I sistemi Chromebook sono i netbook del futuro?

I sistemi Chromebook sono i netbook del futuro?

I tablet vendono sempre tantissimo ma si assiste ad un forte rallentamento della domanda: che siano i Chromebook il futuro dei sistemi economici?

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:01 nel canale Portatili
Chromebook
 

Sono ormai trascorsi circa 3 anni dall'annuncio dei primi sistemi Chromebook, PC notebook abbinati a sistema operativo Chrome OS di Google di dimensioni non particolarmente contenute ma caratterizzati dal costo accessibile. Sono queste proposte che si posizionano sul mercato quali alternative ai tanti PC notebook di fascia economica basati su sistema operativo Windows, proponendo un approccio differente in termini di OS e una dipendenza dall'accesso al web molto più elevata di quanto non accada con un PC Windows.

Nel corso degli ultimi anni i Chromebook hanno registrato una crescita nei volumi di vendita molto particolare: se in Italia sono di fatto pressoché assenti dai dati di commercializzazione, in USA stanno riscuotendo un notevole successo tanto da far direttamente tornare con la memoria ai tempi dei netbook e una dinamica simile si sta presentando in altre nazioni europee come l'Inghilterra.

Gli scorsi anni il fenomeno dei tablet è stato visto quale causa dell'uscita dal mercato dei netbook, soppiantati nelle preferenze dei consumatori dai tablet in quanto ritenuti più pratici per un utilizzo basato sul consumo di informazioni più che sulla loro creazione. La stessa spiegazione è stata data per giustificare il calo nelle vendite dei PC tradizionali, per quanto questo sia in parziale controtendenza nel corso del 2014.

samsung_chromebook.jpg (35280 bytes)

I Chromebook potrebbero in parte spostare l'interesse dei consumatori dai tablet in quanto si tratta di dispositivi capaci di una notevole autonomia di funzionamento con batteria, soprattutto quando basati su SoC con architettura ARM, ma costruiti su un design che è quello tipico dei PC notebook con tastiera. Questo aspetto facilita la produttività e si rileva fondamentale in un ambito che sta vedendo i Chromebook guadagnare costantemente quote di mercato: quello del settore educational.

Nelle scuole l'accesso web non è un problema e la possibilità di fornire sistemi portatili con tastiera più pratica rispetto al dotare gli studenti di tablet. C'è anche l'aspetto economico da tenere in considerazione: un Chromebook può avere un listino medio più accessibile di un tablet con display dalla diagonale simile, risultando essere anche più robusto e quindi capace di durare nel tempo.

E' proprio nell'ambito educational che i produttori di Chromebook puntano sullo sviluppo di mercato, auspicandone l'effetto traino sugli acquisti anche da parte dei consumatori tradizionali e se possibile delle aziende. Non sorprende quindi vedere stime di vendite attese per i prossimi anni che saranno molto sostenute, e allo stesso tempo Microsoft scendere in campo con forza assieme ai produttori di PC. All'IFA di Berlino abbiamo visto sia annunci di nuovi Chromebook sia sistemi, come Asus EeeBook, che sono dei notebook di ridotte dimensioni basati su sistema operativo Windows ma proposti a listini estremamente aggressivi proprio per contrastare l'ascesa dei Chromebook.

E in Italia? Nel nostro mercato, quantomeno al momento attuale, i Chromebook non sembrano essere ancora in grado di catturare l'attenzione dei consumatori. Manca forse l'effetto traino del mondo educational che vorrebbe portare maggiore innovazione nelle scuole a partire da quelle primarie ma che è alla costante presa con la mancanza di fondi non solo per l'innovazione, ma anche per le necessità base di una qualsiasi scuola.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxfrata08 Settembre 2014, 09:10 #1
Interessante l'ossimoro "NetBook del futuro"
laverita08 Settembre 2014, 09:22 #2
I sistemi Chromebook sono i netbook del futuro?
No
Reby9208 Settembre 2014, 09:58 #3
preferirei avere un netrabook con ubuntu touch (o debian) per arm, potendo contare su una svariata quantità di software non legati alla rete piuttosto che a quest'aborto di chromeOS (che ho provato e non amo). Ho pensato di prendere un chromebook e cambiargli l'os ma mi pare che sia moolto difficile, poi resta la questione della ram spesso saldata pure sugli esemplari x64 (ma semo fora?!) e sugli ssd non standard che ricordano i ZIF dei primi netbook.
Un ritorno al passato spiacevole.
qboy08 Settembre 2014, 10:14 #4
Originariamente inviato da: Reby92
preferirei avere un netrabook con ubuntu touch (o debian) per arm, potendo contare su una svariata quantità di software non legati alla rete piuttosto che a quest'aborto di chromeOS (che ho provato e non amo). Ho pensato di prendere un chromebook e cambiargli l'os ma mi pare che sia moolto difficile, poi resta la questione della ram spesso saldata pure sugli esemplari x64 (ma semo fora?!) e sugli ssd non standard che ricordano i ZIF dei primi netbook.
Un ritorno al passato spiacevole.


Beh tutti lo pensano quando vedono questi chromebook ed è in parte una buona cosa, chi mai acquisterebbe un mackook per metterci un altro os? per il resto non so quanti ad un portatile cambiano hdd e tantomeno ram, se non gli smanettoni del forum
Revan198808 Settembre 2014, 10:39 #5
Originariamente inviato da: qboy
Beh tutti lo pensano quando vedono questi chromebook ed è in parte una buona cosa, chi mai acquisterebbe un mackook per metterci un altro os? per il resto non so quanti ad un portatile cambiano hdd e tantomeno ram, se non gli smanettoni del forum


beh io per lavoro ho una doppia partizione sul macbook... osx + bootcamp (windows) ... virtualizzare và bene fino ad un certo punto...
Freaxxx08 Settembre 2014, 11:18 #6
costo accessibile


dipende, di certo allo stesso prezzo di un Chromebook mi posso comprare una macchina molto competitiva e che spesso offre qualcosa di più di un Chromebook .

il Dell Venue Pro 8 si trova anche a 199€ ed è un tablet da 8" atom con Windows 8.1 32 bit che mi fa girare tutte le solite applicazioni Windows, ci posso anche far girare delle macchine virtuali, il vero limite sono i 2Gb di RAM, ma all'occorrenza mi può tranquillamente pilotare un monitor fullHD esterno via Miracast così da avere un desktop esteso .

A quella cifra c'è anche un portatile 15" con 2957U come l'Acer Extensa 2510 o il prossimo Asus EeeBook X205 da 11.6" con Atom Baytrail .

Inoltre lo street price dei Chromebook è in salita, su Amazon, ad esempio, sono salatissimi e a volte costano anche il doppio, in generale i rivenditori stanno alzando i prezzi finali sui Chromebook mentre Microsoft lavora per abbassarli; oggi è molto più facile trovare una macchina Microsoft a 200€ che un Chromebook, l'Acer C720 è praticamente impossibile da trovare sotto i 250€, e non è più un affare a quel prezzo, senza contare che l'unica cosa che si può rimpiazzare sul C720 è l'SSD mSata .

Io direi che il trand dei Chromebook promette poco, stanno diventando costosi, nessuna feature interessante offerta da Chrome OS da quando è stato lanciato ( sia per utenti che per sviluppatori, con strumenti sempre più monchi ) e la concorrenza offre qualcosa di molto più solido e tangibile allo stesso prezzo o meno .
Aenil08 Settembre 2014, 11:21 #7
sarò breve:

[B][U][SIZE="6"][COLOR="Red"]NO[/COLOR][/SIZE][/U][/B]
BrodoDiGhiande08 Settembre 2014, 11:24 #8
Proprio ieri stavo cercando un portatile per mia sorella che inizia l'università.
Ho pensato subito ai chromebook visto i loro prezzi, ma poi ho fatto un giretto e ho trovato l'Acer Aspire ES1-511-C1MS a 250€. Poi ha Windows non Chrome OS, e visto che gli universitari si scambiano file di ogni tipo avevo paura di problemi di incompatibilità.

Per me i chromebook non saranno il futuro, sono adatti per una ristretta fascia di utilizzo e rimarranno tali se google non decide di svilupparlo seriamente, non come gli ultimi aggiornamenti di cui si parla che personalmente non mi hanno fatto cambiare giudizio. Penso inoltre che sia proprio la filosofia di google quella di creare un OS leggero e che mira al web.
Pier220408 Settembre 2014, 12:46 #9
Con questi prodotti a basso costo qui http://notebookitalia.it/asus-f205ta-vivobook-20204 ... direi proprio di NO!
massimo79m08 Settembre 2014, 20:27 #10
"I sistemi Chromebook sono i netbook del futuro?"

bwahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha!!!!

grazie mi avete risollevato il morale!!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^