HP L2000 insieme a Lance Armstrong nella lotta contro il cancro

HP L2000 insieme a Lance Armstrong nella lotta contro il cancro

HP ha presentato il portatile L2000 personalizzato con il logo LiveStrong sullo chassis e la firma del ciclista Lance Armstrong poco distante dalla tastiera. Un'iniziativa volta alla sensibilizzazione per la lotta contro il cancro

di pubblicata il , alle 09:14 nel canale Portatili
HP
 
HP ha presentato il nuovo portatile L2000 che si caratterizza per una cover personalizzata con il logo LiveStrong e la firma del ciclista Lance Armstrong, famoso per essere alla ribalta del ciclismo mondiale anche se ha annunciato recentemente il proprio ritiro al termine del Tour de France.
Nome immagine


Lance Armstrong è da tempo impegnato in una campagna di sensibilizzazione nei confronti della lotta contro il cancro, male da lui vinto pochi anni or sono ed i suoi sforzi si concretizzano nella Lance Armstrong Foundation.

HP ha dichiarato che per ogni notebook venduto verranno devoluti $50 in favore della ricerca contro il cancro. Disponibili anche altri accessori marchiati "LiveStrong" che saranno disponibili per le vendite a partire dal prossimo 22 Giugno, data di presunta disponibilità del notebook L2000.

Le caratteristiche del portatile sono decisamente interessanti e prevedono ad esempio una cpu AMD Turion 64 installata su un sistema decisamente compatto e leggero con diagonale del display da 14". La dotazione di porte ed interfacce è completa e prevede 3 USB 2.0, masterizzatore DVD+-RW dual format, firewire e modulo wireless.

Il prezzo indicativo della configurazione base fissato per il mercato americano a $999.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

64 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf25 Maggio 2005, 09:24 #1
Approfitto per spammare il link che ho in sign. E' un programmino stile Seti che cerca una cura per il cancro provando tutte le conbinazioni tra molecole possibili. In rete si trova anche un programma controllore per estenderne le potenzialità e aumentarne le opzioni.
Ciao.
mjordan25 Maggio 2005, 09:53 #2
Decisamente interessante ma, se uno prende la versione base o la versione cazzuta sempre 50 euro vengono devolute? Un piccolo sforzo in piu' non si poteva fare?
Comunque e' un'iniziativa fantastica. Anche gli altri produttori dovrebbero aderire...
Neo_25 Maggio 2005, 10:37 #3
E io invece spammo il mio link nella sign(in tema) per far conoscere Drago a chi ancora non lo conoscesse!
Iniziativa lodevole mi fa piacedre sentire qualcosa di buono ogni tanto

Edit:e il 12 e 13 andate a votare e votate [B][COLOR=Red]si[/COLOR][/B]
magilvia25 Maggio 2005, 13:10 #4
E' un programmino stile Seti che cerca una cura per il cancro provando tutte le conbinazioni tra molecole possibili. In rete si trova anche un programma controllore per estenderne le potenzialità e aumentarne le opzioni.
Ciao.

Si infatti mi meraviglio come ci sia gente che spende tempo e denaro (in corrente elettrica e usura della CPU) per un progetto totalmente inutile (in quanto ha un probabilità infima di successo) come il SETI quando esistono programmi lodevoli come questo.
Neo_25 Maggio 2005, 13:23 #5
Concordo pienamente,le risorse spese a far girare il programmino Seti sarebbero più utili se spese per la ricerca a favore di tutti.
Si potrebbe addirittura pensare di creare un nuovo gruppo simile a quello di Seti@home ma per la ricerca...
geng@25 Maggio 2005, 13:49 #6
Originariamente inviato da: Neo_
Concordo pienamente,le risorse spese a far girare il programmino Seti sarebbero più utili se spese per la ricerca a favore di tutti.
Si potrebbe addirittura pensare di creare un nuovo gruppo simile a quello di Seti@home ma per la ricerca...


quoto e straquoto
v1doc25 Maggio 2005, 14:03 #7
Non capisco come HP possa associare la sua immagine a quella di un ciclista dalla fama moooolto dubbia (vedi il libro scritto da Emma O'Reilly).
Forse è meglio che HP doni quei 50€ alle vittime del doping …


Per Magilivia
Per prima cosa ti consiglio di informati prima di scrivere stupidate simili, usando Seti la CPU *non* si usura: il fenomeno dell’elettromigrazione si ha *solo* con overclock molto spinti, non certo usando seti…
Inoltre non riesco a capire come fate a non rendervi conto delle conseguenze di un eventuale successo del progetto Seti: sarebbe la scoperta scientifica più importante nella storia dell’umanità.
Ma forse queste domande non ve le siete mai poste, preferite seguire l’esempio della pubblicità dell’Alfa 147: "Pensare troppo fa male”

P.S.
I risultati del progetto sulla ricerca sul cancro quando saranno resi pubblici potranno essere utilizzati anche per realizzare costose medicine create da qualche multinazionale americana.
Installero’ un software del genere solo se dichiareranno che i risultati della ricerca *non* potranno essere usati per fini di lucro, non mi sembra che le multinazionali non hanno i $$$ per comprarsi dei supercomputer per la ricerca.
bjt225 Maggio 2005, 14:46 #8
Beh, se la ricerca è fatta con modalità tipo SETI, nessuno e ripeto NESSUNO, potrà mai avere l'esclusiva per produrre il farmaco: ci sarà sana concorrenza come per l'aspirina, per esempio, a meno di cartelli tra case farmaceutiche, punibili, però, dall'antitrust...
krokus25 Maggio 2005, 14:51 #9
Mi associo ai dubbi su Armstrong (un ciclista come lui che poi snobba le Olimpiadi, per quanto mi riguarda vale zero come persona).
Il problema del SETI@Home è che le sue probabilità di successo sono talmente ridotte che secondo me e secondo molti scienziati non ne vale davvero la pena. Ricordo un noto calcolo statistico, secondo il quale, i parametri ambientali necessari per lo sviluppo della vita come noi la conosciamo, sono talmente restrittivi da rendere realistico il fatto che davvero siamo i soli nell'universo...
Infine, la scoperta di altri esseri intelligenti al di fuori della Terra, potrebbe anche non essere così positiva per noi. A questo ci pensate?
Neo_25 Maggio 2005, 14:59 #10
Originariamente inviato da: v1doc
Non capisco come HP possa associare la sua immagine a quella di un ciclista dalla fama moooolto dubbia (vedi il libro scritto da Emma O'Reilly).
Forse è meglio che HP doni quei 50€ alle vittime del doping …


Inoltre non riesco a capire come fate a non rendervi conto delle conseguenze di un eventuale successo del progetto Seti: sarebbe la scoperta scientifica più importante nella storia dell’umanità.
Ma forse queste domande non ve le siete mai poste, preferite seguire l’esempio della pubblicità dell’Alfa 147: "Pensare troppo fa male”

P.S.
I risultati del progetto sulla ricerca sul cancro quando saranno resi pubblici potranno essere utilizzati anche per realizzare costose medicine create da qualche multinazionale americana.
Installero’ un software del genere solo se dichiareranno che i risultati della ricerca *non* potranno essere usati per fini di lucro, non mi sembra che le multinazionali non hanno i $$$ per comprarsi dei supercomputer per la ricerca.


Francamente se devo scegliere tra la cura per il cancro e la scoperta dell'alieno preferisco la prima,visto che un giorno(facendo tutti gli scongiuri del caso)potrebbe capitare a chiunque di noi,e quel giorno francamente sarò felice di aver dato una mano per trovare quanto prima una cura,piuttosto che stare a cena con un omino verde!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^