Dell presenta l'aggiornamento della linea di portatili Latitude

Dell presenta l'aggiornamento della linea di portatili Latitude

Il Dell Technology and Solutions Tour rappresenta il contesto ideale per la presentazione dei nuovi portatili Dell Latitude con la nuova piattaforma Intel Centrino Duo

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:29 nel canale Portatili
IntelDell
 

In occasione dell'evento Technology and Solutions Tour tenuto nella cornice dell'Atahotel Quark di Milano, Dell Computer ha presentato alla stampa l'aggiornamento dei modelli di notebook della linea Latitude, destinati espressamente alla clientela aziendale, che si arricchisce ora della nuova piattaforma Intel Centrino "Santa Rosa".

Ad introduzione della presentazione dei nuovi portatili, Dell ha illustrato i risultati di una piccola indagine di mercato che ha messo in luce la situazione dello scenario tecnologico degli ultimi anni, uno scenario che vede due importanti mutamenti contemporanei. Oltre a quello ormai sotto gli occhi di tutti, ovvero il passaggio dal "fisso" al "mobile", un cambiamento molto importante, ma forse meno immediato da percepire, è quello dal concetto di "one-size-fits-all" (ovvero una soluzione che vada bene per le esigenze di tutti, ovviamente con gli inevitabili compromessi del caso) verso il concetto di "build-to-order" (ovvero un prodotto che, partendo da una base comune, viene personalizzato in fase di produzione secondo le specifiche esigenze dell'utente).

Dell Latitude 531 installato su Dell Port Replicator

Partendo da questi presupposti, Dell presenta la nuova linea di portatili Latitude che la compagnia stessa definisce in grado di poter rispondere alle esigenze di ogni tipo di utente professionale, sia per coloro i quali ricercano mobilità spinta, sia per coloro i quali hanno bisogno di un portatile da scrivania, sia per quella categoria di persone che necessitano di poter lavorare con il proprio notebook direttamente "sul campo" in scenari quali cantieri, catene di produzione, officine e via discorrendo. Sono quattro gli elementi fondamentali che caratterizzano la linea Latitude per il 2007:

- HyperConnect, per la connettività ovunque, grazie ai moduli WiFi 802.11n e alla possibilità di includere in alcuni modelli soluzioni di connettività 3G. La connettività 3G attualmente è supportata tramite Vodafone solo in Spagna e Olanda, ma Dell ha dichiarato di essere al lavoro per poter estendere la copertura anche alla penisola italiana. I nuovi notebook sono inoltre provvisti di modulo Bluetooth 2.1.

- Smart Security, per massimizzare la sicurezza, tramite soluzioni quale lettore biometrico di impronte digitali, modulo TPM 1.2 e sistemi di criptatura dei dischi rigidi.

- RoadReady, grazie all'impiego del magnesio per la realizzazione dei portatili Latitude (non solo per la serie ATG) e del sistema di protezione Strike Zone per il disco rigido, Dell assicura una elevata solidità, robustezza e durevolezza dei propri portatili, garantita anche da una serie di test della durata complessiva e cumulativa di 13 mila ore.

- Innovative Design, non solo in termini estetici ma soprattutto in termini di progettazione a tutto tondo delle soluzioni notebook, per permettere una migliore gestione energetica (i nuovi Latitude rispondono alle specifiche Energy Star 4.0) e la possibilità di scegliere diverse soluzioni OS (Windows XP, Windows Vista, FreeDOS).

Restando in tema di design e progettazione, per la nuova serie Latitude Dell propone anche l'impiego delle nuove soluzioni di storage basate su memoria flash, spaziando da dischi solid state da 32GB sino a soluzioni ibride da 120GB, senza dimenticare la tecnologia Turbo Memory, quest'ultima grazie alla nuova piattaforma Intel Centrino Duo.

Arrivando finalmente al prodotto vero e proprio, Dell presenta i portatili Latitude D630, Latitude D830 e Latitude D531, preannunciando inoltre il modello Latitude D430 che sarà reso disponbile prossimamente sul mercato.

Dell Latitude D830

Per quanto riguarda i modelli Latitude D630 e Latitude D830, si tratta di soluzioni basate sulla nuova piattaforma Intel Centrino "Santa Rosa", entrambe provviste come base di processore Intel Core 2 Duo T7100. I due modelli si differenziano per il form factor: 14,1 pollici per D630 e 15,4 pollici per D830. I prezzi sono a partire da 1105 Euro e 1135 Euro rispettivamente, IVA esclusa. Non sono attualmente disponibili ulteriori informazioni e sulle altre specifiche tecniche dei portatili e sulle opzioni di configurazione (che comunque ricalcheranno quelle dei modelli D620 e D820) e sui relativi prezzi. Dell Latitude D531 è invece un notebook basato su piattaforma AMD Mobile e prevede l'impiego di processori Turion 64 e Sempron single e dual-core. Anche in questo caso mancano i dettagli sulle configurazioni, tuttavia Dell comunica che il prezzo base del modello Latitude D531 partirà da 640 Euro, anche in questo caso IVA esclusa.

Sui modelli Latitude D420 e Latitude D620 ATG, attualmente a listino, Dell annuncia inoltre l'introduzione di una nuova opzione di configurazione al momento dell'ordine che offre la possibilità al cliente di poter scegliere un disco SanDisk da 1,8 pollici a stato solido da 32GB di taglio. La nuova opzione prevede un costo aggiuntivo di 425 Euro, IVA esclusa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tony Mako09 Maggio 2007, 12:38 #1
Ma di Linux preinstallato non se ne parla proprio?
Solero09 Maggio 2007, 12:59 #2
Non ne parla l'articolo, ma ieri al Technology and Solutions Tour ha fatto una bella presentazione Red-Hat(il tipo indossava pure il capello rosso)che è installabile da anni su server e workstation.
agente Blasco09 Maggio 2007, 12:59 #3
modulo TPM 1.2 ????????????????????????????????????????
o my god
tarek09 Maggio 2007, 13:15 #4
il modulo tpm ce l'ho anche sul d620 ed è veramente utile per la sicurezza e la crittografia... inoltre per i paranoici si può disabilitare da bios.
Artemisyu09 Maggio 2007, 13:37 #5
Originariamente inviato da: tarek
il modulo tpm ce l'ho anche sul d620 ed è veramente utile per la sicurezza e la crittografia... inoltre per i paranoici si può disabilitare da bios.


Confermo... il modulo TPM è molto importante per molti usi.

La situazione, se vogliamo, pericolosa, derica dall'unione del modulo tpm con un bios apposito e con un sottosistema a livello di sistema operativo che ne implementi tutte le varie funzioni di "sicurezza" tanto contrastate (spesso giustamente) dai vari movimenti noTCPA.

Del resto il modulo tpm è disponibile ormai da molti anni con software che lo sfruttano per la crittografia di dati sensibili e addirittura per l'autenticazione tramite smart card, o, ancora, per i lettori di impronte digitali.
E la sua presenza, sinceramente, in queste condizioni provoca solo vantaggi.
fradeve1109 Maggio 2007, 14:41 #6

FACCIAMO LUCE SU LINUX

A GRANDE RICHIESTA DI MILIONI DI UTENTI, Dell sta preinstallando la distribuzione UBUNTU GNU/LINUX sui notebook! NON NE PARLIAMO???

ASSURDO.............
fradeve1109 Maggio 2007, 14:42 #7

FACCIAMO LUCE SU LINUX

A GRANDE RICHIESTA DI MILIONI DI UTENTI, Dell sta preinstallando la distribuzione UBUNTU GNU/LINUX sui notebook! NON NE PARLIAMO???

ASSURDO.............
fradeve1109 Maggio 2007, 14:43 #8

FACCIAMO LUCE SU LINUX

A GRANDE RICHIESTA DI MILIONI DI UTENTI, Dell sta preinstallando la distribuzione UBUNTU GNU/LINUX sui notebook! NON NE PARLIAMO???

ASSURDO.............
Brigno09 Maggio 2007, 14:44 #9
Se verrà confermata la presenza della seriale come sull'820 allora l'830 sarà presto mio
Brigno09 Maggio 2007, 14:44 #10
FREEDOS ???
Interessante !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^