Fujitsu userà la bioplastica per produrre notebook

Fujitsu userà la bioplastica per produrre notebook

Lo chassis dei portatili Fujitsu sarà biodegradabile. Un polimero ricavato dall'amido di mais promette grandi novità ma un minimo di cautela è d'obbligo

di pubblicata il , alle 10:13 nel canale Portatili
Fujitsu
 

I notebook di prossima generazione promettono di essere maggiormente sensibili alle questioni ambientali: dopo svariati annunci effettuati da tutte le principali multinazionali in merito a un processo produttivo "il più verde possibile", Fujitsu allunga il passo e promette portatili realizzati con uno chassis biodegradabile.

La società ha annunciato che sul mercato giapponese proporrà notebook e telefoni cellulari il cui chassis sarà realizzato in bioplastica, un particolare materiale costituito da polimeri derivati da materiale vegetale, in particolare dall'amido del mais. Il vantaggio di tale plastica ecologica  è legato alla biodegradabilità:  in pochi mesi alcuni microrganismi sarebbero in gradi di trasformare lo chassis di un notebook in acqua e anidride carbonica.

Stando alle informazioni diffuse da Cnet.com, le caratteristiche meccaniche della bioplastica sarebbero assai simili a quelle dei materiali più tradizionali mentre il costo sembra essere leggermente superiore. Un ulteriore vantaggio legato all'utilizzo di questo nuovo materiale è relativo all'assenza di diossina in caso di combustione.

Una riflessione attenta deve però suggerire un minimo di critica nei confronti dell'iniziativa di Fujitsu. Infatti, il solo chassis è realizzato in materiale biodegradabile: il display, l'hard disk e, soprattutto, le batterie restano rifiuti di difficile smaltimento.

Quello della bioplastica è un mercato emergente che però merita di essere valutato con particolare attenzione. L'utilizzo di risorse agricole per la realizzazione di questi materiali e dei cosiddetti carburanti ecologici ha già causato stravolgimenti notevoli: innalzamento dei prezzi e nuove colture estensive sono solo alcuni campanelli di allarme su cui alcuni esperti invitano a riflettere.

Il ricorso a nuovi materiali meno inquinanti come le bioplastiche è indubbiamente un grande passo avanti verso un mondo tecnologico ecocompatibile ma, indubbiamente, vanno valutati i molteplici aspetti ad esso legati che prescindono dalla sola biodegradabilità dei materiali. Le risorse agricole necessarie alla produzione di bioplastica potrebbero innescare pericolosi meccanismi le cui ricadute economiche vanno ben oltre il solo comparto informatico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ulk20 Agosto 2007, 10:25 #1
Non ho capito, ti compri un notebook biodegradabile che dopo qualche anno è in putrefazione?
syscall20 Agosto 2007, 10:29 #2

Mbè

E secondo voi come dovrebberlo produrli hdd e batterie?
Già il fatto che le plastiche siano biodegradabili e le schede madri non contengano piombo è un passo avanti.
Piu' che altro è che i notebook fujitsu fanno schifo..
MiKeLezZ20 Agosto 2007, 10:48 #3
Fantastico, io pensavo a fibra di carbonio, leghe di magnesio, titanio (!), e questi mi saltano fuori con composti delle pannocchie...

Bentornati :P


p.s. Syscall, per me il vero futuro è il riciclaggio obbligatorio...
afterburner20 Agosto 2007, 11:00 #4
...un particolare materiale costituito da polimeri derivati da materiale vegetale, in particolare dall'amido del mais

[ironico mode]
Ma non sara' che, con tutti i componenti interni che scaldano, superata una certa temperatura, il portatile si trasforma in un gigantesco popcorn?
[/ironico mode]

Penso che il futuro portera' sempre piu' a svincolarci dal petrolio e dai suoi derivati ...
Nel momento in cui introdurranno nei portatili anche batterie fuel cell (magari a bioetanolo) oltre alla scocca di bioplastica sara' un bel passo in avanti per l'ambiente.
brona20 Agosto 2007, 11:13 #5
Non capisco quali tipi di pericoli ci possono essere dalla coltivazione estensiva di mais per la plastica biodegradabile. La stesa cosa la potrei dire per quel che riguarda gli alberi che vengono abbattuti per produrre la carta.
Secondo me tutto ciò che deriva dalle piante è sempre e comunque il male minore o no?
CliveSt20 Agosto 2007, 12:02 #6
@brona
ma no il punto e' che con la moda del biodiesel (la cui non pericolosita' e' messa sempre piu' in dubbio da recenti studi), molti contadini hanno "deforestato" le proprie coltivazioni di grano per convertirle al Mais, in questo modo andremo tutti in macchina ma moriremo tranquillamente di fame. Senza contare che sono partite gia' delle speculazioni spaventose per cui un terreno coltivato a solo grando e convertito per il mais viene rivalutato anche del 300% (ho sentito di percentuali anche maggiori in Canada e negli USA). Tutto questo e' follia.

per la notizia del notebook secondo me tutto gli sforzi per muoversi verso una biocompatibilita' e la massimizzazione del riciclaggio sono da lodare a patto ovviamente che siano sensati. Quella della Fujits mi sembra una gran bell'idea meno convincente secondo me e' il Biodiesel
Pier de Notrix20 Agosto 2007, 12:10 #7
Originariamente inviato da: brona
Non capisco quali tipi di pericoli ci possono essere dalla coltivazione estensiva di mais...


Il pericolo è la DESERTIFICAZIONE! Le piante sono organismi viventi e come tali si nutrono, quindi dal terreno rimane solo sabbia, polvere...

Questo è un problema comune a tutte le monocolture intensive, che non danno il tempo alla natura di ripristinare l'humus del terreno (animali morti, in particolare insetti, sali minerali e quant'altro).
bjt220 Agosto 2007, 12:17 #8
Anni fa (ero piccolo, quindi credo metà anni '80) dal "Topolino" uscì in regalo a puntate un orologiop fatto in plastica derivata dal mais... Probabilmente simile o identica a questa... Ci sono voluti 20 anni per iniziarla ad usare? Forse la "colpa" è del costo "leggermente superiore"?
ellepi20 Agosto 2007, 13:28 #9
Originariamente inviato da: bjt2
Anni fa (ero piccolo, quindi credo metà anni '80) dal "Topolino" uscì in regalo a puntate un orologiop fatto in plastica derivata dal mais... Probabilmente simile o identica a questa... Ci sono voluti 20 anni per iniziarla ad usare? Forse la "colpa" è del costo "leggermente superiore"?


Si si , me lo ricordo anch'io

Ad ogni modo, non mi si venga a raccontare che è più pericoloso un campo di mais di un pozzo petrolifero. Ci vorranno studi a tutto tondo per ecologicizzare tutta la filiera, questo è certo, ma la filiera attuale della plastica com'è?

Come sempre IMHO
paulus6920 Agosto 2007, 13:30 #10
innanzitutto....bentornato staff!!
adesso alla news...
"biodegradabile" mi può star bene...ma che succede se il notebook viene attaccato anche da altri organismi?
volete vedere che oltre ad un antivirus per il sw...dovremo montarci pure "un'antibiotico" per l'hardware e scocca?!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^