Kit a liquido per notebook allo studio da Asetek

Kit a liquido per notebook allo studio da Asetek

Raffreddare al meglio i notebook di più elevate prestazioni? Per Asetek la ricetta è un sistema di raffreddamento a liquido di tipo integrato, collegato sia alla CPU come alle GPU

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Portatili
 

Asetek ha annunciato lo sviluppo di un nuovo sistema di raffreddamento a liquido adatto all'utilizzo in sistemi notebook e all in one, con il quale poter assicurare sia migliore dissipazione termica rispetto ai tradizionali kit ad aria. L'approccio è quello standard dei kit a liquido integrati: waterblock montati sui componenti da dissipare, con un sistema di circolazione del liquido di tipo chiuso collegato ad una pompa.

Una soluzione di questo tipo non può ovviamente essere adattata a tutti i sistemi notebook: questi devono essere di una certa potenza, così da richiedere un raffreddamento supplementare e oltre a questo mettere a disposizione uno spazio adeguato all'interno dello chassis. I candidati ideali sono quindi quei notebook con display da 17 pollici, dotati di processori dalla notevole potenza di calcolo e abbinati a sottosistemi video con due GPU che operano in parallelo.

Nel video Asetek ha dimostrato il principio di funzionamento di questa tecnologia, evidenziandone i benefici rispetto ad un tradizionale approccio con kit ad aria. Il risultato è quello di aver portato un notebook Alienware M18x, soluzione desktop replacement specificamente indirizzata ai videogiocatori più esigenti., ad un notevole incremento nelle frequenze di clock della CPU (da 3,5 GHz sino a 4,4 GHz) e delle due GPU (da 680 MHz a 800 MHz). Tali valori, non compatibili con il sistema di raffreddamento ad aria di default integrato nel notebook, sono stati ottenuti anche con una riduzione del rumore di funzionamento.

Che vi sia necessità di sistemi di raffreddamento più efficaci anche in sistemi notebook è evidente, a dispetto della continua contrazione dei TDP massimi dei processori utilizzati in sistemi portatili. Non sappiamo tuttavia quale potrà essere il futuro commerciale di questa tecnologia sviluppata da Asetek: è presumibile che trovi spazio in specifiche implementazioni di clienti OEM in quanto richiede un design specifico in funzione del particolare chassis del notebook utilizzato e non può essere proposta con un design di tipo universale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
19giorgio8722 Marzo 2012, 08:47 #1
Qualcuno lo comprerà, io ho un HP 635 che va a carbone, un sistema a liquido del genere costerebbe più di tutto il portatile (comprato a 250€ in ottobre 2011)..comunque bravo Corsini, alle 8.01 già produttivo! Un vero esempio di professionalità.
viger22 Marzo 2012, 08:55 #2
Non è il solo che dorme poco.


In ogni caso non è una soluzione per terminali di ridotte dimensioni, quelli a cui sono interessato io.

Il mio obbiettivo è sostituire il mio 13" da 1,8kili con doppia scheda grafica, mi stò guardando in giro da mesi ma gli UltraBook sembrano un passo indietro rispetto al passato (Vga integrata, prezzi indiscriminati).
StyleB22 Marzo 2012, 10:01 #3
certo e la decadenza del liquido? dove lo si ricarica?
l'idea in se è eccellente perchè ci sono alcuni pc's di fascia alta, dai alienware, ai Toshiba Qosmio, agli asus di fascia ROG, che davvero necessiterebbero di un sistema di raffreddamento meglio studiato e più efficiente, in quanto producono calore fuori misura e certamente in quanto desktop replacement, rischiano di doversene stare ore accesi con tutti i problemi del caso.
OldSchoolShoter22 Marzo 2012, 10:06 #4
E invece è una cosa fantastica, certamente non riferita ai classici utenti di fascia medio bassa, ma agli utenti enthusiast, ovvero i gamers e quelli che cercano una workstation portatile o un server portatile.

Le cpu da desktop di fascia alta o da server sono già usanti nei portatili come Eurocom o Maingear, i migliori, ma è chiaro che il loro raffreddamento è al limite, questa soluzione permetterebbe di farlo in tutta sicurezza.

Le cpu mobile fra l'altro costano un botto, se si potessero mettere ora delle cpu come un i5 o un i7 LGA1155 sarebbe un favore anche per il prezzo, ma comunque anche in caso di esacore LGA2011 ci sarebbe la possibilità.
kibo8722 Marzo 2012, 10:51 #5
Sicuramente interessante.
Inoltre è dedicato a una fascia di utenti che non si spaventera per qualche euro in più
ArteTetra22 Marzo 2012, 15:12 #6
Non riesco a capire il reale vantaggio di un sistema a liquido in un notebook... in un desktop il vero punto di forza del liquido è il poter usare radiatori di grosse dimensioni perché i tubi, al contrario delle heatpipe, sono flessibili e facilmente allungabili.
In un notebook, alla fine lo spazio è limitato e le dimensioni dei radiatori pure: il calore che possono dissipare non cambia. Quanto alla questione della distribuzione del carico, anche con le heatpipe normali si può fare in modo che il calore venga dissipato da tutti i radiatori anche se un solo componente è in uso, per esempio nelle workstation Dell è già così.
OldSchoolShoter22 Marzo 2012, 16:58 #7
Originariamente inviato da: ArteTetra
Non riesco a capire il reale vantaggio di un sistema a liquido in un notebook... in un desktop il vero punto di forza del liquido è il poter usare radiatori di grosse dimensioni perché i tubi, al contrario delle heatpipe, sono flessibili e facilmente allungabili.
In un notebook, alla fine lo spazio è limitato e le dimensioni dei radiatori pure: il calore che possono dissipare non cambia. Quanto alla questione della distribuzione del carico, anche con le heatpipe normali si può fare in modo che il calore venga dissipato da tutti i radiatori anche se un solo componente è in uso, per esempio nelle workstation Dell è già così.


Il punto di forza è il poter usare processori da desktop anzichè le versioni mobile mega castrate e costose, esacore compresi.
Fra l'altro è chiaro che non si parlare dello stesso potenziale in stile Ybris, ma quantomeno eguagliare prestazioni di uno tipo Corsair eliminando magari anche i problemi legati alla stagione estiva, se a te pare poco.........
Tieni conto che già modello come l'Eurocom serie Phanter già usano modelli X58 e X79 ma sono al limite della dissipazione, con questo il problema è risolto e si potrebbe anche overcloccare, inoltre i modelli della serie M costano quindi non è detto che parte del prezzo del liquido la vai a recuperare sulla cpu.


Guarda come sono messi ora i pezzi grossi :

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Link ad immagine (click per visualizzarla)
Trudi_smashdream22 Marzo 2012, 19:46 #8
Originariamente inviato da: OldSchoolShoter
Guarda come sono messi ora i pezzi grossi


Non lo definirei esattamente Notebook

Comunque a me il liquido sui NB sembra un'idea eccezzionale!!
ArteTetra22 Marzo 2012, 20:26 #9
Originariamente inviato da: OldSchoolShoter
Il punto di forza è il poter usare processori da desktop anzichè le versioni mobile mega castrate e costose, esacore compresi.
Fra l'altro è chiaro che non si parlare dello stesso potenziale in stile Ybris, ma quantomeno eguagliare prestazioni di uno tipo Corsair eliminando magari anche i problemi legati alla stagione estiva, se a te pare poco.........
Tieni conto che già modello come l'Eurocom serie Phanter già usano modelli X58 e X79 ma sono al limite della dissipazione, con questo il problema è risolto e si potrebbe anche overcloccare, inoltre i modelli della serie M costano quindi non è detto che parte del prezzo del liquido la vai a recuperare sulla cpu.


Non hai letto o non hai capito quello che ho scritto.
OldSchoolShoter23 Marzo 2012, 00:48 #10
Originariamente inviato da: Trudi_smashdream
Non lo definirei esattamente Notebook

Comunque a me il liquido sui NB sembra un'idea eccezzionale!!


Notebook è un computer portatile con tutte le perifieriche integrate, non deve essere per forza piccolo o sottile, questi sono notebook desktop replacement o gaming notebook ( quelli veri e il fatto di essere bello ampio fa piacere per via del monitor ).

E ovviamente in questo caso parlo più di Alienware ( visto che è il riferimento europeo mentre quegli altri devono per forza venire da oltre oceano ), che seppur vista come un notebook estremo alla fine non è minimamente competitivo con i marchi sopracitati perchè ancora sottostanti alle limitazioni hardware alle serie "Mobile" e "Ultra low power", ed è un peccato visto che da quanto ne so è anche l'unica a fornire il 18" 120Hz full HD, questa è la volta che anche loro finalmente ci rifiliano un bel i7 o i5 Desktop anzichè quelle patacche dalle basse frequenze, bloccate e dal prezzo alto tipo Intel® Core™ i7-2860QM Processor che con quella frequenza ridicola costa pure 568$, un i5 2500k o un i7 3820 andrebbero decisamente meglio e recupereresti le spese del liquido in pieno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^