Chromebook, finita la pacchia: le vendite crollano per 'colpa' del vaccino

Chromebook, finita la pacchia: le vendite crollano per 'colpa' del vaccino

Le vendite do Chromebook sono scese di quasi il 30% su base annua secondo IDC. Dopo un 2020 in grande spolvero, il Q3 2021 fa segnare una forte battuta d'arresto figlia delle minori restrizioni, e il conseguente ritorno sui posti di lavoro e studio, frutto dalla campagna vaccinale.

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Portatili
ChromebookGoogle
 

Nel 2020 la pandemia ha spinto le consegne globali di Chromebook e tablet, e per molti trimestri i numeri hanno registrato un costante segno più sulla spinta del lavoro da remoto e la didattica a distanza. Il terzo trimestre 2021 segna però il passo, con un calo delle consegne di Chromebook del 29,8% su base annua a 6,5 milioni di unità, mentre i tablet si sono fermati a 42,3 milioni, in arretramento del 9,4%. A dirlo un'analisi di IDC.

Gli acquisti fatti lo scorso anno da aziende e privati, unitamente alle minori restrizioni figlie della campagna vaccinale, si aggiungono alle ben note difficoltà della filiera produttiva dei semiconduttori. "Molte scuole e governi hanno esaurito i loro budget per fornire dispositivi per la didattica a distanza e persino i consumatori hanno acquistato in modo aggressivo dispositivi per tale scopo nel 2020. Di conseguenza, prevediamo una certa saturazione nel mercato dell'istruzione nel breve termine", ha commentato Anuroopa Nataraj, analista di IDC.

"Ciò ha un impatto diretto sui Chromebook e persino sui tablet in una certa misura, specialmente nei mercati sviluppati come gli Stati Uniti e l'Europa occidentale, a causa degli elevati volumi fatti segnare nei trimestri precedenti. I Chromebook continuano ad aumentare la loro presenza nei mercati emergenti come Asia/Pacifico (Giappone e Cina esclusi), America Latina, Medio Oriente e Africa, ma le vendite in queste regioni rappresentano meno del 13% del volume complessivo dei Chromebook e quindi sono lontane dal muovere il mercato globale".

Top 5 Chromebook, dati IDC sul Q3 2021

Azienda

Consegne Q3 2021 (mln)

Market Share Q3 2021

Consegne Q3 2020 (mln)

Market Share Q3 2020

Crescita su base annua

1. Lenovo

1,5

23,1%

1,7

18%

-10%

2. Acer Group

1,4

20,8%

1,6

17,1%

-14,6%

3. Dell Technologies

1,2

18%

1,2

13,4%

-5,7%

4. HP Inc.

1,1

16,9%

3,2

35%

-66,1%

5. Samsung

0,6

8,9%

0,6

6,2%

0,2%

Altri

0,8

12,3%

0,9

10,2%

-15,4%

Totale

6,5

100%

9,2

100%

-29,8%

Secondo IDC, Lenovo è il primo produttore di Chromebook con una quota del 23,1% a fronte di un calo delle consegne del 10% rispetto al Q3 2020. Segue Acer con il 20,8%, Dell con il 18% HP con il 16,9% e Samsung, più staccata, con l'8,9%. A registrare la battuta d'arresto più forte è senza dubbio HP, con un calo delle consegne del 66%.

Le vendite di tablet sono cresciute lo scorso anno per molteplici fattori, dalla versatilità ai prezzi in genere più competitivi dei notebook, fino alla carenza di portatili cha ha dirottato la spesa dei consumatori. Nonostante il rallentamento della domanda, l'uso commerciale dei tablet in settori verticali come la logistica, la salute e la finanzia dovrebbe persistere perché la pandemia ha cambiato il modo in cui questi settori operano nel quotidiano.

Top 5 Tablet, dati IDC sul Q3 2021

Azienda

Consegne Q3 2021 (mln)

Market Share Q3 2021

Consegne Q3 2021 (mln)

Market Share Q3 2020

Crescita su base annua

1. Apple

14,7

34,6%

14

30%

4,6%

2. Samsung

7,5

17,7%

8,4

18%

-11,1%

3. Amazon.com

4,7

11,1%

5,4

11,6%

-13,3%

4. Lenovo

4,3

10,1%

4,2

9%

2,1%

5. Huawei*

2,3

5,4%

4,2

9%

-45,9%

Altri

8,9

21,1%

10,5

22,4%

-14,8%

Totale

42,3

100%

46,7

100%

-9,4%

 

5. Huawei (includendo i volumi di Honor nel Q3 202)**

2,3

5,4%

4,9

10,4%

-53,1%

"Sebbene la riduzione della domanda sia in gran parte la causa del calo di queste categorie, anche l'offerta limitata è stata un fattore", ha affermato Jitesh Ubrani, research manager di IDC. "È probabile che la combinazione di questi due fattori crei opportunità per i produttori di PC poiché i componenti condivisi, la capacità di produzione e i noli potrebbero essere dirottati su altre categorie come i notebook Windows o forse i PC gaming, che continuano a vedere una domanda più elevata e una maggiore redditività".

I dati di IDC vedono Apple al vertice del settore tablet con una quota in crescita al 34,6%, con Samsung, Amazon, Lenovo e Huawei decisamente staccate. Solo Lenovo, oltre ad Apple, ha registrato una crescita su base annua, seppur minima. Crollo del 46% per quanto riguarda Huawei a causa del ben noto ban statunitense.

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gringo [ITF]03 Novembre 2021, 09:17 #1
..... quarta, quinta ondata in arrivo ? (Ce lo chiede l'europa)
Ginopilot03 Novembre 2021, 09:20 #2
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
..... quarta, quinta ondata in arrivo ? (Ce lo chiede l'europa)


Troppo pochi novax, nogreenpass e nobrain in generale. Se continua cosi' piu' che ondate ci saranno ondine, e ciao ciao chromebook
Saturn03 Novembre 2021, 09:28 #3
Sono vaccinato e tutto...ma più che una notizia sui chromebook mi sembra uno spot pro-vaccinazione. Padronissimi per l'amor del cielo, ma un titolo un po' meno fanciullesco lo si poteva anche trovare.
djfix1303 Novembre 2021, 10:21 #4
i chomebook non sono ne carne ne pesce la gente li ha comprati perchè dovevano stare online ma non avevano soldi per pc normali stra-costosi: non si può proporre sui 300 euro un chromebook e sui 500 un pc con Celeron quando prima della pandemia sui 400 euro potevi avere gli i3 come minimo.
contando poi che i chromebook sono bloccati di bios e non ci puoi mettere altri OS sta bene il crollo vendite.
predator8703 Novembre 2021, 11:05 #5
Mi torna un vecchio tormentone messinese "ci cuppa Accorinti!"
giugas03 Novembre 2021, 11:48 #6
Originariamente inviato da: djfix13
i chomebook non sono ne carne ne pesce la gente li ha comprati perchè dovevano stare online ma non avevano soldi per pc normali stra-costosi: non si può proporre sui 300 euro un chromebook e sui 500 un pc con Celeron quando prima della pandemia sui 400 euro potevi avere gli i3 come minimo.
contando poi che i chromebook sono bloccati di bios e non ci puoi mettere altri OS sta bene il crollo vendite.

Concordo, tra le altre cose immagino che, ormai, tutti coloro che ne avevano necessità impellente li abbiano già acquistati.
Mechano03 Novembre 2021, 12:50 #7

Esperienza

Vorrei scrivere due righe di esperienza coi Chromebook col telelavoro...

In azienda c'è il PC fisso con tutti i software. Il Chromebook ha tutti i client di VPN nel mio caso il Fortinet, e quindi sei subito dentro la rete aziendale.

A browsing, uso di Outlook online e suite Office 365 Online tutto ok.
Se ti serve il PC dell'azienda hai RDP, Teamviewer, Anydesk.

Per i webinar e le teleconferenze c'è tutto compreso Teams per il lavoro coi colleghi e le riunioni online.

Inoltre puoi anche installare l'ambiente Debian Linux con dentro Libreoffice e tutto il parco software di una Debian.

I modelli migliori di Chromebook pilotano pure schermi esterni anche touch (via USB-C) come fa l'Acer 513 che li pilota in fullHD (alcuni più piccoli si fermano all'HD) per cui con uno schermo portatile touch esterno hai anche il dual screen.

I Chromebook hanno ottime autonomie, e in teoria puoi telelavorare da qualunque posto trovi una connessione, anche quella in tethering con lo smartphone o con un router 4G autoalimentato. Con un buon Chromebook da 12-16 ore ed un battery Phone come il Poco M3 o Samsung M51 fai un'intera giornata di lavoro in estate dal tavolino del lido al mare.

Io stesso mi sono trovato a lavorare dallo skatepark dove tenevo un occhio sul lavoro ed uno al bambino mentre si faceva qualche rampa e i suoi trick.

Veniamo allo svago. Al bimbo ho regalato l'Acer 311 con MT8183. Convertibile che installa e fa funzionare tutto il parco giochi del Play Store.
Ci fa i documenti con i Google Docs, e ci sono anche app educative.

Ci ha fatto letteralmente la guerra e non si è ancora guastato, oltre alla costanza di funzionamento nonostante abbia installato e disinstallato migliaia tra giochi ed app.
Addio al registry di Windows e i formattoni periodici...

Io a utenti cosiddetti "sottosviluppati informatici" consiglierei solo Chromebook, meglio con CPU ARM e convertibili. Hanno tutti i mondi a loro disposizione, il computer ed il tablet Android.
Ma anche ad esperti che programmano con Linux perché con un click hai la Debian ed Android Studio o Eclipse installati.

Aggiornamenti per 8-10 anni sono previsti per tutti. Ed avvengono effettivamente con cadenza di 2-3 al mese.
Vindicator03 Novembre 2021, 13:00 #8
chromebook, che pc fasulli solo per office

è sempre meglio un vero pc con windows anche per poco ma fai molto di piu
non li ho mai capiti questi chromebook; li h ofatti anche evitare a dei parenti per lo smartworking
che non sapevano cosa prendere, gli ho detto prendi un pc windows sempre
Cappej29 Dicembre 2021, 18:09 #9
Originariamente inviato da: Mechano
Vorrei scrivere due righe di esperienza coi Chromebook col telelavoro...

In azienda c'è il PC fisso con tutti i software. Il Chromebook ha tutti i client di VPN nel mio caso il Fortinet, e quindi sei subito dentro la rete aziendale.

A browsing, uso di Outlook online e suite Office 365 Online tutto ok.
Se ti serve il PC dell'azienda hai RDP, Teamviewer, Anydesk.

Per i webinar e le teleconferenze c'è tutto compreso Teams per il lavoro coi colleghi e le riunioni online.

Inoltre puoi anche installare l'ambiente Debian Linux con dentro Libreoffice e tutto il parco software di una Debian.

I modelli migliori di Chromebook pilotano pure schermi esterni anche touch (via USB-C) come fa l'Acer 513 che li pilota in fullHD (alcuni più piccoli si fermano all'HD) per cui con uno schermo portatile touch esterno hai anche il dual screen.

I Chromebook hanno ottime autonomie, e in teoria puoi telelavorare da qualunque posto trovi una connessione, anche quella in tethering con lo smartphone o con un router 4G autoalimentato. Con un buon Chromebook da 12-16 ore ed un battery Phone come il Poco M3 o Samsung M51 fai un'intera giornata di lavoro in estate dal tavolino del lido al mare.

Io stesso mi sono trovato a lavorare dallo skatepark dove tenevo un occhio sul lavoro ed uno al bambino mentre si faceva qualche rampa e i suoi trick.

Veniamo allo svago. Al bimbo ho regalato l'Acer 311 con MT8183. Convertibile che installa e fa funzionare tutto il parco giochi del Play Store.
Ci fa i documenti con i Google Docs, e ci sono anche app educative.

Ci ha fatto letteralmente la guerra e non si è ancora guastato, oltre alla costanza di funzionamento nonostante abbia installato e disinstallato migliaia tra giochi ed app.
Addio al registry di Windows e i formattoni periodici...

Io a utenti cosiddetti "sottosviluppati informatici" consiglierei solo Chromebook, meglio con CPU ARM e convertibili. Hanno tutti i mondi a loro disposizione, il computer ed il tablet Android.
Ma anche ad esperti che programmano con Linux perché con un click hai la Debian ed Android Studio o Eclipse installati.

Aggiornamenti per 8-10 anni sono previsti per tutti. Ed avvengono effettivamente con cadenza di 2-3 al mese.


sarà, a me fanno abbastanza onco...

Per la situazione che hai descritto tu, avresti potuto anche usare un iPad... più o meno c'era tutto, a parte il prezzo... il che significa che a te non servirebbe un PC per il lavoro che fai.
Fine
A me mancherebbe giusto qualche programma tipo Suite Adobe e Clint di Navision (anche se adesso sembra diventi browser...)

IMHO
randorama29 Dicembre 2021, 19:16 #10
Originariamente inviato da: Cappej
sarà, a me fanno abbastanza onco...

Per la situazione che hai descritto tu, avresti potuto anche usare un iPad... più o meno c'era tutto, a parte il prezzo... il che significa che a te non servirebbe un PC per il lavoro che fai.
Fine
A me mancherebbe giusto qualche programma tipo Suite Adobe e Clint di Navision (anche se adesso sembra diventi browser...)

IMHO


credo ne abbiano venduti una marea anche perchè con la dad, in famiglia in molti hanno cercato la soluzione più economica per connettere i figli (e chi ne ha due o più immagino non avesse una gran voglia di cacciare 1000 e rotti euro).
questo detto tra un chromebook da 250 euro celeron/4gb/64 e un lenovo da 350 con a4/8gb/256gb... bah, dovrei essere proprio alla canna gas per optare sul primo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^