Asus: mercato italiano dei notebook in cifre

Asus: mercato italiano dei notebook in cifre

Asus rende note le cifre di mercato relative alle vendite di PC portatili

di pubblicata il , alle 17:51 nel canale Portatili
ASUS
 

ASUS, lo storico produttore di schede madri taiwanese, trova nel mercato italiano un terreno molto fertile anche per quanto riguarda le vendite dei propri notebook, come testimoniano le cifre messe a disposizione da ASUS stessa. Le 25.000 unità consegnate nel solo mese di ottobre confermano la fiducia sempre maggiore che il pubblico nutre nei confronti del marchio. Riportiamo la press release in cui troverete i dettagli della notizia.


Milano, 18 Novembre 2003 ­ ASUSTeK COMPUTER Inc. (ASUS), uno dei maggiori colossi mondiali dell¹I.T., ha raggiunto un nuovo traguardo nel mercato nazionale dei notebook consegnando oltre 25.000 unità nel solo mese di Ottobre. Sulla base dei risultati ottenuti nei primi tre quarter e degli attuali trend, si prevede una chiusura d¹anno a quota 140.000 computer portatili venduti in Italia, registrando un + 60% rispetto al 2002.

Questi dati confermano lo straordinario successo di ASUS nel nostro paese, dove l'Azienda ha registrato tassi di crescita nel settore del mobile
computing notevolmente superiori rispetto agli andamenti di mercato, raggiungendo in appena quattro anni le primissime posizioni nella classifica dei vendor di notebook.

Anche per quanto riguarda le mainboard, i risultati sono stati di tutto rispetto. Con 140.000 pezzi venduti in Italia e oltre un milione in Europa
nel solo mese di Ottobre, ASUS ha riconfermato la propria leadership assoluta in questo mercato. A livello worldwide l¹Azienda ha detenuto nel
terzo quarter 2003 il 24,2% di market share ed è stato stimato che un computer desktop ogni 4,2 al mondo sia equipaggiato con una scheda madre prodotta da ASUS (fonte: Smith Barney). Per l'anno in corso l¹Azienda prevede di consegnare complessivamente circa 29 milioni di mainboard.

Forte di questi risultati e di un¹offerta di prodotti sempre più articolata e completa, ASUS ha intenzione di consolidare ulteriormente la propria
posizione sul mercato europeo, che rappresenta attualmente oltre il 30% del fatturato complessivo. In questi piani rientra anche il potenziamento della filiale italiana, che nell¹ultimo periodo è notevolmente cresciuta anche in termini di risorse umane impiegate. Entro i primi mesi del 2004 sarà inoltre completato il trasferimento degli uffici in una nuova sede di oltre mille metri quadri nell¹hinterland milanese.

Alla filiale italiana è stata inoltre recentemente assegnata la responsabilità dell¹intera area del Sud Europa comprendente Spagna, Portogallo e Grecia. L¹Italia avrà, dunque, il compito di guidare questi paesi ad aumentare la penetrazione del brand sul mercato, nonché gestirne direttamente gli help desk con personale madrelingua dedicato.

"Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti in Italia",  ha commentato Rex Lee, Country Manager di ASUS Italy, "Abbiamo sempre creduto nelle potenzialità del mercato italiano, che è stato, in effetti, oggetto di importanti investimenti da parte nostra. Ed i fatti ci hanno dato decisamente ragione" ha concluso Lee.

Maggiori informazioni su ASUS ed i suoi prodotti www.asus.it

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dragunov19 Novembre 2003, 21:14 #1
computer desktop ogni 4,2 al mondo sia equipaggiato con una scheda madre prodotta da ASUS.
Io ne ho avuto tre e di tre mi sono pentito.
Supporto driver prestazioni,ma forse sembra che iniziamo a migliorare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^