Batterie a celle di combustibile, da Panasonic nel 2012

Batterie a celle di combustibile, da Panasonic nel 2012

Il colosso giapponese intende portare sul mercato entro i prossimi quattro anni le prime batterie a celle di combustibile per sistemi notebook

di pubblicata il , alle 09:58 nel canale Portatili
Panasonic
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
moGio21 Ottobre 2008, 13:03 #11
E' vero, ho confuso centilitri (cl) con centimetri cubici (cc).
Comunque c'e' modo e modo di correggere un errore, e tu ti sei ben distinto. Cos'e', ti mancano occasioni per fare la voce grossa? Ti chiedo un favore personale: la prossima volta che sbaglio, se devi intervenire in questi toni, lasciami nella mia ignoranza, grazie.

fine ot, scusate
Cadavere21 Ottobre 2008, 13:09 #12
50cc = 50ml

Con mezzo litro hai 50 ore di autonomia, tutto sommato direi una cosa accettabile... Con un tanicone da 20 litri da auto puoi lavorare 8 ore al giorno per tutti i giorni lavorativi dell'anno... Ho visto soluzioni peggiori...
+Benito+21 Ottobre 2008, 13:33 #13
suggerisco più attenzione ai termini quando si parla di tecnologia, ci sono alcune imprecisioni, a cominciare dal nome che in italiano è celle a combustibile e non celle di combustibile. Inoltre non forniscono una carica elettrica, ma energia elettrica. Il problema minore è proprio l'infiammabilità, perchè contrariamente a benzina ed altri idrocarburi, si spegne con l'acqua, casomai la tossicità è il punto critico
Ntropy21 Ottobre 2008, 13:56 #14
Originariamente inviato da: moGio
E' vero, ho confuso centilitri (cl) con centimetri cubici (cc).
Comunque c'e' modo e modo di correggere un errore, e tu ti sei ben distinto. Cos'e', ti mancano occasioni per fare la voce grossa? Ti chiedo un favore personale: la prossima volta che sbaglio, se devi intervenire in questi toni, lasciami nella mia ignoranza, grazie.

fine ot, scusate


Quoto, sarcasmo (a volte molto discutibile) di alcuni reply ormai dilagante su questo forum. C'è modo e modo di correggere

Originariamente inviato da: Cadavere
50cc = 50ml

Con mezzo litro hai 50 ore di autonomia, tutto sommato direi una cosa accettabile... Con un tanicone da 20 litri da auto puoi lavorare 8 ore al giorno per tutti i giorni lavorativi dell'anno... Ho visto soluzioni peggiori...


Sono previsoni di durata "teoriche" non ancora testate in ambito reale, e poi non vedo la comodità/economia di tenere una tanica a casa. Se ti finisce la "benzina" per strada diciamo così non è che trovi un distributore ogni 4-5 km devi sempre ritornare a casa a rifornirti ed anche se lo trovi, in un cartuccia monouso che ti faranno pagare cara allora diventa molto poco economico. Per non parlare poi del trasavo, stiamo trattando con un materiale infiammabile e tossico e quindi.....
Per quanto possa sembrare innovativa credo che non sia una tecnologia in grado di sfondare, magari ci saranno alcuni ambiti in cui va benissimo (le nascar vanno a metanolo) ma il caro vecchio caricabatteria sarà duro a morire.
SwatMaster21 Ottobre 2008, 14:38 #15
Senza dubbio interessante, ma i prezzi?
Francuss21 Ottobre 2008, 14:39 #16
Voglio le batterie a cella di combustibile. Appena ci sono le compro!

Poi scusa, ci può essere la possibilità di estrarle e di mettere una batteria normale per quando sei in aereo no? Però devi portarti due batterie e un alimentatore e il peso aumenta.

Per quanto riguarda la tossicità, il metanolo è tossico si, come quando, vari anni fa i contraffattori lo misero nel vino al posto dell'alcool etilico e alcuni grandi bevitori rimasero ciechi. Ma un conto è berne in grandi quantità un altro conto sentirne l'odore quando ricarichi la batteria. Anche la varechina, la trielina, il lisoformio, il niagara per sturare i cessi sono tossici, se li bevi, giusto per considerare prodotti di uso comune. Ma scusate chi è che si può mettere a bere il metanolo? Qualche ubriacone inveterato in crisi di astinenza che si succhia la ricarica della batteria?

Peraltro, un po di metanolo si trova anche nel vino assolutamente naturale e tutti ce lo beviamo lo stesso, tanto che si stanno cercando dei nuovi metodi per eliminarlo dal vino: http://www.ingentaconnect.com/conte...48?crawler=true

Per cui, se berne un po nel vino è accettabile dalla maggioranza, non vedo proprio il problema di sentirne l'odore.

Invece mi chiedo quanto durerà la membrana della cella, mi pare che dopo un certo uso intensivo si degradi e fornisca meno corrente
_morghan_196821 Ottobre 2008, 14:48 #17
... in america un tizio ha inventato e brevettato delle batterie che semplicemente non si scaricano MAI...
la nsa e la cia hanno fatto sparire i brevetti x motivi di sicurezza nazionale.
potete trovare la vicenda in rete e anche sky ne ha fatto un documentario
che viene trasmesso periodicamente
demon7721 Ottobre 2008, 14:57 #18
Consentire alla gente di maneggiare con frequenza cose infiammabili e pericolose come il metanolo mi pare una brutta cosa..

Si verificherebbero molti incidenti..
wolfm0121 Ottobre 2008, 15:46 #19
... in america un tizio ha inventato e brevettato delle batterie che semplicemente non si scaricano MAI...
la nsa e la cia hanno fatto sparire i brevetti x motivi di sicurezza nazionale.
potete trovare la vicenda in rete e anche sky ne ha fatto un documentario
che viene trasmesso periodicamente


E pensare che con tanto ben di Dio a portata di mano c'è gente ce si ostina a progettare (e realizzare) centrali nucleari e a cabone...
zephyr8321 Ottobre 2008, 15:59 #20
secondo me è totalmente inutile! le ricariche dove le prendo??? mi devo mettere a fare il pieno al portatile??? è troppo comodo ora attaccare il portatile alla rpsa elettrica e ricaricare le batterie!!! se ogni 5 ore devo mettermi a ricaricare il portatile sai che pizza!!!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^