I netbook cominciano a gravare sulle vendite dei notebook

I netbook cominciano a gravare sulle vendite dei notebook

Una recente ricerca mette in luce come i dispositivi sviluppati su Atom stiano influenzando, in negativo, le vendite delle soluzioni notebook

di pubblicata il , alle 09:03 nel canale Portatili
AtomIntel
 
Displaysearch prevede l'arrivo sul mercato di un numero parti a 33 milioni di mini-notebook e netbook entro il 2009: la penetrazione dei nuovi arrivi all'interno del mercato notebook si assesterà attorno ad un 20%. Intel è il marchio che sta dietro molti di questi nuovi dispositivi, con la propria soluzione Atom: i margini che il produttore è in grado di avere su questi processori sono però nettamente inferiori rispetto alle normali CPU. Intel sta quindi vedendo avverarsi una delle sue più grandi paure, con Atom intento a cannibalizzare a poco a poco il mercato dei notebook.

Secondo i dati riportati da Displaysearch infatti il mercato dei portatili cosìdetti "tradizionali" non crescerà e rimarrà sullo stesso valore dello scorso anno: un evento per ora mai registrato.

I motivi di questa situazione sono ovviamente molteplici e tutti piuttosto importanti; se da un lato i diversi operatori telefonici che hanno deciso di puntare sulla commercializzazione dei netbook hanno funzionato come acceleratore per la diffusione di tali soluzioni, la crisi del mercato enterprise e in generale quello business, da sempre fetta importante per la commercializzazione dei notebbok, ha rappresentato un freno per la crescita dei notebook.

Il quadro dipinto fino ad ora rappresenta lo scenario che caratterizzerà la parte rimanente del 2009: il 2010, forte dell'arrivo di Windows 7 e, si spera, della ricrescita dell'economia, potrebbe ridare vigore alle soluzioni notebook, aumentando così nuovamente i volumi di vendita. John Jacobs, direttore delle ricerche di mercato per il settore notebook in Displaysearch afferma infatti che "È chiaro che i compratori vogliono un dispositivo estremamente portatile ma allo stesso tempo display di dimensioni sempre più grandi. Se da un lato i netbook hanno creato sicuramente un nuovo mercato, le nostre ricerche mettono in luce come questi siano adoperati come secondi PC, non come sostituti dei notebook".

I netbook, secondo quanto riportato da Displaysearch rappresentano, per ora, un dispositivo che può rappresentare una soluzione da affiancare al proprio notebook principale, ma non in grado di sostituirlo completamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

91 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
int main ()15 Luglio 2009, 09:09 #1
x me bisogna essere alla frutta per preferire un netbook ad un pc vero. fanno cacare in maniera assurda. io userei la delorian per andare in dietro nel tempo e uccidere che ha avuto la brillante idea <_<
SuperSandro15 Luglio 2009, 09:10 #2

Considerazione azzardata

Ma non è che alla gente interessi spendere il minimo indispensabile, tenendo conto del 99% delle proprie esigenze (come scaricare posta o scrivere qualche documento)?
Capozz15 Luglio 2009, 09:15 #3
Originariamente inviato da: int main ()
x me bisogna essere alla frutta per preferire un netbook ad un pc vero. fanno cacare in maniera assurda. io userei la delorian per andare in dietro nel tempo e uccidere che ha avuto la brillante idea <_<


Scusa eh, ma chi per esempio come me ha un desktop con cui può fare qualsiasi lavoro e gli serve un dispositivo portatile per navigare e leggere la posta, per quale motivo dovrebbe farsi un notebook classico che è più grande, più pesante, con minore autonomia e più costoso ?
SuperSandro15 Luglio 2009, 09:18 #4
Originariamente inviato da: Capozz
Scusa eh, ma chi per esempio come me ha un desktop con cui può fare qualsiasi lavoro e gli serve un dispositivo portatile per navigare e leggere la posta, per quale motivo dovrebbe farsi un notebook classico che è più grande, più pesante, con minore autonomia e più costoso ?


Mi hai rubato le parole di bocca: io ho un PC con due schermi wide da 20 pollici, un notebook con display da 17 pollici e un Asus eeePC.

Indovinate quale mi porto appresso quando viaggio?

E quale uso meno di tutti in assoluto?
atomo3715 Luglio 2009, 09:19 #5
beh certo, ora che li fanno anche con display 11", che si aspettano che ogni utente si compri: telefonino, smartphone, palmare, netbook, superportatile, portatile e pc?
ragugo15 Luglio 2009, 09:34 #6
aggiungo che se uno vuole spendere poco ed avere un monitor comodo quando è in casa/ufficio basta...

...usare l'uscita VGA del NETBOOK con mouse e tastiera esterni.

Prossimamente ci sarà sempre più gente che farà così, visto che come scritto sopra il 99% dei LAVORI sono a basso impatto computazionale.
Nosf3r15 Luglio 2009, 09:34 #7
Originariamente inviato da: SuperSandro

E quale uso meno di tutti in assoluto?


E allora perchè l'hai comprato?
krogy8015 Luglio 2009, 09:47 #8
Originariamente inviato da: Nosf3r
E allora perchè l'hai comprato?


secondo me si riferiva al 17"
ragugo15 Luglio 2009, 09:47 #9
@ Nosf3r

Ha detto che usa meno NON che NON GLI SERVE.
Mi pare una gran bella differenza!
bertux15 Luglio 2009, 09:49 #10
io non credo molto nei netbook ma preferisco le soluzioni smartphone,
i netbook costano cari è sono una via di mezzo, con un netbook puoi navigare su internet e vedere qualche filmetto...
con un cellulare puoi benissimo navigare su internet e con il pc serio puoi fare tutto il resto....

mah i netbook li trovo utili per chi non capisce molto di informatica....

ora mi ucciderete lo so

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^