HP divide i propri ordini tra quattro produttori taiwanesi

HP divide i propri ordini tra quattro produttori taiwanesi

Nella seconda metà del prossimo anno HP presentera 8 nuovi modelli di notebook prodotti da quattro diverse compagnie

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:53 nel canale Portatili
HP
 

Hewlett Packard ha deciso quali saranno i produttori degli otto nuovi modelli di notebook che saranno proposti durante la seconda metà del 2004 e durante la prima metà del 2005. Si tratta di Inventec, Quanta Computer, Wistron e Compal Electronics.

I nuovi modelli, che coprono tutti i target tra il settore business e quello SOHO-consumer, include anche un sistema Tablet PC. Le consegne mensili dei nuovi modelli dovrebbero assestarsi sulle 200-250 mila unità; l'avvio delle consegne dovrebbe iniziare nel terzo trimestre 2004.

Inventec, Quanta e Compal producono già portatili per HP, mentre è la prima volta che HP si rivolge a Wistron. Per competere per gli ordini di HP, le quattro compagnie hanno offerto prezzi molto aggressivi sacrificando la profittabilità.

Prima della fusione con Compaq Computer, anche Arima Computer produceva sistemi notebook per HP, ma ha concluso il contratto di produzione OEM per via della pressione con i prezzi. Alla luce dei fatti, la "new-entry" Wistron sta a significare che Arima non è nelle condizioni per tornare a produrre sistemi per HP.

Per i primi sei mesi del prossimo anno, i produttori Taiwanesi consegneranno 700-800 mila modelli dei notebook esistenti già prodotti ad HP. Con i nuovi ordini del 2004 la produzione per HP supererà i 10 milioni di portatili nel 2004.

Inventec produrrà due sistemi notebook destinati al settore mainstream-business con consegne mensili di 100-150 mila unità. Quanta avrà in produzione due sistemi da 17 e 15.4 pollici, un notebook slim da 12,1 pollici e un modello "standard" da 15 pollici. Wistron produrrà un modello SOHO da 15 pollici, mentre sarà Compal a produrre il sistema TabletPC da 12.2 pollici.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
poverociccio21 Novembre 2003, 14:30 #1
che bello...
tu entri in un negozio pronto a spendere 3000 eurozzi con ancora il ricordo della Williams potente e vincente e che non scende a compromessi per contrastare le Ferrari. Una sola immagine attraversa la tua mente:... HP invent.
E poi vieni a sapere che la scelta principale per l'affidamento della produzione è: chi offre il prezzo migliore??? pensavo che in questo campo a questi livelli fosse determinante il parametro qualità .
Faranno la fine che hanno fatto con i masterizzatori.
jappilas21 Novembre 2003, 17:03 #2
mah... l' outsourcing non è una novità...
secondo me non è così importante dove un notebook venga prodotto... quanto che rispecchi i canoni qualitativi hp...

ma non nel senso di qualità costruttiva, solidità e cose simili, (quella è un effetto delle scelte progetttuali che si sono riversate sul prodotto)
quanto in quello di uniformità di qualità, nell' ambito di più "stock" di produzione provenienti da stabilimenti diversi...

ricordo che le norme iso900x riguardano proprio questo aspetto... e mi sembra strano che proprio HP non possa mantenere la sua certificazione...

CMQ, il problema diventa relativo se a produttori diversi (in pratica fabbriche diverse) viene affidata la produzione concreta di prodotti di fascia differente, entry klevel in un caso e più seri in un altro...
dragunov21 Novembre 2003, 20:16 #3
Qualità?????
HP offre solo un anno di garanzia comprate i notebook a vostro rischio e pericolo!
jappilas21 Novembre 2003, 21:58 #4


ah beh allora... finisce che mi prendo un A$u$ ... o un vaio...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^