Acer pensa ad un PC a basso costo

Acer pensa ad un PC a basso costo

Allo studio da parte di Acer la possibilità di entrare nel settore dei PC a basso costo sulla tipologia dell' eee PC di Asus

di pubblicata il , alle 10:10 nel canale Portatili
ASUSAcer
 
Digitimes riporta la notizia secondo la quale Acer, da sempre tenutasi a distanza dai diversi progetti low-price PC come per esempio l'eee PC di Asus, avrebbe istituito un team per studiare questo particolare settore merceologico. Stando alle affermazioni di Scott Lin, presidente di Acer Taiwan, non è ancora stato stabilito un budget per un eventuale settore di ricerca e sviluppo per un nuovo modello low-price, in quanto la compagnia taiwanese intende concentrare i propri sforzi economici su tutta la propria linea esistente nel corso del 2008.

Mr. Lin ha inoltre aggiunto che, qualora le previsioni di Asus si rivelassero esatte, il modello eee PC raggiungerà nel 2008 un market share di circa il 2-3% dell'intero settore notebook, una fetta troppo modesta per far pensare seriamente, ed in tempi stretti, ad un eventuale modello concorrente.

La prudenza però non è mai troppa, sembra confermare questa notizia, che sottointende in ogni caso un cauto interesse da parte di Acer per il settore. A riprova di ciò, Acer ha affermato di aver acquistato tre Asus eee PC, notando alcuni problemi e difetti sicuramente migliorabili.

Sotto esame da parte di Acer sicuramente il gradimento da parte del grande pubblico per un sistema Linux, attualmente ancora molto timido. Un fattore non certo di secondaria importanza, in quanto su PC di fascia di prezzo molto bassa il costo del software può influire in percentuale davvero significativa sul totale. Non resta che attendere.
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor23 Novembre 2007, 10:19 #1
Si stanno accorgendo che la gente non ha migliaia di euro da spendere nei PC?
Hitman0423 Novembre 2007, 10:20 #2
Ma i loro non erano già pc a basso costo?
licarus23 Novembre 2007, 10:21 #3
Secondo me Asus ha smosso le acque creando un prodotto che mancava e di cui alcuni sentono la necessità. Se poi ci sarà il boom e ci sarà da mangiare per tutti non si sa. Comunque l'eventuale concorrenza non farà certo male, così le varie aziende saranno costrette a migliorare i propri prodotti.
Per la storia del software io penso che se questo segmento diventerà importante piuttosto che lasciare una porta aperta a linux la MS tirerà fuori una versione apposita di Windows più o meno rivista a basso/bassissimo prezzo.
SuperSandro23 Novembre 2007, 10:39 #4
...raggiungerà nel 2008 un market share di circa il 2-3% dell'intero settore notebook, una fetta troppo modesta per far pensare seriamente.

2 / 3 percento è una percentuale giudicata troppo modesta? Mah, secondo me si è perso il senso della misura: si tratta pur sempre di parecchi milioni di dollari che dovrebbero far venire l'acquolina in bocca a tante aziende.

Esempio su cui riflettere: qual è la percentuale di Apple-based rispetto a Windows-based?

Meditate gente, meditate!
iocci23 Novembre 2007, 10:43 #5
Originariamente inviato da: licarus
Per la storia del software io penso che se questo segmento diventerà importante piuttosto che lasciare una porta aperta a linux la MS tirerà fuori una versione apposita di Windows più o meno rivista a basso/bassissimo prezzo.

E molto probabile, e sarebbe anche una interessante alternativa per i consumatori, magari da mettere pure sul Desktop di qualche anno fa.
paulgazza23 Novembre 2007, 10:46 #6
già, il 2-3% puo' far sorridere, ma se consideriamo che quella quota è interamente di asus (dato che si parla del suo prodotto), direi che non è certo trascurabile.
Ovvio che dividersi fette piccole non rende molto, ma la concorrenza nel segmento notebook è più varia... d'altra parte Acer ha già il proprio marchio nel settore, quindi deve valutare se vale la pena espandersi
dragonheart8123 Novembre 2007, 10:55 #7
E' diventata una moda...adesso pc a low-cost prodotti da tutti
ghiluz23 Novembre 2007, 10:57 #8
Originariamente inviato da: Hitman04
Ma i loro non erano già pc a basso costo?


Mi hai rubato le parole di bocca...
trapanator23 Novembre 2007, 10:57 #9
Originariamente inviato da: licarus
Secondo me Asus ha smosso le acque creando un prodotto che mancava e di cui alcuni sentono la necessità. Se poi ci sarà il boom e ci sarà da mangiare per tutti non si sa. Comunque l'eventuale concorrenza non farà certo male, così le varie aziende saranno costrette a migliorare i propri prodotti.
Per la storia del software io penso che se questo segmento diventerà importante piuttosto che lasciare una porta aperta a linux la MS tirerà fuori una versione apposita di Windows più o meno rivista a basso/bassissimo prezzo.


tipo il famoso XP con la limitazione dei 3 programmi aperti contemporaneamente? ma piuttosto lo butterei nel cesso...
Luca6923 Novembre 2007, 11:00 #10
2~3 % dell'intero mercato notebook poco? Forse si sono sbagliati e intendevano il 2~3% del mercato ASUS dei notebok!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^