Il modulo GPS più piccolo al mondo

Il modulo GPS più piccolo al mondo

Epson presenta un modulo GPS di ridottissime dimensioni

di pubblicata il , alle 09:35 nel canale Portatili
Epson
 

Solo 7 x 6 x 1.28 millimetri, queste sono le dimensioni del nuovo modulo GPS sviluppato da Epson, denominato S4E19863. La Seiko Epson Corporation lo presenta come ultra compatto e ultra sensibile. Quest'ultima caratteristica pare confermata dalla capacità di captare anche i segnali indoor oltre ai ben più forti segnali in campo aperto.

L'uso più scontato di questo modulo è l'integrazione all'interno dei dispositivi mobile, tra cui, date le dimensioni, anche i telefoni cellulari. Questo chip ha già infatti equipaggiato i telefoni della serie FOMA903i del carrier giapponese NTT DoCoMo.

Altre applicazioni sono però possibili visto il ridotto ingombro, ad esempio integrare il modulo all'interno di un collare, per facilitare il ritrovamento degli animali domestici in caso di smarrimento.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier de Notrix21 Dicembre 2006, 09:43 #1
In caso di smarrimento? Ma se risparmio il GPS nel cellulare, me ne compro 30 nuovi di cellulari se lo perdo!
dsajbASSAEdsjfnsdlffd21 Dicembre 2006, 09:45 #2
c'è scritto animali domestici, adesso mi informo sul costo di sto chip...
paulgazza21 Dicembre 2006, 09:47 #3
cosi' il cane usa il GPS per ritrovare la via di casa?
ah, una volta pure loro si affidavano al proprio fiuto, sono stati pure loro rovinati da troppa tecnologia
Pier de Notrix21 Dicembre 2006, 09:51 #4
collare... piccolo ingombro... beh, si potrebbe mettere addosso alle mogli

[B]Adepto dell'Ordine[COLOR=red] "GLI ADORATORI DEL SACRO UNTO" [/COLOR][/B]
SuperSandro21 Dicembre 2006, 10:02 #5

Svegliatevi!

L'utilizzo prevalente di questo modulo sarà destinato ad ottenere informazioni sugli spostamenti di soggetti monitorati.

Basterà mettere - magari con una calamita - un micromodulo sotto la carrozzeria di un'auto per seguirne le tracce.

Quindi non solo mogli e cani (scusate l'accostamento), ma anche politici, mafiosi e figli di tutti questi potenti.

danyroma8021 Dicembre 2006, 10:10 #6
il GPS è un sistema MT (mobile terminated), ovvero, il terminale mobile( in questo caso il chip) individua la sua posizione in un riferimento geodedico (in pratica la modellizzazione 3d della superfice terrestre) grazie al segnale proveniente da almeno quattro satelliti.
Un terminale gps non trasmette segnali, riceve soltanto quelli dai satelliti e quindi non puo' essere localizzato da altri.

La notizia è quindi inesatta: la localizzazione di animali domestici non puo' essere fatta tramite il solo gps, ma ad esempio (e credo che sia questo caso perche' già usata in molti altri ambiti) con la congiunzione di gps e gsm. Quest'ultimo trasmette tramite normale rete cellulare le coordinate dell'animale smarrito che gli fornisce il modulo gps all'interno dello stesso apparato.
nickluck21 Dicembre 2006, 10:16 #7
L'unico commento che condivido è quello di danyroma: un modulo gps non trasmette, quindi la notizia è errata o quantomeno non chiara.
leddlazarus21 Dicembre 2006, 10:29 #8
certo che lui non trasmette ma ricava la sua posizione tramite il sistema satelliti GPS, pero' se lo accoppi con una trasmittente o un bluetooth il gioco è fatto.
il problema che tra batteria, modulo trasmettitore ecc. il marchingenio diventa non + tanto "micro"
Valeck21 Dicembre 2006, 10:51 #9
si infatti, non credo proprio sia un aggeggio per il ritrovamento o pedinamento di chicchessia!!! ecco giusto per essere inetgrato a cellulari o cose varie come ricevitore può essere, chissà quale sarà il costo...
Piccettino7221 Dicembre 2006, 11:12 #10
Originariamente inviato da: leddlazarus
certo che lui non trasmette ma ricava la sua posizione tramite il sistema satelliti GPS, pero' se lo accoppi con una trasmittente o un bluetooth il gioco è fatto.
il problema che tra batteria, modulo trasmettitore ecc. il marchingenio diventa non + tanto "micro"


Non è obbligatorio accoppiarlo.
Adesso abbiamo palmari che tramite dei moduli GPS inseriti in schede CF si trasformano in Navigatori.
Domani questo potrà essere fatto dagli SmartPhone senza, oltretutto, utilizzare schede aggiuntive.
Inoltre la notizia fa riferimento ad alcuni telefonini di NTT DoCoMo, quindi, telefonino probabilmente iMode e, se non ricordo male, c'era già un servizio iMode di mappe (mi sembra di ricordare la pubblicià di Wind), quindi....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^