Si sono venduti più monitor nel 2020 ma la domanda continuerà a essere sostenuta

Si sono venduti più monitor nel 2020 ma la domanda continuerà a essere sostenuta

Il 2020 si è chiuso con il maggior tasso di crescita nelle vendite di display registrato da oltre 10 anni a questa parte. Le previsioni per i prossimi anni sono di una domanda che resterà sostenuta

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Periferiche
DellHPLenovoTPVSamsung
 

Nel corso del 2020 il mercato dei display per personal computer ha registrato un tasso di vendite positivo: +8,3% rispetto al 2019, per un totale di oltre 136 milioni di pezzi. Gli ultimi 3 mesi del 2020 hanno contribuito in modo particolare all'ottenimento di questo risultato, con una crescita dei volumi di vendita del 16,9% rispetto al corrispondente periodo del 2019.

Un aumento dell'8,3% su base annuale può non sembrare particolarmente rilevante ma i dati elaborati da Gartner indicano che questa sia la percentuale di crescita annuale più elevata registrata dal 2008. A generare questa domanda di mercato le dinamiche messe in atto dalla pandemia globale, con la maggior parte dei consumatori costretti a restare nelle proprie abitazioni e quindi maggiormente orientati a investire denaro nell'acquisto di nuove periferiche.

Dell è il produttore che ha venduto la maggior parte dei monitor in commercio nel corso del 2019, registrando una quota di mercato del 19,3% con volumi di vendita di fatto invariati rispetto al 2019. Al secondo posto troviamo TPV con il 14,1%, azienda alla quale si devono i modelli AOC e Philips, seguita a breve distanza da HP con il 13,5% del totale.

Lenovo si è posizionata al quarto posto con il 10,5% del totale di mercato, mentre Samsung chiude la top 5 con l'8,6% del totale di monitor venduti. Quest'ultima è l'azienda, tra le prime 5, che ha registrato i tassi di incremento delle vendite più elevati: poco più del 30% di aumento nel corso del 2020 rispetto al dato del 2019. Tutti gli altri produttori cumulati incidono per circa il 34% del totale, con un lieve aumento della quota di mercato complessiva rispetto ai 12 mesi precedenti.

Le stime per il 2021 sono di un mantenimento degli attuali volumi di mercato, con una difficoltà in alcune regioni legate all'approvvigionamento di prodotti in volumi adeguati a far fronte alla domanda. Guardando agli anni a venire le attese sono di un tasso di aggiornamento più rapido rispetto al passato da parte dei consumatori, grazie alle nuove e differenti modalità di utilizzo implementate nelle abitazioni e a un maggior numero di schermi secondari abbinati ai notebook.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8820 Marzo 2021, 16:50 #1
Poi qualcuno mi spiega come mai i Dell Ultrasharp in europa sono difficili da trovare o introvabili in shop di terzi e perennemente OUT of Stock nello store ufficiale mentre su dell.com è sempre AVAILABLE !?

Domanda alta ? Si come no, solo in europa però vero ?
E intanto però molti altri brands che usano gli stessi pannelli sono disponibili, chissà perchè.
trapanator20 Marzo 2021, 17:12 #2
Mi son preso giusto un Eizo... Altro mondo rispetto agli hp e philips
giuvahhh21 Marzo 2021, 00:05 #3
mi sono sempre chiesto come si fa a capire quando è ora di cambiare monitor. io ho ancora un HP Pavilion w2408h 1920x1200. ormai ha quasi 15 anni
piwi21 Marzo 2021, 00:22 #4
Al di là delle necessità legate a didattica a distanza e smart working, direi che la necessità è ormai, per lo più, legata a mutate esigenze lavorative e sostituzione di prodotti guasti. In passato, potevano essere la tecnologia, le dimensioni, le proporzioni ... ma ormai, oltre i 24" ... è una TV, non credo che un'utenza generica ne abbia bisogno. Personalmente, negli ultimi 25 anni, ho relegato ad altri usi tre CRT, un LCD ... ed avevo pensato di cambiare anche quello che uso attualmente, in favore di un 27" 1440P, ma meno di 6/700 euro non ci avrei speso, non che abbia necessità particolari ma ho il acceso otto ore al giorno ed il mio Dell (acquistato nel 2014) mi ha "viziato". Ho però rinunciato perchè avrei dovuto poi spendere anche di più per una scheda video in grado di stargli dietro.
giovanni6921 Marzo 2021, 11:29 #5
Originariamente inviato da: nickname88
Poi qualcuno mi spiega come mai i Dell Ultrasharp in europa sono difficili da trovare o introvabili in shop di terzi e perennemente OUT of Stock nello store ufficiale mentre su dell.com è sempre AVAILABLE !?

Domanda alta ? Si come no, solo in europa però vero ?
E intanto però molti altri brands che usano gli stessi pannelli sono disponibili, chissà perchè.

Molto semplice: Dell.com non è Europa... e nè tantomeno Italia. Il mercato italiano chissà a che posizione è nella logistica della distribuzione delle periferiche. Arriva dunque tutto con il contagocce come residuale di quelli che sono i mercati maggiori. E non solo con Dell ma altri marchi e non solo monitor.
nickname8821 Marzo 2021, 14:30 #6
Originariamente inviato da: giovanni69
Molto semplice: Dell.com non è Europa... e nè tantomeno Italia. Il mercato italiano chissà a che posizione è nella logistica della distribuzione delle periferiche. Arriva dunque tutto con il contagocce come residuale di quelli che sono i mercati maggiori. E non solo con Dell ma altri marchi e non solo monitor.
Se è un problema di logistica automaticamente non si può parlare di domanda eccessiva.

Da dove vengano interessa poco o nulla se la domanda è di 100 e Dell ha prodotto 100 e passa, poco importa se 99 sono negli USA, la colpa non è della domanda alta.
mail9000it23 Marzo 2021, 10:47 #7
Originariamente inviato da: giuvahhh
mi sono sempre chiesto come si fa a capire quando è ora di cambiare monitor. io ho ancora un HP Pavilion w2408h 1920x1200. ormai ha quasi 15 anni


Quando la resa visiva cambia e diventa inaccettabile per le tue esigenze.

Io ho "buttato" il mio monitor Eizo 4:3 da 19 pollici, quando a bassa luminosità vedevo aloni e aree scure sul monitor. Per avere colori e luminosità omogenei dovevo tenere la luminosità quasi al massimo.

Con una luce ambientale bassa o al buio la luminosità del monitor era quindi eccessiva e nel 2017 l'ho cambiato dopo averlo usato per anni come secondo monitor (avevo un 24 come primario dal 2012).

I monitor si buttano solo quando "si rompono" o quando diventano veramente obsoleti per diagonale o risoluzione. Un monitor funzionante si vende sempre, magari per poco, ma non si butta: si vende ( o avendo spazio si usa come secondario).
mail9000it23 Marzo 2021, 10:55 #8
Originariamente inviato da: trapanator
Mi son preso giusto un Eizo... Altro mondo rispetto agli hp e philips


Anche io avevo un Eizo, ma a questo giro ho preso un Dell Ultrasharp.
Dalle informazioni che ho raccolto al tempo (2017) gli Eizo di fascia bassa non sono meglio degli altri. Per avere qualità devi salire di fascia con costi superiori.

Dal momento che non ho particolari necessità ho risparmiato qualcosa pur avendo una buona qualità. Nel campo dei monitor professionali per fotoritocco Eizo è una delle marche di riferimento.
mail9000it23 Marzo 2021, 11:00 #9
Originariamente inviato da: piwi
Al di là delle necessità legate a didattica a distanza e smart working, direi che la necessità è ormai, per lo più, legata a mutate esigenze lavorative e sostituzione di prodotti guasti..


Il boom di vendita è esattamente causato dallo smart-working e dalla DAD.
Tante persone costrette a lavorare da casa, hanno affiancato un 24 pollici al monitor del portatile. Prima lavorando il mobilità non serviva.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^