Da 20 a 30 milioni di Ultrabook in commercio nel 2012

Da 20 a 30 milioni di Ultrabook in commercio nel 2012

La stima è dei produttori di sistemi asiatici, basata su previsioni di Intel: a trainare le vendite la seconda generazione di sistemi Ultrabook basati su piattaforma della famiglia Ivy Bridge

di pubblicata il , alle 09:08 nel canale Portatili
IntelUltrabook
 

Attese tra i 20 e i 30 milioni di unità le vendite di soluzioni Ultrabook previste da Intel nel corso del 2012, stando ai dati anticipati dal sito Digitimes a questo indirizzo. Si tratta di una stima decisamente ottimistica, supportata tuttavia dal prossimo debutto della seconda generazione di sistemi Ultrabook basati su architettura Ivy Bridge.

Per il 2013 le previsioni parlano di un incremento dei volumi molto consistente, con stime di vendita comprese tra 2 e 3 volte quelle totalizzate nell'anno 2012. E' evidente che il successo commerciale di questa tipologia di prodotti sarà trainato da un abbinamento tra costi accessibili e politiche di marketing sempre più spinte da parte dei produttori, supportati in questo da Intel.

Ricordiamo come al momento di presentare questa tipologia di soluzioni portatili, nel mese di Giugno 2011, Intel abbia stimato una quota di mercato del 40% per i sistemi Ultrabook entro fine 2012. Questo equivarrebbe a un volume di vendita di almeno 70 milioni di pezzi per l'anno 2012, cifra che è stata quindi abbondantemente ritoccata verso il basso nelle più recenti stime.

Ricordiamo come il termine Ultrabook identifichi PC portatili caratterizzati da spessore dello chassis molto contenuto, al massimo pari a 20 millimetri nei modelli con diagonale dello schermo più grande, che integrano piattaforma Intel della famiglia Core e assicurano tempi di risposta particolarmente rapidi grazie all'utilizzo di unità SSD o di memoria SSD cache abbinata a un hard disk meccanico di tipo tradizionale. Il riferimento diretto è alle soluzioni Intel Macbook Air, che molto successo hanno riscosso grazie al mix tra portabilità e design accattivante.

Vedremo nel corso dei prossimi mesi in che misura questa stima di vendita verrà effettivamente realizzata. Rimangono forti dubbi su questi volumi complessivi, a meno che i prezzi dei dispositivi non vadano progressivamente a convergere verso livelli più accessibili rispetto a quanto praticato per le prime generazioni di proposte Ultrabook apparse sul mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gomax20 Aprile 2012, 09:42 #1
La favola degli ultrabook...
Da circa un anno quando mi chiedono consigli per l'acquisto di un notebook (praticamente quasi ogni giorno) appena propongo il piu' scrauso degli ultrabook e nomino il prezzo... mi guardano come se avessi pronunciato la piu' atroce delle bestemmie
I produttori asiatici con le loro stime sembrano completamente avulsi dallo spazio e dal tempo

Ciao
Veradun20 Aprile 2012, 10:02 #2
Originariamente inviato da: gomax
La favola degli ultrabook...
Da circa un anno quando mi chiedono consigli per l'acquisto di un notebook (praticamente quasi ogni giorno) appena propongo il piu' scrauso degli ultrabook e nomino il prezzo... mi guardano come se avessi pronunciato la piu' atroce delle bestemmie
[B][U]I produttori asiatici[/U][/B] con le loro stime sembrano completamente avulsi dallo spazio e dal tempo

Ciao


Non sono loro a pagare questa enorme campagna pubblicitaria, ma Intel

E' un po' quello che tutti quelli che girano alla larga da Apple dicono da sempre: perché devo spendere di più per avere di meno? Il risultato è che il target di questi portatili è lo stesso dei portatili Apple. Giochiamo ad indovinare se quel target preferisce comprare l'Apple o l'Acer...
gomax20 Aprile 2012, 10:07 #3
Forse in altri momenti la strategia di Intel si sarebbe rivelata più che vincente, ma allo stato attuale cercare di conquistare il mercato consumer con gli ultrabook è come tentare di spremere ancora un limone già passato sotto la pressa...

Ciao
Stargazer20 Aprile 2012, 17:35 #4
Intel diceva così anche con la favola degli umpc

La più grande sfortuna è che non puoi salvarti neanche le pubblicità intel perché a distanza di anni le cancellano se fanno flop e non puoi tornare a sorriderci sopra
Itacla20 Aprile 2012, 17:40 #5
Originariamente inviato da: gomax
Forse in altri momenti la strategia di Intel si sarebbe rivelata più che vincente, ma allo stato attuale cercare di conquistare il mercato consumer con gli ultrabook è come tentare di spremere ancora un limone già passato sotto la pressa...

Ciao


e di grazia, cosa sarebbe il presente/futuro? i tablet per caso?

IMHO gli ultrabook sono l'evoluzione naturale del PC portatile, anzi sono i primi veri PC portatili.
Certo che fino a che i prezzi non si abbassano in maniera decisa non raggiungeranno mai la massa.
threnino20 Aprile 2012, 17:41 #6
Originariamente inviato da: gomax
La favola degli ultrabook...
Da circa un anno quando mi chiedono consigli per l'acquisto di un notebook (praticamente quasi ogni giorno) appena propongo il piu' scrauso degli ultrabook e nomino il prezzo... mi guardano come se avessi pronunciato la piu' atroce delle bestemmie
I produttori asiatici con le loro stime sembrano completamente avulsi dallo spazio e dal tempo

Ciao


ci sono (molte) persone che comprano macchine fotografiche da supermercato a meno di 100€. Per tutti il prezzo è un metro di giudizio, per molte persone il prezzo è L'UNICO metro di giudizio.
Il periodo storico in cui sono stati lanciati gli ultrabook non è dei migliori, ma questo non toglie che siano dei prodotti più che validi. Che poi anche qui ci sarebbe da discutere, guardando la diffusione di smartphone di fascia alta e automobili sovradimensionate è soltanto una questione di giudizi e necessità personali. Io ho un telefono da 40€ ed un ultrabook
argent8820 Aprile 2012, 20:25 #7
Certo queste stime fanno sorridere..

Si può sicuramente dire che non stravendono, si può sicuramente dire che sono i cugini tardivi dell'air.


Non ne vendiamo tanti nemmeno noi.
gpat22 Aprile 2012, 13:08 #8
Gli ultrabook sono tutto marketing, e hanno un prezzo inflazionato all'inverosimile. Con neanche 600€ ti compri un 15" quad-core, penso che fare un ultrabook costi più o meno uguale se non meno, però pretendono di farti pagare il doppio per un processore inferiore, VGA integrata e una SSD che a loro costerà un niente, solo perchè sono più leggeri e la batteria dura di più. Il mercato oltre i 1000€ è di Apple, e questa cosa purtroppo non riesce a copiarla nessuno...

P.S. Sarebbe carino anche se ci dessero un taglio sugli schermi da 1366x768.
calabar22 Aprile 2012, 15:35 #9
Originariamente inviato da: gpat
[...] però pretendono di farti pagare il doppio per un processore inferiore, VGA integrata e una SSD che a loro costerà un niente, [U]solo perchè sono più leggeri e la batteria dura di più[/U]. [...]

Sicuramente con gli ultrabook hanno cercato di creare una categoria di prodotti dove avere margini un po' più ampi, però perdonami... ciò che in un portatile ricerco e ritengono importanti sono proprio quelle caratteristiche che tu banalmente releghi a secondarie con un "solo perchè...".
Sinceramente, è da tempo che aspettavo un mercato di massa per dispositivi di questo tipo, e checché se ne dica, finalmente sono disponibili e con un'ampia scelta.
Ora bisogna solo attendere che vengano un po' affinati e i prezzi si stabilizzino, ma già ora se uno è interessato a questo tipo di prodotti ed ha la disponibilità finanziaria, direi che può acquistarli senza particolari patemi.
Veradun22 Aprile 2012, 20:27 #10
Dimenticavo di sottolineare la finezza: "in commercio" sono anche quelli sugli scaffali, cioe' la maggioranza di quelli prodotti, che e' dove resteranno

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^