AMD Yukon, una piattaforma per notebook sottili

AMD Yukon, una piattaforma per notebook sottili

Yukon è il nome in codice della nuova piattaforma AMD per sistemi notebook ultraportatili, ma caratterizzati da un buon connubio tra prezzo e prestazioni

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:54 nel canale Portatili
AMD
 

E' ben noto agli utenti anche non appassionati il successo delle soluzioni netbook, sistemi portatili di ridotte dimensioni con display che può raggiungere i 10 pollici di diagonale e che vengono proposti sul mercato a prezzi particolarmente contenuti. Alla base di questi sistemi troviamo i processori Intel della serie Atom, soluzioni dal ridottissimo consumo che per contenere al massimo questo elemento giungono a compromessi in termini di potenza di elaborazione adatta alla produttività personale ma non di certo a compiti più gravosi come l'editing video o la riproduzione di filmati ad alta risoluzione.

Esistono in commercio sistemi notebook, tipicamente basati su piattaforma Intel Centrino, che abbinano dimensioni estremamente ridotte a potenze elaborative di tutto rispetto. Si tratta di sistemi notebook cosiddetti ultraportatili, nei quali quindi l'elevata trasportabilità non penalizza la produttività personale come in molti casi può avvenire, soprattutto con le applicazioni più esigenti, utilizzando un netbook.

AMD ha identificato un nuovo segmento di mercato, tra i notebook, nel quale di fatto mancano proposte da parte dei produttori: si tratta di quei sistemi che si pongono a metà strada tra i netbook e i notebook ultaportatili, con il migliore esempio di quest'ultima categoria rappresentato dall'Apple Macbook Air.

I notebook ultrraportatili utilizzano display con diagonale variabile da 11 a 13 pollici, abbinando ingombri molto ridotti e notevole trasportabilità a prezzi complessivamente molto elevati. I netbook sono desicamente economici e ridotti in dimensioni, ma per le scelte tecniche alla loro base devono scendere a notevoli compromessi in termini di potenza di elaborazione.

E' in questa fascia di prodotti che AMD ha presentato la propria piattaforma nota con il nome in codice di Yukon, composta da un processore della serie Athlon o Sempron di tipo single core a basso consumo, basato su architettura K8, e dal chpset con video integrato AMD 690E. L'abbinamento permette di avere a disposizione componenti molto economici ma capaci di prestazioni medie ben più elevate dal corrispondente pacchetto posto da Intel con i processori Atom, scontando un consumo complessivo della piattaforma più elevato di quella Atom ma comunque ridotto con la presenza di architetture, sia GPU che CPU, ben più veloci.

athlon_neo64_1.jpg (13139 bytes)athlon_neo64_2.jpg (11718 bytes)

AMD ha individuato quindi con la propria piattaforma Yukon un segmento di mercato che può tecnicamente coprire, quello dei sistemi che si propongono dimensioni e flessibilità d'uso dei sistemi notebook ultraportatili di fascia alta, andando a proporsi sul mercato a livelli di prezzo che vadano dai 500 dollari USA massimi dei netbook ai 1.500 dollari USA dai quali partono i notebook ultraportatili. In questo ambito vari produttori stanno presentando proprie soluzioni originali: ad esempio MSI si appresta a presentare una propria soluzione basata su cpu Intel Atom con display da 13 pollici di diagonale al CES 2009.

Quali sono le caratteristiche tecniche dei notebook basati su questa piattaforma? Questi i componenti che verranno adottati dai partner per i propri sistemi:

  • processore AMD Athlon Neo MV-40: architettura single core con clock di 1,6 GHz e TDP massimo di 15 Watt. Cache L2 da 512 Kbytes;
  • processore AMD Sempron 200U: architettura single core con clock di 1 GHz e TDP massimo di 15 Watt. Cache L2 da 256 Kbytes;
  • processore AMD Sempron 210U: architettura single core con clock di 1 GHz e TDP massimo di 15 Watt. Cache L2 da 256 Kbytes;
  • chipset AMD 690E abbinato al southbridge SB600, dotato di video integrato.

athlon_neo64_logo.jpg (5835 bytes)Per tutti i processori la tecnologia produttiva adottata sarà a 65 nanometri, con package di tipo embedded e non su Socket così da ridurre ulteriormente l'ingombro sulla scheda madre del notebook. Il consumo totale della piattaforma, comprensiva di processore, north e southbridge del chipset e di video integrato è indicata in un massimo di 27 Watt.

Confrontando le caratteristiche tecniche di questi componenti emergono valori di TDP dei processori superiori a quelli tipici per le soluzioni Intel Atom. Del resto, stiamo confrontando architetture ben differenti in termini prestazionali, con quelle AMD di tipo out of order con memory controller integrato e quindi ben più efficaci dal punto di vista prestazionale. Intel può compensare con il consumo più ridotto, ma propone sul versante chipset un sottosistema video non all'altezza di quello AMD per quanto riguarda le potenzialità con applicazioni 3D.

Nel corso del secondo trimestre 2009 AMD presenterà la piattaforma nota con il nome in codice di Congo. Alla base la stessa scelta di approccio fatta con Yukon, utilizzando tuttavia il chipset AMD 780G in abbinamento al south bridge SB710 per migliori prestazioni con grafica integrata e presumibilmente inferiori consumi complessivi grazie all'utilizzo della tecnologia produttiva a 55 nanometri.

Ulteriori informazioni sulla nuova piattaforma AMD sono disponibili sul sito del produttore a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gianni187907 Gennaio 2009, 10:08 #1
molto interessante


anche in attesa di Congo
za8707 Gennaio 2009, 10:12 #2
sembra che amd si muova, speriamo non si faccia fregare
MaxArt07 Gennaio 2009, 10:19 #3
Mah, buono per AMD che si cerca di prendere del mercato, ma come soluzione non mi sembra né carne né pesce... Potrei essere smentito, si vedrà.

"I netbook sono desicamente economici..."
Che vuol dire "desicamente"?
Xile07 Gennaio 2009, 10:25 #4
Dov'era la news che smentiva l'entrta in questo settore?!
gianni187907 Gennaio 2009, 10:28 #5
Originariamente inviato da: Xile
Dov'era la news che smentiva l'entrta in questo settore?!


smentiva l'entrata nel settore netbook, quì siamo su un gradino sopra
greeneye07 Gennaio 2009, 10:34 #6
Il sempron 200u e 210u non sono uguali. Il 200u ha 1GHz di clock e TPD di 8W mentre il 210u 1,5GHz e 15W di TPD.
kliffoth07 Gennaio 2009, 11:04 #7
una pensata intelligente.
Personalmente non prenderei mai un netbook (pur sapendo che per alcuni possono essere utili), ma questi possono avere un perche', visto che hanno un processore normale.

Io per me e perche' sono fuori casa e uso il laptop come un desktop avevo bisogno di un centro anche multimediale, e quindi ho preso un XPS 1530, ma se dovesssi partire per missioni all'estero e simili avere un portatile piu' portatile sarebbe meglio, solo che ora i 12" e 13" sono carissimi (e i netbook non rimpiazzano un notebook in nulla...a partire dal carico di lavoro per cui e' progettata la tastiera)

Idem la mia ragazza: lei deve avere un oggetto da portarsi appresso in laboratorio e il massimo del carico sarebbe la visione di un film.

Ottimo dunque: potatili piccoli ed economici


PS io sono personalmente convinto che molti acquirenti dei netbook hanno solo tirato al risparmio e non sapevano che non sono portatili veri e propri...tipico acquisto NON informato insomma
(ricordo una commessa al mediaworld che mi si avvicino' mentre vedevo il reparto nintendo e mi disse che serviva la console per le cartucce Dr Brain del DS. Risposi sorpreso e seccato: "ovvio!" e lei mi disse: "...scusi...sa, e' che alcuni hanno preso le cartucce vedendo la pubblicita' in tv e non riescono a farle funzionare"
Hykarus07 Gennaio 2009, 13:06 #8
Originariamente inviato da: kliffoth
(ricordo una commessa al mediaworld che mi si avvicino' mentre vedevo il reparto nintendo e mi disse che serviva la console per le cartucce Dr Brain del DS. Risposi sorpreso e seccato: "ovvio!" e lei mi disse: "...scusi...sa, e' che alcuni hanno preso le cartucce vedendo la pubblicita' in tv e non riescono a farle funzionare"


O mio dio...

Comunque, spero che si arrivi a quello che per me è il futuro più auspicabile: una miniaturizzazione, si, ma nell'ordine delle dimensioni e dei prezzi umani.

A me l'Air come concetto intriga troppo, e un portatile dovrebbe essere così: piccolo, leggero e che sfrutta lo spazio al massimo.

Sfruttare, non ridurre, secondo me è la risposta giusta. A me le mani in un netbook non entreranno mai...

L'unica cosa che mi dispiace è la perdita del lettore cd... per ora è ancora utile
Cappej07 Gennaio 2009, 13:35 #9
devono mantenere i prezzi bassi altrimenti... divemta tutto inutile...
delladv07 Gennaio 2009, 15:29 #10
A quando la mobo? come ha fatto intel con gli atom...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^