Thermaltake, il primo dissipatore a liquido AIO che raffredda CPU e RAM

Thermaltake, il primo dissipatore a liquido AIO che raffredda CPU e RAM

Thermaltake ha presentato Floe RC360 / RC240, il primo dissipatore a liquido AIO che raffredda sia il microprocessore che la memoria. Compatibile con le ultime piattaforme AMD e Intel, non si fa mancare una buona quantità di LED RGB.

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Periferiche
Thermaltake
 

Thermaltake ha annunciato il primo dissipatore a liquido AIO che raffredda sia la CPU che la memoria. Una soluzione di cui francamente pochi sentivano il bisogno, ma che rappresenta una novità nel panorama dell'hardware.

Il nuovo Floe RC360 / RC240, a seconda della dimensione del radiatore, ha due o tre ventole da 120 mm con nove LED indirizzabili. L'illuminazione può essere sincronizzata con le motherboard dotate di connettori ARGB da 5V tramite Asus Aura Sync, Gigabyte RGB Fusion, MSI Mystic Light Sync, Biostar VIVID LED DJ e ASRock Polychrome.

I dissipatori Floe RC360 / RC240 sono compatibili con le memorie TOUGHRAM RC di Thermaltake, ovviamente vendute separatamente, e possono essere installati sugli ultimi socket mainstream di Intel e AMD, incluso l'ultimo Intel LGA 1200 delle CPU Core di decima generazione (il sistema di montaggio dei dissipatori è il medesimo del socket LGA 1151).

Per quanto riguarda la memoria, le TOUGHRAM RC sono disponibili in kit 8 GB x 2 con frequenze di 3200, 3600, 4000 e 4400 MHz. Come potete vedere dalle immagini, anche le memorie sono "sovrastate" da illuminazione RGB, tramite quattro strisce con 36 LED indirizzabili. Al momento Thermaltake non ha comunicato il prezzo di vendita di Floe RC360 e RC240.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^