Dothan posticipato a inizio 2004

Dothan posticipato a inizio 2004

Il successore della cpu Pentium M sarà disponibile sul mercato a inizio 2004 e non a fine 2003 come originariamente pianificato

di pubblicata il , alle 16:17 nel canale Portatili
 
Intel avrebbe posticipato il debutto del nuovo processore Dothan, nome in codice con il quale viene indicata l'evoluzione a 0.09 micron di processo produttivo della cpu Pentium M. Questo processore è utilizzato sulle piattaforme Mobile Centrino.

Le ragioni dello spostamento sono al momento non definite ma è facile prevedere che siano legate a problemi con il nuovo processo produttivo a 0.09 micron. Del resto, il debutto della cpu desktop Prescott, evoluzione del processore Pentium 4 a 0.09 micron, è stato posticipato all'ultimo trimestre dell'anno proprio per problemi legati all'eccessiva dissipazione di calore.

La prima versione di cpu Dothan che verrà introdotta sul mercato avrà frequenza di clock di 1,8 Ghz e integrerà ben 2 Mbytes di cache L2, contro il quantitativo di 1 Mbyte attualmente integrato nelle cpu Pentium M. Nel secondo trimestre dell'anno Intel introdurrà una versione a 1,9 Ghz di clock della cpu Dothan, con quantitativo di cache L2 invariato.

Qualora Intel non riesca a introdurre sul mercato la cpu Dothan a 1,8 Ghz di clock nei tempi previsti, è presumibile che il produttore americano possa decidere di presentare una versione a 1,8 Ghz di clock della cpu Pentium M basata su core Banias, con processo produttivo a 0.13 micron e 1 Mbyte di cache L2 integrata on Die. Si tratta comunque di informazioni non ufficialmente confermate da Intel.

Fonte: Xbitlabs.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
the_joe08 Agosto 2003, 17:30 #1

Cache

Ma serve veramente tutta questa cache nell'architettura del Pentium M, in fondo è derivata dal PIII e non mi sembra che fra i 256 e i 512 Kb ci sia stato un enorme miglioramento, perlomeno non eclatante quanto quello che c'è stato per i P4 che sono molto dipendenti sia dal FSB che dalla cache.
pietro66708 Agosto 2003, 17:45 #2

Re: Cache

Originariamente inviato da the_joe
Ma serve veramente tutta questa cache nell'architettura del Pentium M, in fondo è derivata dal PIII e non mi sembra che fra i 256 e i 512 Kb ci sia stato un enorme miglioramento, perlomeno non eclatante quanto quello che c'è stato per i P4 che sono molto dipendenti sia dal FSB che dalla cache.


...credo che sia dovuto all'architettura della CPU: probabilmente il meccanismo di branch prediction e la lunghezza delle pipelines hanno necessità di cache L2 più ampia per evitare i cache miss, e maggiore la frequenza maggiore la necessità. Spero di non aver detto troppe stupidaggini....
maxilupo08 Agosto 2003, 18:10 #3
se l'avesse Amd tutta quella cache farebbe mangiare la polvere a tutti.
Amd ha algoritmi di previsione più efficienti, ma anche più complessi, anche per questo è difficile salire di frequenza.
Grezzo08 Agosto 2003, 18:55 #4
Originariamente inviato da maxilupo
se l'avesse Amd tutta quella cache farebbe mangiare la polvere a tutti.
Amd ha algoritmi di previsione più efficienti, ma anche più complessi, anche per questo è difficile salire di frequenza.


Secondo me invece ad AMD serve molto di più un clock elevato piuttosto che altra cache, questo lo dimostra il barton che onestamente non si avvantaggia molto dei 256Kb di cache in più.
Per AMD sono meglio i Mhz e un FSB superiore. Va anche tenuto conto che il bus EV6 ha diversi anni alle spalle, non può di certo compotetre con quello del P4 come banda dati.

In ogni caso chissa quanto consumerà con tutta quella cache...

Per quanto riguarda l' algoritmi della correzione degli errori penso che Intel sia superiore, è solo che gli stadi dei P4 sono più numerosi dei K7 e ovviamente se si sbaglia un calcolo si perde proporzionalmente più tempo di AMD.

Per quanto riguarda il clock, AMD non sale molto per via dell' architettura, l' algoritmo di previsione salti non centra na mazza, e naturalmente perchè le fabbriche AMD non sono al livello di quelle Intel, purtroppo...
legno08 Agosto 2003, 19:32 #5
X Grezzo
La possibilita' di salire di frequenza dipende dal numero di stadi interni del processore e non dalla qualita' delle fabbriche. Piu' stadi uguale piu' frequenza ! Piu' frequenza = piu' calore ( con molta cache il problema si enfatizza ) , da qui iproblemi di Intel . Ciao.
ErPazzo7408 Agosto 2003, 19:32 #6
x pietro667:
forse hai confuso il P4 col Pentium-M?
Sono 2 architetture differenti e sinceramente non capisco a cosa servano 2mega di cache, secondo me ne faranno una versione per server e l'unica spiegazione!
1Mega e' gia' troppa cache eppoi visto che il target e quello dei superportatili e quindi notebook a basso consumo io personalmente preferirei avere meta' cache e qualche watt in - che il 2/3% (forse!) in + di prestazioni!
In ambito server invece, soprattutto se multiprocessore la cache e' importante e avrebbe senso.
Eppoi insomma con 512mega di ram avere 2mega di cache 2L boh!
ShadowX8408 Agosto 2003, 19:48 #7

X Grezzo:

In ogni caso chissa quanto consumerà con tutta quella cache...


Attento!!...:Non dimenticarti che Dothan è il successore di Banias..cioè il capostitipe dei processori del progetto "Centrino", progetto che punta tra le altre cose ad abbassare notevolmente i consumi delle varie componenti dei notebook con lo scopo di prolungare l'autonomia delle batterie, quindi questo processore non consumerà moltissimo.
Grazie a tutte le tecniche di risparmio energetico impiegate per la realizzazione di tale core, il consumo di esso sarà molte volte inferiore dell futuro prescott, di tutti gli attuali P4 e dei vari Athlon che ci sono in circolazione!!

Per quanto riguarda il clock, AMD non sale molto per via dell' architettura, l' algoritmo di previsione salti non centra na mazza, e naturalmente perchè le fabbriche AMD non sono al livello di quelle Intel, purtroppo...


Non sono pienamente daccordo con te, la FAB30 di AMD (quella che si trova a Dresda), è uno degli impianti di produzione più avanzati che ci sono in circolazione (benchè non abbia una alta capacità di produzione, e non utilizzi i wafer da 300mm)


Ciao ciao!!
Jaguarrrr08 Agosto 2003, 22:35 #8
GREZZO
hai proprio annoiato con questo tuo tifare intel ad oltranza. Lo fai nei forum e pure qui !!!

MI DICI CHE COSA VUOL DIRE ""PENSO"" ???

Ma ti rendi conto delle boiate che ti inventi su come sono le architetture di amd e di intel ???

Originariamente inviato da Grezzo
Per quanto riguarda l' algoritmi della correzione degli errori penso che Intel sia superiore, è solo che gli stadi dei P4 sono più numerosi dei K7 e ovviamente se si sbaglia un calcolo si perde proporzionalmente più tempo di AMD.


non esiste nessun "algoritmo di correzione dell'errore"
invece (e lo sanno tutti) amd ha il miglior algoritmo per la previsione dell'istruzione successiva.

Per quanto riguarda il clock, AMD non sale molto per via dell' architettura, l' algoritmo di previsione salti non centra na mazza, e naturalmente perchè le fabbriche AMD non sono al livello di quelle Intel, purtroppo...


adesso una cpu non sale di frequenza perchè ha la fabbrica che non funzia... ma chi te lo ha detto... TOPO GIGIO ???

Hanno semplicemente puntato:
intel: pipeline lunga / frequenze alte / prediction media
amd: pipeline corta / frequenze medie / prediction alta

nei bench si vede come un barton 2000MHz/400MHz ha la stessa potenza di calcolo di un p4 2800MHz/800Mhz oppure un 2200MHz/400MHz come un p4 3200.

PARLO (CALMA) del calcolo...

se poi si usano programmi il cui salto di istruzione è banale e che hanno bisogno di MHz PURI come i vari programmi di codifica o compressori come winrar è ovvio che non c'è più questa equivalenza.

MA A CHE PREZZO PERO'...

Un P4 2800/800 più scheda madre costa il due volte e mezzo (345+220) di un xp 2500+ (109+95) o due volte un xp 2800+ (180+95).

Il DOPPIO e va il 20% in più solo in alcune applicazioni (winrar e compressione)

Gli utenti casalinghi "normali" o i videogamer perchè dovrebbero spendere il doppio ???

E pure voi che sembra che facciate la codifica di quei DVIX dalla mattina alla sera (che vengono pure male) che ve ne fate di 10 minuti risparmiati quella volta alla settimana o al mese che codificate....

CIAUZZZZZZZZZZZZZZZZzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Eraser|8508 Agosto 2003, 23:33 #9
ben detto jaguarrrr
teoprimo09 Agosto 2003, 00:03 #10
AMD non avrà + il problema ev6, hiper transport.
Speriamo bene, se salgono di frequenza la storia cambia, il problema che aumentando la cache e integrando il DDR controller, non possono salire molto finche non sia prono le porte ai 0.09micron...il calore veramente salirebbe troppo...anche se intel tirerà fuori proci da oltre 100W...

Attualmente scaldano + gli intel o gli amd??????
tanto si è discusso...però????

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^