Una versione di HoloLens per l'esercito: perché non piace ai dipendenti di Microsoft

Una versione di HoloLens per l'esercito: perché non piace ai dipendenti di Microsoft

Un giornalista ha avuto modo di provare la versione di HoloLens 2 preparata da Microsoft per l'esercito Usa

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Periferiche
MicrosoftHoloLens
 

Nello scorso novembre Microsoft e l'esercito Usa hanno firmato un contratto dal valore di 479 milioni di dollari per la fornitura di dispositivi di realtà aumentata ai militari. Si tratta di una variante del nuovo HoloLens 2 con una telecamera FLIR (Forward looking infrared) frontale leggermente più prominente sopra la fronte del'utilizzatore.

Un giornalista della CNBC ha avuto modo di provare il prototipo e ha scritto che corrisponde esattamente all'esperienza che gli sparatutto in prima persona offrono ai giocatori. Il visore mostra una bussola in corrispondenza del campo visivo del soldato e la posizione rispetto agli altri membri del commando. Inoltre, sovrappone un reticolo per agevolare la mira del soldato che lo indossa. La telecamera FLIR, inoltre, contribuisce a rendere il visore un dispositivo con visione agli infrarossi o notturna, per permettere di scorgere eventuali minacce all'interno della vegetazione o in una coltre di fumo.

HoloLens 2 US Army

Secondo recenti resoconti della Reuters l'esercito americano ha ordinato a Microsoft circa 100 mila dispositivi di questo tipo. L'esercito spera di iniziare a usare HoloLens in azioni militari nel 2022 e di rendere questo tipo di strategia lo standard entro il 2028. Il che non sembra essere gradito dai tecnici di Microsoft che hanno sviluppato la tecnologia, secondo i piani iniziali per intenti completamente diversi, di istruzione e intrattenimento.

"Ci preoccupa il fatto che Microsoft stia lavorando per fornire tecnologia alle forze armate statunitensi, aumentando la capacità di un governo di uccidere" si legge in una lettera inviata dagli impiegati di Microsoft al CEO della compagnia Satya Nadella e al presidente Brad Smith. "Non siamo entrati in Microsoft per sviluppare armi, e chiediamo che il nostro parere venga preso in considerazione quando si decide come usare la nostra tecnologia".

La lettera, che secondo gli organizzatori comprende dozzine di firme dei dipendenti, sostiene che Microsoft ha violato il contratto secondo cui non può sviluppare tecnologie militari. "L'intenzione di ferire non corrisponde a un uso accettabile della nostra tecnologia" dicono i dipendenti, che chiedono alla compagnia di annullare il contratto con l'esercito e smettere di sviluppare qualsiasi tipo di tecnologia che possa essere di sostegno per le strategie militari. Inoltre, si chiede l'instaurazione di un comitato esterno per la revisione etica dei risvolti pratici legati all'utilizzo delle tecnologie sviluppate in Microsoft. La lettera rivela che internamente a Microsoft esiste già un organismo di revisione di questo tipo, assegnato all'intelligenza artificiale e identificato con il nome di Aether, che però "non è abbastanza robusto per prevenire lo sviluppo di armi, come dimostra il contratto sull'IVAS" (Integrated Visual Augmentation System ndr).

La lettera degli impiegati alla dirigenza di Microsoft, peraltro accolta da quest'ultima che "sta prendendo i considerazione" le modalità giuste per risolvere gli imbarazzi dei suoi dipendenti, è solo l'ultimo esempio di gruppi di lavoratori che si organizzano per protestare contro i piani delle loro aziende. L'anno scorso, i dipendenti di Google si sono mobilitati per respingere i piani per lo sviluppo di un progetto di intelligenza artificiale per il Pentagono definito Maven. Sotto pressione, Google ha dovuto rinunciare al contratto. Restando in ambito AR/VR, anche Palmer Luckey, il giovane inventore della versione iniziale di Oculus Rift, sta lavorando per adattare le tecnologie di realtà virtuali alle esigenze militari, anche in questo caso non senza malumori.

Casi di sollevamento da parte dei dipendenti rispetto alle politiche aziendali sono sempre più frequenti negli Usa. Più recentemente, i dipendenti di diverse aziende tecnologiche hanno fatto pressioni sui dirigenti su questioni legate alle molestie sessuali e allo sviluppo di procedure di riconoscimento facciale ai fini di identificazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
vraptus08 Aprile 2019, 21:18 #1
I miei complimenti ai dipendenti che hanno posto la "questione morale" alla loro azienda. Purtroppo se non lo fanno loro lo farà qualcun'altro.
Noir7908 Aprile 2019, 22:10 #2
L'antipatriottismo buonista di certi "Americani" ha toccato davvero il fondo. Una volta gli USA era fiera delle proprie forze armate. Bah.
al13508 Aprile 2019, 22:36 #3
invece la questione morale fa ridere. e anche tanto.
per quale motivo non si potrebbe sfruttare la tecnologia per aiutare dei soldati magari a muoversi piu agevolmente o recepire piu informazioni utili?
tanto se sparano lo fanno con o senza hololens.
trapanator09 Aprile 2019, 07:46 #4
Originariamente inviato da: Noir79
L'antipatriottismo buonista di certi "Americani" ha toccato davvero il fondo. Una volta gli USA era fiera delle proprie forze armate. Bah.


Infatti come quelli che hanno trovato le fantomatiche armi di distruzione di massa di Saddam...
dwfgerw09 Aprile 2019, 08:14 #5
Capisco il punto di vista di questi ingegneri e mi metto nei loro panni.. Firmo un contratto con un'azienda che opera nel settore enterprise/consumer, mi mettono a sviluppare un pezzetto di progetto per un prodotto X, poi dopo 1 anno scopro che quella tecnologia che ho sviluppato anche solo fossero 10 linee di codice, verranno usate in ambito totalmente opposto alla mission che mi era stata comunicata.. mi girerebbero le balle..
cagnaluia09 Aprile 2019, 08:16 #6
licenziatevi
tallines09 Aprile 2019, 08:21 #7
Originariamente inviato da: dwfgerw
Capisco il punto di vista di questi ingegneri e mi metto nei loro panni.. Firmo un contratto con un'azienda che opera nel settore enterprise/consumer, mi mettono a sviluppare un pezzetto di progetto per un prodotto X, poi dopo 1 anno scopro che quella tecnologia che ho sviluppato anche solo fossero 10 linee di codice, verranno usate in ambito totalmente opposto alla mission che mi era stata comunicata.. mi girerebbero le balle..

Quoto al 100% e sono dalla parte dei dipendenti della Microsoft .
jepessen09 Aprile 2019, 10:11 #8
Possono sempre licenziarsi ed andare a lavorare da un'altra parte…

Windows e' da anni negli uffici dell'esercito, ci sono fior fiore di programmi che girano su windows esplicitamente dedicati alla gestione delle situazioni tattiche.

Ovvio, loro danno il sistema operativo, non sono responsabili di quello che ci gira, ma e' esattamente la stessa cosa con HoloLens, loro danno l'hardware e il supporto, poi saranno altre aziende che svilupperanno le applicazioni specifiche…
Utonto_n°109 Aprile 2019, 10:30 #9
Dal punto di vista tecnologico sembra un salto incredibile nel futuro?
"l'esperienza che gli sparatutto in prima persona offrono ai giocatori. Il visore mostra una bussola in corrispondenza del campo visivo del soldato e la posizione rispetto agli altri membri del commando. Inoltre, sovrappone un reticolo per agevolare la mira del soldato che lo indossa. La telecamera FLIR, inoltre, contribuisce a rendere il visore un dispositivo con visione agli infrarossi o notturna, per permettere di scorgere eventuali minacce all'interno della vegetazione o in una coltre di fumo."
sarebbero soldati da film di fantascienza e non solo in ambiti di zone di guerra, ma anche in interventi nelle città occidentali per attentati terroristici.
Tralasciando il punto di vista etico, le forze armate sarebbero molto più efficaci e al sicuro.
kamon09 Aprile 2019, 12:30 #10
Capisco i dipendenti che si sentono traditi dopo che il loro lavoro è stato adoperato in una maniera moralmente del tutto diversa rispetto a quanto era stato detto loro e capisco anche microsoft che non può semplicemente ignorare la possibilità di una profiqua collaborazione con l'esercito USA, che dopotutto, nella teoria dovrebbe fare l'interesse nazionale.
Non so cosa ci sia scritto nei loro contratti, non so se ci sia la possibilità che prevedano clausole specifiche circa l'utilizzo in campo esclusivamente civile delle tecnologie che sviluppano, ma dire che "possono licenziarsi" è un pelo semplicistico e stupido, se è per quello può essere fatto anche in caso di molestie, mobbing, sfruttamento e chi più ne ha più ne metta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^