Blu-ray e DSD sui pc Sony Vaio

Blu-ray e DSD sui pc Sony Vaio

Alcuni rumors annunciano la disponibilità delle tecnologie Blu-ray e DSD sui pc Sony Vaio

di pubblicata il , alle 17:20 nel canale Portatili
SonyVAIO
 
Alcune voci annunciano l'imminente introduzione dei masterizzatori Blue Ray sui notebook e desktop Vaio. Questa non è una novità sconcertante poichè deve essere vista come l'evoluzione tecnologica delle attuali tecnologie.

Ben più interessante è il rumors secondo cui i nuovi Vaio supporteranno la tecnologia DSD utilizzata nello standard SACD (Super Audio CD). Ciò non vuol dire che i nuovi Vaio saranno in grado di riprodurre supporti SACD, ma tali nuove tecnologie saranno disponibili per applicazioni di audio editing e recording.

Semplificando estremamente il discorso, la grossa differenza tra la tecnolgia PCM e il DSD sta nel modo in cui il segnale è quantizzato. Nella tecnica PCM si suppone di aumentare la qualità del segnale digitale incrementando il numero di bit e la frequenza di campionamento.

Nella tecnica DSD l'approccio è decisamente diverso e la forma d'onda viene descritta da un treno di impulsi che "seguono" l'andamento del segnale, non per altro tale tecnologia viene chiamata anche Pulse Density Modulation. Confrontando il numero di cicli utilizzati per descrivere un secondo di musica il DSD è superiore di 64 volte rispetto alle attuali tecnologie utilizzate per i cd audio.

Nome immagine


Fonte: Avmagazine.it

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zuLunis18 Aprile 2005, 17:29 #1
nn ho ben capito a cosa servono questi SACD
LASCO18 Aprile 2005, 17:38 #2
Anche a me non è chiaro. Com'è implementata questa tecnologia? Non riguarda l'unità ottica perchè il nuovo vaio non è in grado di riprodurre supporti SACD, ma tali nuove tecnologie saranno disponibili per applicazioni di audio editing e recording. Allora è implementato un sistema di codifica via hardware?
@xlj75VI18 Aprile 2005, 18:02 #3
Chissà quando potremo utilizzare materizzatori in Blu-ray
luckye18 Aprile 2005, 18:07 #4
iniziamo a pensare ad avere supporti dual layer che costino poco prima di pensare al Br.
Intorno ai 9euro è una pazzi !
LASCO18 Aprile 2005, 18:13 #5
Sembrava che dovesse essere Toshiba la prima ad immettere una nuova unità ottica nei notebook (l'HD-DVD), ma a questo punto potrebbe affrettarsi per evitare di rimanere già indietro nell'infinita lotta sugli standard. I primi masterizzatori non saranno multistandard vero ?
knymed18 Aprile 2005, 18:13 #6
ma tutti i supporti delle nuove tecnologie costano... penso ai primi dvd registrabii
Nikobeta18 Aprile 2005, 18:16 #7
Il Super Audio CD (SACD) è una tecnologia di digitalizzazione del segnale Audio con campionamento 192 kHz e profondità 24 bit per canale. Restituisce una riproduzione più naturale della musica rispetto alla "freddezza" del CD avvicinandosi alla musicalità del vinile (riprodotto in impianti esoterici) e superandolo per S/N e frequenze riprodotte (in teoria fino a 96 KHz).
Ci sarebbe da parlarne per ore ma la cosa migliore e ascoltarlo in qualche negozio Hi-End degno di tale nome con solo 2 buone casse.
Sono direi almeno 5-6 anni ch la tecnologia esiste ed anche i lettori da tavolo, carenti solo i supporti forniti da Sony, Chesky e pochi altri.
lucusta18 Aprile 2005, 18:30 #8
da quello che si puo' interpretare dallo schema serve a trasformare un'onda analogica in forma digitale, ma solo per essere stampata in un formato digitale.
e' come se per ogni campionamento si prendesse l'altezza del solco di un disco in vinile, e la si propagasse, per ogni campionatura, invece che in verticale in orizzontale.
Il vantaggio e' esclusivamente dato dall'assenza del convertitore DA, o meglio, da un convertitore digitale/analogico velocissimo.
il CD e' diviso per settori; ogni settore del CD e' temporizzato con il ciclo di campionatura e puo' contenere dal minimo al massimo dell'ampiezza d'onda; quanto piu' il segnale e' positivo, tanto piu' e' alto il valore dell'ampiezza dell'onda in quel momento..
in un CD audio i dati sono scritti in bit, nel senso che l'altezza e' correlata al valore dato dalla sequenza i 0 e 1 che viene letta, qui invece il "solco" del disco quantizza l'altezza dell'onda in relazione al tempo.
in masterizzazione, mantenendo la velocita' di rotazione del disco costante, all'allontanarsi della testina dal cento cambiera' la lunghezza del singolo settore (che indica il campionamento), ma anche la velocita' angolare, e percio' il tempo per scrivere/leggere un settore sara' sempre lo stesso, ma lo spazio sara' maggiore.
ponendo, ad esempio, lunghezza del solco 0 per indicare il minimo dell'altezza dell'onda (contandola sempre con ordinate positive), e 100 il massimo dell'onda, bastera' contare quanto tempo sia "scritto" sul disco per sapere il valore del singolo campionamento.
in pratica si evita anche il convertitore digitale analogico, ottenendo una fedlta' audio molto piu' alta, anche se questa dipende esclusivamente dai cicli di campionatura, ma essendo i valori tra' 0 e 100 infiniti (il solco potrebbe essere lungo 56,987), si ottiene un deciso miglioramento della fedelta' audio, senza rinunciare alla praticita' dei disci ottici, e la loro maggiore qualita' rispetto al vinile: vita infinita ed esente da graffi..
MIKIXT18 Aprile 2005, 19:13 #9
però serve un impianto di qualità eccellente e un buon orecchio per sentire la differenza...non penso che prenderà molto piede...
bist18 Aprile 2005, 19:35 #10

dsd vs pcm

Non ha preso piede. C'è da un po' di anni ormai.

Secondo me è un formato inutile, appunto perché devi avere un impianto da audiofilo per sentire le differenze. Ha trovato in parte riscontro nei SACD, roba per spennare i polli.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^