A Microsoft il nome Netbook non piace

A Microsoft il nome Netbook non piace

Il colosso americano sarebbe pronto a spingere i costruttori per utilizzare termini alternativi all'appellativo Netbook, cui sarà limitata comunque la licenza starter edition

di pubblicata il , alle 08:44 nel canale Portatili
Microsoft
 

A parlare è Steven Guggenheimer, application platform and development marketing general manager di Microsoft, in occasione di una conferenza tenutasi al Computex. Il portavoce di Microsoft avrebbe affermato come il termine Netbook non sia gradito dalla socità stessa e di come sarebbe più opportuno identificare questo particolare segmento dal più completo e indicativo termine "low cost small notebook PCs".

Se Intel aveva coniato il termine netbook con il preciso scopo di identificare quei PC a basso costo destinati principalmente alla navigazione su internet, limitati inoltre da un display da 10", Microsoft si esprime ora in merito. La scelta di uscire ora con la nuova definizione viene giustificata in modo piuttosto chiaro e preciso: i netbook sono oramai diventati dei PC veri e propri, che vengono utilizzati anche per altre operazioni che vanno ben oltre la semplice navigazione. La necessità di specificare meglio le caratteristiche di tali sistemi è quindi fondamentale, secondo il colosso di Redmond. Poco importa se il termine Netbook è oramai divenuto di uso comune e ha sancito la nascita di una nuova fetta di mercato

Sono però in molti a leggere dietro questa comunicazione la volontà di spingere gli utenti verso l'acquisto di soluzioni PC con licenze più costose rispetto alla versione starter del nuovo sistema operativo (quella che sarà utilizzata su tutte le unità netbook); i vendor infatti potranno installare Windows 7 Starter solo su macchine con display di 10" e inferiori, caratterizzate da 1GB di memoria, disco rigido fino a 250GB e processore single-core al massimo da 2GHz. Dopo aver eliminato il limite delle tre applicazioni, Microsoft intende ora limitare in altro modo la diffusione delle proprie licenze.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

93 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tuvok-LuR-04 Giugno 2009, 08:46 #1
Adesso lo limiteranno ai netbook di colore rosa con la tastiera in somalo e il trackpad non piu grande di un pollice
al13504 Giugno 2009, 08:53 #2
neanche a me piace infatti. ha poco senso
Lotharius04 Giugno 2009, 08:54 #3
Ecco, in pratica adesso Microsoft ha ratificato l'errore commesso dai migliaia di consumatori che hanno comprato netbook fino ad ora. Se prima comprare un netbook credendo che fosse un notebook normale molto economico era un errore di valutazione, adesso è diventato "corretto" perchè lo dice Microsoft.
Originariamente inviato da: Microsoft
i netbook sono oramai diventati dei PC veri e propri, che vengono utilizzati anche per altre operazioni che vanno ben oltre la semplice navigazione. La necessità di specificare meglio le caratteristiche di tali sistemi è quindi fondamentale, secondo il colosso di Redmond.

Sbagliatissimo. Non è assolutamente così, almeno fino a quando questi dispositivi avranno schermo piccolo, processore indecentemente sottodimensionato e altre peculiarità che ne limitano l'uso. Ma nel momento in cui questi handicap spariranno, si parlerà semplicemente di notebook...
alesc04 Giugno 2009, 09:00 #4
Sono questi i risultati del monopolio. Per chi non l'avesse ancora capito sono questi i danni al mercato e al consumatore (visto che molti fanno finta di non capire). In un mercato concorrenziale Microsft non si permetterebbe neanche di pensare di limitare e/o governare le scelte del mercato. In un mercato "addomesticato" invece decidono loro (o quanto meno tentano) cosa è giusto per noi, e ci dicono pure come dobbiamo chiamarlo. Con Linux al 40% nei NETBOOK sti discorsi non sarebbero possibili ma loro hanno fatto un bel dumping vendendo XP in perdita, e chissà che altro di neanche dicibile, e adesso con il 90% passsano a riscuotere. E pensate cosa farebbero se Linux, anche se con quote irrisorie, non esistesse.
Splarz04 Giugno 2009, 09:19 #5
ci sono veramente gran poche cose che non posso fare con ubuntu, e tra queste non annovero office-web-mail-player. quindi il loro windows 7 versione NETBOOK se lo tengano pure.

ps: la veltroni-mania dilaga. non ci bastava "il principale esponente dello schieramento a noi avverso", ora ci cucchiamo pure i "low cost small notebook PCs".
zio bill, te lo dico in smsese: vfnc.
goldorak04 Giugno 2009, 09:27 #6
Certo che il termine "netbook" a Microsoft non piacia. Perche' evoca una appliance che niente ha a che fare con Windows. Chiamarli pc a basso costo invece, rinforza l'idea che sia necessario Windows. Un pc senza windows, e a che serve ?
Secondo me invece devono continuare con il nome netbook, e far capire alla massa che si tratta di appliances alla pari di iphone etc... Un terminale per interfacciarsi con internet. E il concetto di netbook ovviamente trascende il solito duopolio intel/windows.
Quando arriveranno gli arm, netbook da 100-200 € saranno all'ordine del giorno. E su queste appliances uno ci andrebbe a mettere windows 7 che costera' chesso' sui 50-100 € ? Non credo proprio.
userpercaso04 Giugno 2009, 09:36 #7
Stanno andando fuori di capa

Sanno benissimo che seven, per quanto ottimizzato rispetto a vista , richiede le stesse caratteristiche hw di Vista. Sanno bene che su un netbook...girerà da fare ridere e che soprattutto le versioni pezzent edition sono un insulto all'intelligenza, per quanti paletti apportano e sanno anche bene che almeno due utenti su dieci comprano il netbook e piallano xp a favore di Linux (distro serie non quelle sole che ms ha IMPOSTO ai produttori..tanto per dire vendete con Linux così poi la gente torna da noi..).

Altresì android gli fa ancora più paura...se acer adotterà arm anche intel si cagherà sotto perchè per un netbook vorrà dire minor prezzo ma maggiore autonomia..
avvelenato04 Giugno 2009, 09:54 #8
Originariamente inviato da: alesc
ma loro hanno fatto un bel dumping vendendo XP in perdita,




ma per favore! Poi me lo spieghi come fai a vendere un SO già superammortizzato, in perdita
La verità è che i netbook con linux non se li nessuno!!!

Chi lo comprava per lo più rimaneva interdetto e pensava di essere stato fregato, e ne richiedeva il rimborso: le case produttrici hanno preferito togliersi la bomba da sotto i piedi e rimuovere i cosi con linux dal listino, tanto chi lo sa usare di sicuro sa anche mettercelo.
Per quanto riguarda il costo della licenza, ricordo come alla presentazione degli eeepc windows, con win per tenere lo stesso prezzo si rinunciavano a 8 di 20 gb. In termini economici, una 15ina di euro? 30ina?

Ovviamente MS cerca di massimizzare i suoi introiti ed è difficile farlo su pc così economici: d'altronde è ovvio che se i pc con la starter edition fossero più prestazionali di un netbook, andrebbero a erodere quote di mercato a scapito dei pc con licenze più onerose della starter. Cerca insomma di non replicare l'errore che Intel ha "commesso" creando con Atom un processore che ha cannibalizzato molte vendite di portatili standard.
Davis504 Giugno 2009, 09:55 #9
perche' non chiamarlo "quel piccolo pc brutto che volge a mezzogiorno e da buona parte del guardo esclude"

giusto per usare un nome breve...
avvelenato04 Giugno 2009, 09:59 #10
Originariamente inviato da: userpercaso
sanno anche bene che almeno due utenti su dieci comprano il netbook e piallano xp a favore di Linux (distro serie non quelle sole che ms ha IMPOSTO ai produttori..tanto per dire vendete con Linux così poi la gente torna da noi..).


Qua siamo al delirio! E' un complotto comunista di MS!!

Diosanto, la distro sòla di linux imposta da MS ad Asus & company per far sì che perdessero soldi in rimborsi e reputazione e ricevessero tante lamentele da non pensar più di mettere Linux sui netbook.... questo è il nuovo ordine mondiale.... tremate gente!! Non capisco, allora se il mio cellu symbian non è reattivo, dev'essere colpa di Microsoft, che ha imposto alla nokia una distro di symbian non seria ma una sòla!
da sbellicarsi!!! Ci sarebbe da chiamare uno psichiatra, qua siamo alla paranoia pura, alla schizofrenia compulsiva!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^