Specifiche WiGig ufficializzate, la Wi-Fi Alliance si unisce al gruppo

Specifiche WiGig ufficializzate, la Wi-Fi Alliance si unisce al gruppo

WiGig comunica il completamento delle specifiche per il nuovo standard di connessione, capace di garantire una velocità di trasferimento dati pari a 7 Gigabit al secondo

di pubblicata il , alle 09:17 nel canale Periferiche
 

Già qualche mese fa si era parlato, con questa notizia, delle specifiche di WiGig (Wireless Gigabit). Tra le novità introdotte dal nuovo potenziale standard, che impiega lo spettro di frequenze dei 60GHz per la trasmissione dei dati, ricordiamo la possibilità di trasferire dati con velocità fino a 7 Gigabit al secondo che apre la possibilità di poter vedere connessioni HDMI e DisplayPort wireless.

Nel corso di questo periodo di tempo l'organizzazione che si occupa dello sviluppo di WiGig ha comunicato di aver terminato le specifiche del nuovo standard e di aver raggiunto una partnership con la Wi-Fi Alliance per la gestione del logo e il programma di certificazione della tecnologia. Secondo quanto riportato dall'annuncio, inoltre i membri dell'organizzazione possono così cominciare lo sviluppo dei primi prodotti in grado di sfruttare il nuovo spettro di onde radio. Al momento, secondo quanto riportato sul sito ufficiale, lo sviluppo secondo le nuove specifiche non comporta il pagamento di tasse o royalties, il che dovrebbe facilitare la diffusione del nuovo standard.

Mancano al momento informazioni precise circa la roadmap di implementazione per WiGig: le informazioni parlano di una connessione stabile e senza particolari problemi raggiunta già nel mese di Dicembre e i produttori dovrebbero cominciare a fornire le prime soluzioni già a partire dal prossimo anno.

Nel contempo il consorzio Wi-Fi ha cominciato lo sviluppo di un nuovo programma di certificazione per la gestione delle operazioni "Wi-Fi" anche su frequenza a 60GHz: in questo modo buona parte dei prodotti 60GHz (se non tutti) saranno in grado di garantire una retrocompatibilità con gli standard Wi-Fi già esistenti da 2,4 e 5GHz. La retrocompatibilità non sarà solo un elemento importante per riuscire a mantenere vivo il parco dispositivi attualmente presente sul mercato, ma sarà necessario anche a colmare quella che sembra essere una importante mancanza di WiGig: il nuovo standard è in grado di funzionare ad una distanza massima di 20 metri.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fpg_8710 Maggio 2010, 09:43 #1
Non ho capito... quando parlano di retrocompatibilità a 2.4Ghz, intendono solo il Wi-fi b,g,n, o anche il Bluetooth???
OmbraShadow10 Maggio 2010, 10:01 #2
20 metri di copertura già non mi farebbero schifo. Ci coprirei tranquillamente ogni piano di casa :-D
mikycol10 Maggio 2010, 10:03 #3
Si ok 20 metri, figo servirà allora solo a eliminare un po di cavi vicino ad una televisione, ma non ad implementare una rete WI-FI come si deve...
Al momento non mi sembra molto interessante
Negative_creep10 Maggio 2010, 10:10 #4
Un pò di onde elettromagnetiche in più che provengono anche dai non "vicini" di casa. Ottimo, la nostra casa sarà ancor di più tempestata dal wireless perchè ormai, è talmente indispensabile non aver un ingombro di fili che il resto non conta. (stampanti, modem router,telefono cordless, mouse, tastiera, casse tutto a farvore del nostro cervello, naturalmente stando nelle specifiche :-)
Alucard8310 Maggio 2010, 10:12 #5
Beh, con una tale distanza, le applicazioni in ambito network mi appaiono limitate (anche se credo che ora del prossimo anno risolveranno il problema), ma il potenziale per la trasmissione del segnale Full HD via WiFi sia eccellente. Potrebbe tranquillamente sostituire l'HDMI, a patto di avere televisori con un ricevitore analogo. Ci vorrà ancora molto.
FroZen10 Maggio 2010, 10:20 #6
con il "vecchio" wi-fi....il bluetooth non mi sembra sia sotto la wifi alliance...
OldDog10 Maggio 2010, 11:07 #7
Originariamente inviato da: fpg_87
Non ho capito... quando parlano di retrocompatibilità a 2.4Ghz, intendono solo il Wi-fi b,g,n, o anche il Bluetooth???

Il Bluetooth è un diverso standard trasmissivo, non interconnesso con WiFi. Non c'è alcuna compatibilità oggi, quindi ovviamente non ci sarà "retrocompatibilità" domani.

Tornando all'annuncio:
Se il limite è di 20 metri teorici, immagino che dentro normali edifici muri e disturbi riducano il segnale e la banda al punto di operare entro 5, max 10 metri. In pratica serve un apparato per locale.
Continuo a pensare che, caso per caso, sia opportuno rivalutare l'utilità di mantenere un cablaggio fisico invece di rincorrere sempre il wireless, i cui pregi non dovrebbero sdoganarlo come soluzione sempre migliore.
OldDog10 Maggio 2010, 11:16 #8
Originariamente inviato da: Negative_creep
Un pò di onde elettromagnetiche in più che provengono anche dai non "vicini" di casa. Ottimo, la nostra casa sarà ancor di più tempestata dal wireless perchè ormai, è talmente indispensabile non aver un ingombro di fili che il resto non conta. (stampanti, modem router,telefono cordless, mouse, tastiera, casse tutto a farvore del nostro cervello, naturalmente stando nelle specifiche :-)

In effetti ci sono casi in cui un po' di buon senso sarebbe auspicabile. Tenere una wireless in casa dovrebbe venir accompagnata da una certa "cura", sia in fase di installazione e configurazione che nell'uso quotidiano.
Purtroppo la necessità di semplificare l'installazione per tutti gli inesperti fa trascurare la scelta di un buon posizionamento degli apparati, la scelta del canale trasmissivo meno affollato, la scelta della potenza trasmissiva minima necessaria per raggiungere correttamente le aree da servire.
In altri termini: un apparato posizionato male e che opera dove vi è affollamento di altri segnali, sarà costretto a operare a piena potenza per "superare" i disturbi e raggiungere le aree richieste. Maggior consumo, maggior emissione, maggiori (potenziali) effetti nocivi, maggior superamento dei confini di proprietà (rende più facile per un esterno ricevere e agganciare il nostro segnale e cercare di violarne le protezioni).

Ho parecchio semplificato, ma mi pareva opportuno mettere sul tavolo questo aspetto. Obiezioni e critiche sono benvenute.
m!kko10 Maggio 2010, 11:27 #9
scusate la domanda da ignorante in materia...perchè non si investe invece nel WIMAX?
chiaro_scuro10 Maggio 2010, 12:09 #10
Una curiosità: non potrebbero usare il wi-fi n per spostare i dati compressi e decodificarli in locale?
Voglio dire, non potrebbero mandare, ad es., i dati di un blu-ray così come vengono letti con il wi-fi "normale" e decodificarli vicino al televisore?
Ci vorrebbe una sistema di decodifica per ogni apparecchio ma una chippetto per decodificare i flussi HD ormai è economico e in più si può utilizzare l'economica rete wi-fi esistente.

Ciao.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^