Continuano a crescere le vendite di PC nella regione EMEA, grazie al mercato consumer

Continuano a crescere le vendite di PC nella regione EMEA, grazie al mercato consumer

Sono i sistemi notebook a farla da padrone nelle vendite del terzo trimestre 2020, grazie alla loro maggiore capacità di adattarsi alle mutate necessità legate allo studio, al lavoro e all'intrattenimento

di pubblicata il , alle 11:05 nel canale Portatili
HPDellLenovoAcerASUS
 

IDC certifica un altro trimestre di forti vendite di personal computer registrato nell'area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa). Il terzo trimestre 2020 ha registrato una crescita di mercato media dell'11,7% rispetto al corrispondente periodo del 2019, per un totale di circa 21 milioni di soluzioni immesse sul mercato.

La domanda continua a essere trainata dal settore consumer, forte di un +29,3% anno su anno che compensa la lieve contrazione, -2,1%, registrata dall'ambito commerciale. I consumatori si sono adattati già tra primo e secondo trimestre alle limitazioni imposte dai vari lockdown nazionali messi in atto in questi mesi di pandemia globale ma continua il processo di acquisto di nuovi PC utili per la didattica da remoto e per il telelavoro.

hp_2505_720.jpg

C'è inoltre da considerare che il terzo trimestre dell'anno è quello del cosiddetto back to school, durante il quale la domanda di nuovi sistemi PC è storicamente elevata e legata al mercato consumer. Le aziende sembrano invece già essersi messe in regola come parco macchine a fronte delle nuove modalità di lavoro da remoto: per questo motivo la loro domanda di nuovi sistemi nel periodo di riferimento è stata complessivamente pari al dato dell'anno precedente. Altra dinamica ben evidente è il tipo di dispositivi venduti: si tratta di notebook, con i sistemi desktop che continuano a registrare tassi negativi.

Passando ai produttori, HP mantiene la prima posizione con una quota di mercato del 25,1% registrando però una contrazione del 2,1% rispetto allo stesso periodo del 2019. Lenovo ha toccato quota 23,4% registrando una crescita positiva del 3,5% che è però inferiore a quella media del mercato. Anche Dell ha visto un segno negativo, ben il 6,6%, mantenendo la terza posizione con il 10,9% del totale.

ASUS e Acer si posizionano al quarto posto con valori molto vicini tra di loro; entrambe hanno registrato importanti crescite nel periodo di riferimento, con ASUS che ha aumentato i volumi di vendita di ben il 66% mentre Acer del 25,7%. La quota di mercato corrispondente è del 9,5% per la prima e del 9,2% per la seconda.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor22 Ottobre 2020, 16:48 #1
il fatto è che, oltre al naturale ricambio delle macchine guaste/obsolete, ora c'è anche la necessità di dotare più membri della famiglia di dispositivi adatti a lavorare o studiare da casa...
Quindi se in alcune famiglie un tempo bastava un PC vecchio e uno magari più recente, oggi occorre sostituire quello vecchio e magari affiancargliene un altro.

Se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno diciamo che questo potrebbe accelerare il processo di digitalizzazione delle famiglie e di aziende, pubblica amministrazione (sperem...) ecc.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^