Margini di profitto in calo per produttori di Notebook

Margini di profitto in calo per produttori di Notebook

Le consegne annuali dei produttori di portatili sono in crescita, ma il margine di profitto continua a scendere

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:24 nel canale Portatili
 

Secondo alcune stime di mercato le consegne di notebook prodotti a Taiwan dovrebbero raggiungere la quota di 30 milioni di unità, ovvero il 60% delle vendite globali per il 2004 stimate precedentemente nell'ordine dei 50 milioni di notebook. Lo scorso anno i produttori taiwanesi hanno consegnato 21,4 milioni di portatili con un global market share del 53,7%.

In ogni caso, ad eccezione di Quanta Computer, nessun produttore ha visto margini di profitto a due cifre dal terzo trimestre del 2000 e anche Quanta sta cercando di adoperarsi per evitare che nel 2004 il proprio margine di profitto scenda sotto la quota del 6%.

Compal Electronics, il secondo maggiore produttore di notebook, è riuscito a superare tutti i produttori arrivando a quota 7,1% di margine di profitto. Compal è seguita da Inventec al 5,8% quindi da Quanta al 5,7% ed infine da Wistron al 5,6%.

Arima Computer dovrebbe vedere salire i propri margini di profitto, dopo che ha completato il contratto di produzione con HP, nello scorso 2003.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxilupo28 Giugno 2004, 12:23 #1
forse i valori di 7% sono solo i valori dichiarati, e i margini sono in realtà maggiori.
comunque già col 7% si hanno guadagni intorno ai 100€ a portatile. moltiplicato per il volume di produzione.....
atomo3728 Giugno 2004, 12:32 #2
strano ultimamente ho avuto la sensazione che i prezzi dei portatili non solo abbiano smesso di scendere ma mi pare quasi che siano un po' saliti.
zerothehero28 Giugno 2004, 12:56 #3
dopo questa notizia sto pensando di donare l'8 per mille ai produttori di notebook..non vorrei che soffrano la fame poverini...in fin dai conti come farebbero a sopravvivere senza qualche miliardo di dollari?
magilvia28 Giugno 2004, 13:38 #4
dopo questa notizia sto pensando di donare l'8 per mille ai produttori di notebook..non vorrei che soffrano la fame poverini...in fin dai conti come farebbero a sopravvivere senza qualche miliardo di dollari?

ROTFLASTC
atomo3728 Giugno 2004, 13:57 #5
LOL
comunque non è da sottovalutare sta news, ci sono settori in cui la marginalità è incredibilmente bassa, basti pensare ai produttori di supporti cd-r che stanno chiudendo perchè vendono addirittura sottocosto!
DioBrando28 Giugno 2004, 19:20 #6
l'importante è che n decidano di istituire un cartello, come è successo per la RAM, nel momento in cui questa guerra dei prezzi ( vedi Asus contro Acer ad es) sia portatrice + di svantaggi che vantaggi
crismatica29 Giugno 2004, 12:26 #7
Originariamente inviato da maxilupo
forse i valori di 7% sono solo i valori dichiarati, e i margini sono in realtà maggiori.
comunque già col 7% si hanno guadagni intorno ai 100€ a portatile. moltiplicato per il volume di produzione.....



Fai bene i conti ci sono notebook che costano anche 1000 €
il 7% fa 70 € lorde !! (spedizioni (10€) tasse (50%)... dove le mettiamo alla fine non so quanto rimane)
è da condiderare anche le spese di progettazione di un notebook e non solo del materiale come per una automobile.
sviti01 Luglio 2004, 10:25 #8
Originariamente inviato da crismatica
Fai bene i conti ci sono notebook che costano anche 1000 €
il 7% fa 70 € lorde !! (spedizioni (10€) tasse (50%)... dove le mettiamo alla fine non so quanto rimane)
è da condiderare anche le spese di progettazione di un notebook e non solo del materiale come per una automobile.



Assolutemente no, mi pare chiaro che per "profitti" si intende il tornaconto al netto di tutte quelle spese che dici tu!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^