che se esce questo nuovo sistema il vecchio verrà soppiantato... COmqunque come di Jpetrucci, ben vengano simili soluzioni. Io sono per l'uso di queste soluzione anche nell'ambiente di tutti i giorni...

Io invece preferirei una batteria che nativamente mi fornisca 10 ore di autonomia, questa si che servirebbe nella vita di tutti i giorni, sfido chiunque ad usare per più di 10-12 ore consecutivamente un portatile in ambiente esterno. Le ricariche al metanolo servono solo in quegli ambienti dove manca la corrente ed a fine giornata non si può ricaricare la batteria tramite la corrente di rete.
sster06 Gennaio 2006, 11:53 #8
penso che sia meno pericoloso che portarsi dietro un accendino,
poi non so se dico una cavolata ma il metanolo dovrebbe essere liquido, quindi niente bombolette sotto pressione.

L'unico pericolo è bagnarsi durante le ricarica, per quello dovrebbero studiare un metodo sicuro.

Cmq meglio non fumarci sopra :-)
Mde7906 Gennaio 2006, 12:15 #9
Si ma se le batterie più durature non arrivano perchè i miglioramenti non riescono a compensare gli aumenti di consumo ben vengano soluzioni alternative.
Troll XX06 Gennaio 2006, 12:15 #10
esatto, il metanolo alle condizioni standard di pressione e temperatura e liquido...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^