Intel al lavoro per aumentare l'autonomia dei PC portatili

Intel al lavoro per aumentare l'autonomia dei PC portatili

Allo studio 4 nuove tecnologie per prolungare la durata media dell'autonomia dei portatili mantenendo lo stesso tipo di batteria, grazie ad interventi software

di pubblicata il , alle 15:09 nel canale Portatili
Intel
 

Intel sarebbe in procinto di approvare, per le prossime release di chipset per piattaforme destinate al mondo dei PC portatili, una serie di tecnologie finalizzate all'aumento dell'autonomia dei PC portatili, basate principalmente su migliorie software.

Da una recente indagine condotta su un ampio campione di utenti che utilizzano comunemente il PC portatile, è emerso che al primo posto delle richieste della gente non vi sono le prestazioni o il look, ma una maggiore durata delle batterie. A partire dall'anno 2007 dunque, verosimilmente sulle piattaforme Santa Rosa, Intel ha annunciato di introdurre 4 interventi avente come scopo quello di abbassare le esigenze del PC completo di circa 1,5W. Come? Analizziamo rapidamente i 4 punti messi in evidenza da HKEPC:

Intel

1. D2PO: questa tecnologia permetterà di analizzare in tempo reale il materiale visualizzato a schermo. In caso di immagini in movimento, il pannello verrà utilizzato al suo massimo, creando un'immagine a 60Hz progressivi, mentre si passerà ad una visualizzazione a 60Hz interlacciati qualora i contenuti si rivelassero statici, come per esempio in un comune utilizzo con software di produttività personale da ufficio. Risparmio previsto: dai 200mW ai 400mW.

Intel

2. Display P-States technology: simile alla prima per quanto riguarda la riproduzione di contenuti dinamici o statici, questa tecnologia prevede lo sfruttamento sempre della modalità progressiva, ma con cambiamenti nel refresh che potrà essere di 40, 50 o 60Hz. Risparmio previsto: dai 200mW ai 300mW.

3. Display Power Saving Technology (DPST) 3.0: risparmi nell'ordine del 25% dovrebbero arrivare dall'introduzione di questa tecnologia a partire dal chipset 965GM, in base a non meglio precisati interventi sulla luminosità dello schermo, che dovrebbe in ogni caso risultare identica rispetto ad un utilizzo senza tale tecnologia. Risparmi nel range fra 400mW ai 700mW.

4. Auto Connect Battery Saver (ACBS): il sistema spegnerà fisicamente il chip di controllo della rete LAN, qualora il PC non risulti connesso a nessuna rete. 101mW di risparmio.

Seguiranno ovviamente dettagli non appena avremo più informazioni a riguardo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor27 Ottobre 2006, 15:18 #1
a volte mi chiedo se sia più redditizio risparmiare il 5% di elettricità grazie a un processore più parsimonioso o se, giunti ormai a livelli di consumo di pochi Watt, sia meglio pensare a batterie concepite diversamente...

tipo le fuel cell, ad esempio...
dvd10027 Ottobre 2006, 15:19 #2
non mi piace molto questa soluzione di giocare sui refresh.. con la vista non si scherza.. ok che sono lcd ma non mi piace lo stesso
The_misterious27 Ottobre 2006, 15:32 #3
La Intel si stà dando molto da fare ultimamente
Pozz27 Ottobre 2006, 15:58 #4
mi sa che devono aver vistoc eh di nuove tecnologie ienteressanti nelle batterie non ce ne sono a beve) e allora corrono ai ripari con queste.. niente di male, comunque. intel sta davvero andando forte ultimamente nei portatili...
magilvia27 Ottobre 2006, 16:10 #5
non mi piace molto questa soluzione di giocare sui refresh.. con la vista non si scherza.. ok che sono lcd ma non mi piace lo stesso

Il refresh negli LCD non ha niente a che vedere con lo sfarfallio dei CRT. Indica solo la velocità massima a cui possono commutare i pixel dell'immagine.
frankie27 Ottobre 2006, 16:48 #6
Ok ma poi ci mettono dei display da 2€ con 2 lampade che ciucciano il 90% della batteria...

Ad esempio i primi centrino che duravano 5 ore. Poi con il tempo si è arrivati abche a 2 ore con dei processori praticamente identici, chissà come mai?
urmanf27 Ottobre 2006, 17:24 #7

Mah

Personalmente apprezzo lo sforzo.. gradirei fosse poi lasciata all'utente la decisione finale sulla posibilità di applicare o meno tali settaggi
ronthalas27 Ottobre 2006, 17:32 #8

portatili da 2 ore

da 5 a 2 ore, semplicemente perchè la massa della gente non compa i portatili con la retroilluminazione a LED, ma con quella più economica, visto che nella grande distribuzione i portatili con i prezzi a 4 cifre non li caga quasi nessuno (e si comprano sempre quelli in offerta...)
Gerardo Emanuele Giorgio27 Ottobre 2006, 17:36 #9
mah come in tutti gli altri settori dell'energetica le batterie avanzano tecnologicamente molto a rilento. Qualche anno fa lessi su newton della possibilità di usare nanomotori come generatori di energia. Un nanomotore oscillante basato su una lamina di rame era in grado di durare 50 anni (secondo chi l'aveva progettato). Chiaramente chi di dovere si guarda dal finanziare questa gente. Energia a buon mercato per tutti! Brrrr! che cosa orrenda! ;-)
eta_beta27 Ottobre 2006, 17:42 #10
al posto di utilizzare le normali lampadaper la retro illuminazione perche non utilizzano i led
allora si che vi sara un risparmio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^