Un chip per display 3D da Philips

Un chip per display 3D da Philips

Philips ha sviluppato un nuovo chip che dovrebbe permettere la visione di film in 3D senza l'ausilio dei classici occhiali dedicati

di pubblicata il , alle 15:09 nel canale Periferiche
Philips
 

Philips

Philips ha sviluppato un nuovo chip chiamato IC3D, in grado secondo la casa olandese di visualizzare l'effetto 3D senza l'ausilio degli occhialini speciali cui siamo abituati. Non è stato chiarito il meccanismo alla base dell'illusione ottica, ma potremo saperne di più verso fine anno, periodo in cui saranno presentati i primi apparecchi al pubblico.

Abbiamo detto genericamente "apparecchi" poiché saranno infatti sia i telefoni cellulari che i monitor di generose dimensioni a beneficiare inizialmente del nuovo chip. Philips non è la prima ad intraprendere questa strada, percorsa sia da NEC che da Toshiba, a dire il vero su rarissimi modelli di scarso successo.

Non ci resta che attendere i primi prototipi per poter trarre un giudizio sulla bontà del progetto.

Fonte: Clubic

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LASCO24 Maggio 2005, 15:14 #1
Tempo fa si diceva che queste soluzioni avrebbero prima o poi soppiantato quelle attuali. Il funzionamento si diceva basato sui soliti pixel, ma distribuiti sopra una superfice a dente di sega invece che piatta.

Adesso come stanno le cose?
Genesio24 Maggio 2005, 15:22 #2
In particolare è indispensabile il tracking degli occhi, che questo modello SHARP non mi pare possedere. La tecnologia è molto interessante, ma ben lungi dal fornire un aspetto realistico. Credo che al momento (e per i prossimi 4-5 anni) questi monitor saranno solo dei brutti tentativi. Il 3D se non è realizzato perfettamente rischia di essere inguardabile se non dannoso.
Vince 1524 Maggio 2005, 15:27 #3
Lasco, questa che hai descritto è una procedura piuttosto superata perchè il punto in cui si vede in 3d è fisso... ed è difficile stare sempre fermi nello stesso punto con la testa.

Quelli nuovi usano una serie di micro-lenti (di cui non conosco i dettagli) che possono spostare il punto in cui si ha l'effetto 3D. Per stabilire la posizione c'è una telecamera che ti riprende e capisce dove si trovano i tuoi occhi... quindi adegua di conseguenza la posizione del punto 3D utilizzando le micro-lenti.
Ovviamente più il punto è mobile più l'apparecchio è costoso.

Unico particolare... a quanto ho capito solo una persona per volta può guardare lo schermo in 3D.

Ho visto anche questo articolo su tom's hardware:

http://www.tomshw.it/display.php?guide=20050502
LASCO24 Maggio 2005, 16:11 #4
Se usano questo tipo di tecnologia allora non mi stupisce che ancora non siano stati commercializzati in volumi.
Sarebbe ovviamente preferibile un sistema che non dipende dall'osservatore, ma chiassa' tra quanto ci riusciranno.
L'ideale forse sarebbe avere tanti dente di sega sovrapposti con tutte le angolazioni possibili (in realta' un numero limitato), ma sovrapporli sarebbe un problema.
Vince 1524 Maggio 2005, 16:42 #5
"L'ideale forse sarebbe avere tanti dente di sega sovrapposti con tutte le angolazioni possibili (in realta' un numero limitato), ma sovrapporli sarebbe un problema."

Scusa ma questa cosa ha poco senso. Se un punto nello spazio è per l'occhio sinistro non può essere anche per quello destro e viceversa. Quello che dici è irrealizzabile.
Vince 1524 Maggio 2005, 16:51 #6
Io credo che l'unico vero modo per poter visualizzare delle immagini 3D siano gli ologrammi. Certo, c'è molto da studiare... ma altre vie non le vedo.
libero8124 Maggio 2005, 16:55 #7
ponte olografico...
LASCO24 Maggio 2005, 17:11 #8
Originariamente inviato da: Vince 15
Scusa ma questa cosa ha poco senso. Se un punto nello spazio è per l'occhio sinistro non può essere anche per quello destro e viceversa. Quello che dici è irrealizzabile.
Mi e' venuto in mente facendo il seguente ragionamento (forse sbagliato):
supponiamo di avere tanti dente di sega sovrapposti con diverse inclinazioni, io vedro' la radiazione emessa (in direzione ortogonale ai piani dei denti) solo da un piccolo numero di questi denti poiche' se sono ad 1m di distanza dal monitor ed un pixel ha una dimensione lineare di 0.3 mm e l'oculare e' largo 1 cm, allora vedro' la radiazione emessa dai denti che si trovano in un intervallo angolare di circa 0.3°. Se, attraverso un algoritmo, il monitor sa quale radiazione emettere se vengono visti i denti di un certo intervallo angolare, allora potrei ottenere l'effetto 3d guardando il monitor da qualsiasi direzione. Ma rimane il problema di realizzare denti sovrapposti.

edit: rimane anche il problema di stabilire la distanza da cui si osserva il monitor, che inciderebbe poco sugli angoli, ma forse quel tanto che basterebbe per fare un pasticcio.
JohnPetrucci24 Maggio 2005, 18:29 #9
Originariamente inviato da: Vince 15
Io credo che l'unico vero modo per poter visualizzare delle immagini 3D siano gli ologrammi. Certo, c'è molto da studiare... ma altre vie non le vedo.

Sarebbe auspicabile una simile tecnologia ma mi sembra lontana ancora, se non lontanissima.
IndieRock24 Maggio 2005, 19:09 #10
Sono stato proprio ieri in visita ad un laboratorio di ricerca aerospaziale in campania, e tra tutte le cose letteralmente fantastiche che ho visto c'era anche un filone di attività incentrato sulla possibilità di ricreare l'effetto tridimensionale su di uno schermo.

Le possibilità pratiche migliori sono state due
1. classica doppia visione proiettata su uno schermo e uso degli occhialini 3D;
2. su un monitor LCD apposito collegato a una nVidia Quadro "dual head" che prevedeva due immagini leggermente sfasate tra loro e create ad hoc dalla Scheda video.Una lente integrata nel monitor poi provvede a "unire" queste due immagini e a far percepire all'occhio umano tutto l'insieme come una scena tridimensionale.
I Pro sono nella relativa "semplicità" di realizzazione e nel fatto che non c'è bisogno di Eyetracking.
I contro sono che ancora bisogna lavorare sulla qualità della lente xkè si possa aumentare l'angolo in cui l'effetto 3D viene percepito. A quanto mi hanno detto i ricercatori nel futuro la sfida è di riuscire a perfezionare queste lenti, e i tempi non dovrebbero essere nemmeno troppo lunghi. Cmq ho provato entrambe le soluzioni e devo dire che il monitor 3D è una cosa davvero eccezionale!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^