IBM raggiunge i 20 milioni di notebook venduti

IBM raggiunge i 20 milioni di notebook venduti

La società ha segnato il record di venti milioni di unità della serie ThinkPad, affermandosi come il brand più diffuso nella storia dei notebook

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:31 nel canale Portatili
IBMThinkPad
 

IBM ha annunciato oggi di aver venduto il ventimilionesimo notebook della linea ThinkPad, facendo di ThinkPad il brand più venduto nella storia dei portatili

Dal momento dell'introduzione sul mercato, nel 1992, ThinkPad è stata più volte pioniera in diversi campi: tutti di IBM, infatti, il primo notebook con schermo LCD a colori, con LCD a 14", con tastiera intera e con HD rimovibile. Mentre i principali competitor di IBM hanno via via adottato molte di queste tecnologie, elevandole a standard de facto, ThinkPad continua a portare nel settore sempre nuovi elementi.

L'ultima introduzione di IBM è Active Protection System (si legga questo focus per maggiori informazioni), una tecnologia introdotta lo scorso mese che permette la protezione dell'hard disk da traumi fisici accidentali.

Il portatile che ha segnato il record è un modello con tecnologia Intel Centrino, dotato di 512MB di memoria, processore a 1.70GHz, disco da 60GB e sistema di alimentazione che permette un'autonomia di otto ore e mezza quando viene utilizzata la batteria opzionale combinata con quella standard. Il notebook appartiene alla linea T41 e rappresenta uno dei notebook 14" più sottili e leggeri.

Con oltre 1000 industry award, i sistemi IBM ThinkPad sono stati usati in diverse missioni spaziali, sotto gli oceani e trasportati in missioni sui massicci del K2 e dell'Everest. Un portatile IBM ThinPad è anche collezionato nel museo di Arte Moderna di New York.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
prova07 Novembre 2003, 17:42 #1
ma è una notizia o uno spot pubblicitario?
Tasslehoff07 Novembre 2003, 22:02 #2
Originariamente inviato da prova
ma è una notizia o uno spot pubblicitario?
E anche se lo fosse?
Prendetemi per fanatico IBM, però secondo me se lo meritano
lucusta07 Novembre 2003, 22:07 #3
se mi regalano il 20.000.001 me lo porto anche nella vasca da bagno, per fargli pubblicita'..

comunque sono ottimi portatii, con l'unico difetto del clitomouse, che quando si rompe costa quanto 1/4 del portatile.
dragunov08 Novembre 2003, 14:46 #4
Ma anche se il vostro thinkpad vola giù dall'everest o dal k2 o finisce sotto i mari ricordate che le testine rimarranno sempre in parcking.
Aparte gli scherzi barava mamma ibm!
canislupus09 Novembre 2003, 17:54 #5
Personalmente mi fanno veramente schifo i notebook IBM Thinkpad.
Vi assicuro che non sono per nulla ben costruiti e si rompono abbastanza facilmente e hanno un bel po' di problemi e sono LENTIIIIIIIIIIII.
Quello che vi sto dicendo, lo dico con cognizione di causa, visto che sto facendo il tecnico per conto dell'IBM presso una società che ha + di mille dipendenti solo nella mia città. Vi sto poi parlando di notebook Thinkpad T40 e quindi non certo dei notebook vecchi o economici.
Se poi parliamo dei desktop, allora lì c'è da piangere... Addirittura già al boot davano dei messaggi di errore e si doveva ogni volta ripristinare i valori di default (il bello è che nessuno li aveva toccati !!!). Se volete dei buoni notebbok, andate sui toshiba... Ibm è buona (forse) per i server (anche se HP non scherza e prova ne è il fatto che la società dove lavoro ha tutti pc e notebook ibm, ma i server sono solo HP !!!).
mpacciaroni10 Novembre 2003, 12:03 #6
Davvero robusti sti Thinkpad, ma sinceramete il mercato offre di meglio(SONY, Acer)
Korn10 Novembre 2003, 13:35 #7
acer ?
Tasslehoff10 Novembre 2003, 21:24 #8
Originariamente inviato da canislupus
Personalmente mi fanno veramente schifo i notebook IBM Thinkpad.
Vi assicuro che non sono per nulla ben costruiti e si rompono abbastanza facilmente e hanno un bel po' di problemi e sono LENTIIIIIIIIIIII.
Abbi pazienza, non fraintendermi, però non ti sembra di esagerare un tantino?
Posso capire che ci siano dei ThinkPad che abbiano dato problemi (eventualità tutta da verificare caso per caso cmq...), però generalizzare credo sia quantomeno scorretto, soprattutto parlando di un prodotto che è UNIVERSALMENTE riconosciuto come il migliore in campo laptop...

Io coi thinkpad ci ho lavorato, ci lavoro e spero di lavorarci anche in futuro, li ho visti volare in terra, cascare addirittura da un ciclomotore in corsa, eppure, nonostante lo schermo scardinato, il notebook ha continuato perfettamente a funzionare.

Ci mancherebbe, ripeto, possono esserci dei problemi sul singolo prodotto, però la tua presa di posizione chiaramente preconcetta puzza un po' di trollata...

Riguardo ai desktop io posso solo dire di aver lavorato felicemente con dei Netvista senza mai avere un solo singolo problema, sarò stato fortunato.
Riguardo ai server invece credo che negare la qualità e l'affidabilità delle macchine IBM sia negare l'assoluta evidenza, dato che le macchine in questione dominano incontrastate il mercato, con una qualità, un'affidabilità e un supporto che la concorrenza vede lontano un km...
Riguardo alla fornitura di server di una marca piuttosto che ad un'altra io farei attenzione, non è detto che siccome un'azienda ha acquistato tante macchine di un tipo => quelle sono ottime macchine.
Telecom per es, per i propri sistemi di hosting e housing (i famosi Myhost e Broadway che chi lavora in campo web conosce benissimo) ha riempito le proprie server farm (gli IDC di Pomezia Terme e Rozzano, le due più grosse server farm italiane) di Compaq Proliant, ma questo solo perchè Compaq ai tempi aveva vinto la gara di appalto; si tratta cmq di macchine che non hanno nulla a che spartire con gli IBM Netfinity che venivano forniti ai tempi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^