IBM e SANYO: batterie a celle di combustibile per ThinkPad

IBM e SANYO: batterie a celle di combustibile per ThinkPad

Le due compagnie presentano un nuovo prototipo di batterie a celle di combustibile che permette di impiegare anche normai batterie al litio

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:41 nel canale Portatili
IBMThinkPad
 

Nella giornata di ieri IBM e SANYO Electric hanno dato dimostrazione di un prototipo di batteria a celle di combustibile per i notebook IBM ThinkPad. Il prototipo è in grado di fornire almeno otto ore di autonomia e SANYO non ha dovuto alterare il design standard dei notebook ThinkPad.

A differenza di altri prototipi che hanno richiesto una modifica del design per poter accogliere le batterie a celle di combustibile, il nuovo prodotto di SANYO è stato realizzato per essere compatibile con la maggior parte dei notebook ThinkPad.

Il nuovo sistema di SANYO prevede inoltre l'impiego di una batteria ausiliaria al litio. Secondo quanto dichiarato dalle due compagnie questo sistema ibrido permette di utilizzare il notebook per un tempo maggiore rispetto a sistemi dotati di sola batteria a celle di combustibile.

A fronte di queste caratteristiche, le compagnie stanno lavorando allo sviluppo di una sorta di "docking-bay" che includa, appunto, una batteria al litio e una batteria a celle di combustibile. Le informazioni disponibili parlano di un sistema di dimensioni 270 mm x 282 mm x 16-54 mm con una batteria a celle di combustibile da 130cc di metanolo in grado di fornire 12 watt di potenza (fino a 72watt con la batteria al litio). La tensione fornita è di 16 volt.

Fonte: Xbitlabs - Arstechnica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
F1R3BL4D312 Aprile 2005, 14:52 #1
Finalmente le soluzioni delle celle a compustibile sembrano prendere la giusta strada e anche una semplificazione nell'implementazione all'interno di strutture (notebook) già esistenti. Adesso si aspetta solo una prima prova per valutare le reali capacità.
Motosauro12 Aprile 2005, 15:14 #2
Stica, carino!
E poi se ti annoi puoi sempre fartiuna bevutina
Lucrezio12 Aprile 2005, 15:46 #3
non certo con il metanolo !
Ehehe!
scherzi a parte, c'è qualche informazione relativa a temperature di esercizio, catalizzatori, emissioni...
sirus12 Aprile 2005, 16:43 #4
finalmente...
era ora che arrivassero delle batterie innovative
SaettaC12 Aprile 2005, 17:10 #5
A me interesserebbe la valutazione dei costi. Quanto mi costa caricare una batteria ioni di litio? E quanto mi costa caricare una batteria a celle di combustibile?
Se la risposta è: 5cent nel primo caso, 50cent nel secondo... Bhe...
Sig. Stroboscopico12 Aprile 2005, 18:02 #6

x Lucrezio

Le temperature dovrebbero essere di poso superiori a quella ambiente, credo.
Emissioni nulle in pratica

^^

x SaettaC
Il vantaggio è che fai il pieno da una piccola tanica al posto di cercare prese elettriche dove non ce ne sono.

^^

Ciao
Dix 312 Aprile 2005, 19:11 #7
si ma io speravo che durassero un po di più...

8 ore spero con un p4 3.4ghz e una 9800, cioè 16-18 ore con un ultra low voltage centrino 1.1 e grafica integrata 12" pollici... altrimenti bisogna sfruttare meglio sto metanolo e aspettare un po' che si riesca ad allungare i tempi perchè così non c'è un enorme guadagno..
Lucrezio12 Aprile 2005, 22:56 #8
Originariamente inviato da: Sig. Stroboscopico
Le temperature dovrebbero essere di poso superiori a quella ambiente, credo.
Emissioni nulle in pratica

Ciao


Temo che non sia proprio così semplice, purtroppo...
Se non mi sbaglio, la reazione avviene ad una temperatura abbastanza elevata (tra 60 e 90°C) alla quale, tra il resto, l'efficienza si attesta intorno al 20% pratico (40% teorico)... inoltre la cella libera CO2- che può comportare dei problemi di rendimento (non so se in tutti i tipi di cella a combustibile... in quelle ad H3PO4 sono sicuro!) e di avvelenamento dei catalizzatori...
In ogni caso il secondo è un problema più facilmente ovviabile del primo... 60°C per ben che vada sono ancora troppi!
Genesio13 Aprile 2005, 09:22 #9
Ma scusate, un combustibile che brucia provoca emissioni di gas, non credo che faccia bene respirarle per 8 ore.
MiKeLezZ13 Aprile 2005, 22:01 #10
Io rimango un pochino scettico... Mi sembra come usare un tir per andare a fare spesa all'alimentari. Tutto questo per un 30% circa di autonomia in più..
Poi può darsi che mi sbagli, per carità, vedremo gli sviluppi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^