Sapphire Vid-2X, multischermo per tutti i sistemi operativi

Sapphire Vid-2X, multischermo per tutti i sistemi operativi

Sapphire ha, tra la sua gamma prodotto, un accessorio che permette di poter sfruttare una sola connessione video per gestire due monitor esterni

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 16:45 nel canale Periferiche
Sapphire
 

Lavorare con un sistema portatile ha come limitazione, molto spesso, il display che il sistema è in grado di garantire. Una risoluzione più elevata e una maggiore area di lavoro sono, in molti casi, elementi fondamentali per determinati scenari di lavoro: editing grafico e fogli di calcolo di importanti dimensioni sono solo alcuni esempi. E buona parte dei portatili sono infatti dotati di una uscita video esterna, che permette così di andare ad estendere il proprio desktop.
Ma come fare se volessimo invece estendere la nostra area di lavoro su due monitor esterni? Tra le differenti risposte presenti sul mercato, ce n'è anche una targata Sapphire e prende il nome di Vid-2X.

Sapphire

Il prodotto si presenta come un piccolo box esterno capace di captare un flusso video (DVI o DisplayPort) e gestirlo in modo automatico su due display esterni. Sapphire Vid-2X è infatti disponibile in due versioni, DiplayPort e DVI. A differenza di molte altre soluzioni presenti sul mercato, però, uno dei principali vantaggi che la proposta di Sapphire è in grado di garantire è rappresentato dal funzionamento che non necessita di alcun tipo di driver. Vid-2X opera in modo completamente indipendente sul flusso video, non sono pertanto presenti problemi di compatibilità con differenti sistemi operativi: funziona sia su OSX, sia su Linux che su Windows.

Sapphire

La completa assenza di driver o di software che permettano di gestire il funzionamento dell'unità di Sapphire ha reso, ovviamente, necessario la presenza di alcuni controlli esterni. Ecco allora che troviamo presenti, sulla parte frontale, un display che ci fornirà le informazioni relative al funzionamento dell'unità e 8 switch che ci permetteranno di andare a controllare i principali parametri di Sapphire Vid-2X.

Sapphire

Sapphire

Sui lati del dispositivo troviamo, da una parte il singolo ingresso DVI e la porta mini-USB necessaria ad alimentare il prodotto. Dall'altro lato sono invece presenti i due DVI in uscita, che ci consentiranno di andare a sdoppiare il nostro flusso video su due monitor. Il collegamento è estremamente semplice e non necessità di particolari abilità. In corrispondenza delle uscite video DVI troviamo inoltre le lettere L e R (left e right, sinistra e destra), che forniscono indicazioni relative alla disposizione dei display. Le due uscite DVI permettono di gestire risoluzioni fino ad un massimo di 1920x1200 pixel.

Sapphire

Come abbiamo detto, durante il funzionamento, sarà il display esterno posizionato sulla parte anteriore dell'unità a fornirci le informazioni relative alla nostra configurazione. Oltre a controllare la presenza del flusso video, infatti, verranno riportati i dati relativi alla cosiddetta bezel correction, tecnica che permette di compensare la presenza delle cornici dei monitor, nascondendo l'ipotetica area desktop di quella zona. Sapphire Vid-2X, come abbiamo detto, non necessita di software per poter funzionare correttamente: ma come è possibile allora andare a configurare i parametri? Questo elemento è stato ovviato da Sapphire attraverso l'impiego degli switch frontali. Una soluzione che, certo, permette di eliminare ogni tipo di software per il controllo, ma che mina in modo diretto l'immediatezza e la semplicità di utilizzo. Bisogna comunque sottolineare che la configurazione dell'accessorio di Sapphire avverrà solamente la prima volta. Attraverso gli switch numero 1 e 2, quindi, sarà possibile impostare la modalità desktop clone o esteso, mentre sfruttando gli switch attiveremo la bezel correction e imposteremo le dimensioni, in pixel, di tale correzione. Il costo per l'acquisto dell'unità di Sapphire di aggira attorno ai 140 euro: un prezzo non contenuto ma che, in particolari scenari di impiego, può trovare una reale e sensata applicazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pozhar16 Gennaio 2012, 17:07 #1
Prodotto interessante, ma il prezzo è troppo elevato.
IMHO
Athlon16 Gennaio 2012, 17:53 #2
non sono d'accordo sul fatto che la configurazione tramite pulsanti sia meno immediadiata e semplice del dover litigare contro i driver ed il dover isntallare i driver in ogni pc in cui si intende usare il prodotto (ad esempio in sala conferenze con 2 proiettori e tanti pc di tanti oratori diversi che si succedono )

A mio parere e' ora che si cominci a costruire apparecchiature intelligenti in grado di funzionare senza driver e completamente indipendenti dal sistema operativo , ogni driver sono risorse e potenza di calcolo sprecate
djfix1316 Gennaio 2012, 18:06 #3
ritengo stupido tornare ai dip-switch e non servono drivers; bastava compilare 3 file eseguibili per i vari OS presenti che inviassero i parametri direttamente alla piattaforma HW:
un file binario memorizzato nella memoria del Sapphire dalla GUI del sofwerino, perfino io sarei in grado di farlo funzionare così...
!fazz16 Gennaio 2012, 19:10 #4
Originariamente inviato da: djfix13
ritengo stupido tornare ai dip-switch e non servono drivers; bastava compilare 3 file eseguibili per i vari OS presenti che inviassero i parametri direttamente alla piattaforma HW:
un file binario memorizzato nella memoria del Sapphire dalla GUI del sofwerino, perfino io sarei in grado di farlo funzionare così...


io invece trovo una soluzione intelligente quella di sapphire

tralasciando i dip switch che a mio avviso sono troppo poco user friendly, li avrei sostituiti con un touchscreen economico, ma comunque sono necessari solo la prima volta per la configurazione del dispositivo l'assenza di driver da installare è una manna in situazioni come le sale conferenza dove si hanno parecchi relatori che salgono sul palco e attaccano il loro portatile al sistema: meno sbattimenti e casini vari
Notturnia16 Gennaio 2012, 21:13 #5
cavolo..

non male.. e sarebbe costato ragionevolmente poco per i monitor..
mi domando se una GTX580 puo' gestire bene due di questi cosi per un totale di 4 monitor...
avvelenato16 Gennaio 2012, 21:23 #6
dip switch (difficili da incasinare involontariamente), driverless, costo elevato, soluzione di nicchia.
ergo: mercato verticale (industriale, enterprise, etc).

altre soluzioni ci sono già, ricordo quelle matrox, sapphire ha voluto coprire una nicchia scoperta.
euscar16 Gennaio 2012, 21:39 #7
Originariamente inviato da: avvelenato
dip switch (difficili da incasinare involontariamente), driverless, costo elevato, soluzione di nicchia.
ergo: mercato verticale (industriale, enterprise, etc).

altre soluzioni ci sono già, ricordo quelle matrox, sapphire ha voluto coprire una nicchia scoperta.


La stessa cosa che ho pensato non appena ho letto l'articolo
maumau13816 Gennaio 2012, 23:12 #8
Il dip switch forse è un pelo troppo, visto che il display già c'è magari potevano usarlo per interfacciarsi con le impostazioni insieme ad un altro paio di pulsantini, un po come succede per alcune stampanti dove le impostazioni si controllano con un piccolo display a cristalli liquidi e quattro pulsanti.
Per il resto è una soluzione con molti vantaggi, ad esempio la puoi mettere in una sala conferenze dove chi viene ci attacca il suo portatile senza troppi patemi.
StyleB17 Gennaio 2012, 08:07 #9
molte soluzioni laptop di un certo livello sono dotate di hdmi + micro hdmi, hdmi + vga, hdmi + vga + micro hdmi... e le combinazioni più svariate, in grado di contene almeno 2 monitor esterni, questa soluzione va quindi verso quei laptop più "scrausi" con una singola uscita (in ogni caso configurabile con: monitor pc + esterno.
sinceramente? se ci lavoro uso laptops di un certo tipo, quindi probabilmente dotati di almeno 2 uscite video, quindi mi converrà comprare cavi e adattatori per tali uscite video o uno switch?
soprattutto considerando che se ci lavoro certamente non mi prenderò un eeepc, in quanto se non ricordo male, l'unico non dotato di doppia uscita video è il macbook.

PS: nelle foto dello scatolotto si vedono fessure dovute all'accoppiamento plastiche+ lamiera e assemblamenti che suonano come barcollanti, il che significa finiture nulle.
!fazz17 Gennaio 2012, 08:40 #10
Originariamente inviato da: StyleB
molte soluzioni laptop di un certo livello sono dotate di hdmi + micro hdmi, hdmi + vga, hdmi + vga + micro hdmi... e le combinazioni più svariate, in grado di contene almeno 2 monitor esterni, questa soluzione va quindi verso quei laptop più "scrausi" con una singola uscita (in ogni caso configurabile con: monitor pc + esterno.
sinceramente? se ci lavoro uso laptops di un certo tipo, quindi probabilmente dotati di almeno 2 uscite video, quindi mi converrà comprare cavi e adattatori per tali uscite video o uno switch?
soprattutto considerando che se ci lavoro certamente non mi prenderò un eeepc, in quanto se non ricordo male, l'unico non dotato di doppia uscita video è il macbook.

PS: nelle foto dello scatolotto si vedono fessure dovute all'accoppiamento plastiche+ lamiera e assemblamenti che suonano come barcollanti, il che significa finiture nulle.


non solo il macbook ha due uscite video, pure il mio m4500 ne ha 2 dp e vga

ma comunque anche portatili dotati di una singola scheda video vengono utilizzati per lavoro anche gli eeepc

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^