IDF: il futuro dei notebook è PCI Express?

IDF: il futuro dei notebook è PCI Express?

Intel si aspetta che il formato PCMCIA sarà sostituito dal nuovo PCI Express

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:34 nel canale Portatili
Intel
 

All'IDF di San Josè sono emersi alcuni particolari di sicuro interesse in merito ad un possibile utilizzo del nuovo bus PCI Express su piattaforme notebook.

PCI Express è il nuovo bus di interconnesione pensato quale soluzione alternativa ai bus PCI e AGP. Noto in origine con il nome di 3GIO, PCI Express può raggiungere una bandwidth massima teorica sino a 16 Gbytes al secondo, mantenendo la compatibilità con i precedenti standard e garantendo margini di sviluppo per le prossime generazioni di memorie e processori.

Pare che, secondo Intel, i sistemi portatili vedranno la scomparsa del formato PCMCIA, con nuove card, per ora denominate Newcard, che prenderanno il loro posto e offriranno compatibilità PCI Express e USB 2.0.

 

Qui sopra possiamo vedere la foto di una slide mostrata all'IDF che illustra le nuove Newcard.

Fonte e foto: The Inquirer

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
blubrando20 Febbraio 2003, 13:54 #1
sarebbe bello!
però con tutti questi standard incomincia a essere un po' affollato il panorama dei sistemi di trasmissione dati
Crisidelm20 Febbraio 2003, 15:48 #2
Continuo a non capire come una interconnessione seriale (PCI Express) possa essere retrocompatibile con una scheda per interconnessione parallela (PCI e anche PCI-X)...mboh? Anche le specifiche del PCI-Express non fanno menzione di retrocompatibilità HW...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^