I produttori di notebook guardano già al 2007

I produttori di notebook guardano già al 2007

I principali produttori taiwanesi di notebook gettano l'occhio al 2007, prevedendo volumi da capogiro nell'ordine di 81 milioni di unità consegnate globalmente

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:01 nel canale Portatili
 

I principali produttori di sistemi notebook, ovvero Quanta Computer, Compal Communications, Wistron, Asustek Computer, Inventec e Arima Computer, stanno cercando di accaparrarsi gli ordini dei nuovi modelli di portatili che saranno lanciati nel 2007.

Gli ordini da parte delle compagnie come Dell, Hewlett Packard, Acer, Toshiba e Lenovo saranno infatti confermati nei mesi di Ottobre e Novembre dell'anno in corso. Le previsioni di vendita per il 2007 sono già particolarmente considerevoli: Dell e HP stimano di poter consegnare tra i 18 e i 20 milioni di portatili ciascuno, mentre tutti gli altri competitor stimano un volume di consegne che supera i 15 milioni di unità. Facendo due rapidi calcoli, i cinque leader del mercato notebook prevedono consegne combinate di ben 81 milioni di portatili nel 2007, mentre i produttori taiwanesi potrebbero facilmente raggiungere i 100 milioni di unità prodotte.

Per quanto riguarda il prossimo anno, tra i produttori taiwanesi è sempre Quanta a guidare la classifica con una previsione di consegne di 18 milioni di unità nel 2006 grazie ai principali clienti come Dell, Acer, Apple Computer HP e Toshiba. A seguire troviamo Al secondo posto si piazza Compal, che prevede di passare dai 10 milioni di notebook consegnati nell'anno in corso a più di 15 milioni per il prossimo anno, grazie ad una nuova partita di ordini da parte di HP per la realizzazione di un notebook per la fascia mainstream del mercato.

Segue poi Wistron che, oltre ad essere il secondo contract manufacturer di Acer dopo Compal, ha recentemente ricevuto da parte di Lenovo un ordine per la produzione di più di due milioni di portatili per il prossimo anno. Wistron stima consegne di 10 milioni di notebook per il 2006, rispetto al volume di 6-6,5 milioni per l'anno in corso.

Il futuro dei produttori taiwanesi di sistemi notebook è inoltre particolarmente roseo dal momento che due grossi protagonisti, Samsung e Sony, potrebbero rapidamente perdere quote di mercato. Il primo semplicemente per una possibile decisione di uscita dal mercato ODM per via della perdita dell'unico cliente contract (Dell), il secondo per una questione più complessa. E' recente infatti la notizia secondo la quale Sony sta programmando una drastica riduzione dei costi e, conseguentemente, la chiusura di diversi impianti di produzione e il taglio di posti di lavoro. Si tratta di impianti presso i quali la compagnia produce principalmente sistemi notebook della serie VAIO. E' quindi un'ipotesi plausibile il fatto che, in futuro, Sony si rivolga a qualche produttore taiwanese per la realizzazione dei propri sistemi.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JOHNNYMETA28 Settembre 2005, 17:24 #1
E' veramente un mercato colossale.
Se penso che Taiwan ha la metà degli abitanti dell'italia e questa ha buttato al vento la propria iniziativa in questo mercato...
joe4th28 Settembre 2005, 17:44 #2
Chiudiamo, chiudiamo tutto...
Lucrezio28 Settembre 2005, 17:49 #3
Wow!
Sono davvero delle cifre impressionanti!

Non sapevo che Samsung fornisse anche la Dell... credevo che producesse solo "in proprio"!
mjordan01 Ottobre 2005, 20:59 #4
Ma se il mercato è cosi fiorente e gli introiti sono cosi elevati tanto da pensare già al 2007, allora perchè cazzo Fujitsu, Sony e HP hanno licenziato la bellezza di 22 mila dipendenti? Secondo me c'è qualcosa che non torna. Questi non la raccontano giusta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^