HP: atteso un taglio di 15000 dipendenti

HP: atteso un taglio di 15000 dipendenti

Probabilmente nella giornata di lunedì verrà diffuso da parte di HP un comunicato ufficiale in cui verranno chiariti i dettagli del tanto annunciato taglio di 15000 posti di lavoro.

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 08:04 nel canale Portatili
HP
 
Probabilmente nella giornata di lunedì verrà diffuso da parte di HP un comunicato ufficiale in cui verranno chiariti i dettagli del tanto annunciato taglio di 15000 posti di lavoro.

Il taglio, che corrisponde a circa il 10% della forza lavoro di HP, servirà per riequilibrare le voci di spesa in relazione ai profitti e ovviamente HP si attende di riconquistare la tanto desiderata competitività.

In queste settimane i vertici di HP sono in piena bufera infatti per far fronte alle difficoltà e per ridare nuova vitalità alle operazioni sono stati decisi alcuni avvicendamenti strategici.
In HP sono così confluiti Todd Bradley,che in PalmOne (da oggi Palm) ricopriva la carica di presidente e CEO, mentre Randy Mot lavorava in Dell con la responsabilità di CIO.

Oltre alla riduzione di posti di lavoro è probabile che anche la piramide del vertice venga ulteriormente rinnovata.
Nella giornata di lunedi dovrebbero essere disponibili ulteriori dettagli. Fonte: ZDNet.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

93 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Special16 Luglio 2005, 09:06 #1
15.000 sono davvero tanti... tagliare il 10% della propria forza lavoro significa che sono messi malino...
Praetorian16 Luglio 2005, 09:26 #2
...nn sono mica pochi...è vero! sono messi male....
AntonyFire16 Luglio 2005, 09:46 #3

15000 Dipendenti . . ..

Be questi sono pazzi, ma sopra tutto sono messi una cacca.
Visto che non ho mai condiviso la politica di chi licenzia per fare piu' soldi, faro' un bel po di pubblicita' negativa ad HP e non comprero' piu' loro prodotti, se devono licenziare 15000 persone e meglio se falliscono.
Solero16 Luglio 2005, 10:07 #4
Originariamente inviato da: AntonyFire
Be questi sono pazzi, ma sopra tutto sono messi una cacca.
Visto che non ho mai condiviso la politica di chi licenzia per fare piu' soldi, faro' un bel po di pubblicita' negativa ad HP e non comprero' piu' loro prodotti, se devono licenziare 15000 persone e meglio se falliscono.

Quindi secondo te se licenziano 15mila dipendenti (un'enormità dovrebberero fallire e lasciarne a casa altri 135mila???
dovrebbere venire tutti e 135mila a ringraziarti di persona!
GiovanniGTS16 Luglio 2005, 10:38 #5

135mila???

ma il i dipendenti non dovrebbero essere 150.000!

e' il 10%!

150.000 x 0,1 = 15.000

altrimenti si sarebbe detto 11,11%
Mastromuco16 Luglio 2005, 10:42 #6
si ma se sottrai a 150000 i 15000 dipendenti...ne rimangono 135000
jappilas16 Luglio 2005, 11:12 #7
io mi domando se la forza lavoro considerata sia di HP "Hewlett packard" o quella intera della joint venture HP compaq...
e se l' esubero non sia alla fin fine un' ennesima conseguenza di ciò che fece Carly Fiorina, quando sommando due realtà industriali ne creò una che ha sempre dato l' idea di essere anche se forse non troppo ampia (altri colossi vanno ben oltre) ma complessa quello sì (basti ricordare quante piattafome si è trovata a dover portare avanti, sia come sistemi operativi - HPUX, VMS, True64 Unix..., oltre ad un' attività rivolta all' open source sulla scia di quel che faceva IBM - che come hardware - i server e le workstation delle serie Alpha e Precision Architecture, pc con x86... )
l' impressione è che atteggiamenti "schizofrenici" interni all' azienda e in ogni caso difficoltà a gestirla mantenendo intera tutta la baracca, fossero inevitabili...
sari16 Luglio 2005, 11:25 #8
15000 sono un'enormità accidenti. E poi i vertici sono in bufera per gli avvicendamenti strategici... licenziano 15000 persone fregandosene e prestando attenzione solo agli "avvicendamenti strategici". Questa è l'ennesima dimostrazione che nessuno si fa scrupoli davanti al denaro.
Slamdunk16 Luglio 2005, 11:37 #9
Originariamente inviato da: AntonyFire
Be questi sono pazzi, ma sopra tutto sono messi una cacca.
Visto che non ho mai condiviso la politica di chi licenzia per fare piu' soldi, faro' un bel po di pubblicita' negativa ad HP e non comprero' piu' loro prodotti, se devono licenziare 15000 persone e meglio se falliscono.
Antony, se ne licenziano 15.000 è perché vogliono salvare il culo agli altri 135.000.

Io invece proprio per salvare gli altri, comprerei appositamente più prodotti HP, se fosse questione di principio.
AntonyFire16 Luglio 2005, 11:46 #10

Fidati è meglio se fallisce.....

Quindi secondo te se licenziano 15mila dipendenti (un'enormità dovrebberero fallire e lasciarne a casa altri 135mila???
dovrebbere venire tutti e 135mila a ringraziarti di persona!


Be questo è un tuo parere, e io lo rispetto ci mancherebbe,
ma ormai troppe aziende stanno prendendo questa piega, quindi non vedo il perche un'azienda che non sa risolvere i suoi problemi in altro modo ma se la prende solo con le persone che forse da anni lavorano per lei debba rimanere ancore sul mercato.
Hai la piu' pallida idea di quante altre persone ci sono dietro quelle 15000 ?
in media li puoi moltiplicare x 3 con tutte le relative conseguenze per il resto della societa' con relativi aumenti di tasse per coprire l'indennita' di queste persone, calo delle vendite xche non hanno piu' i soldi di prima e di conseguenza altri licenziamenti da parte di altre aziende. che bella casa

per lo meno se fallisce e viene assorbita forse qualche possibilita' in piu' le persone rimanenti c'è l'hanno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^