Microsoft: penna batte tastiera. Stimola le capacità cerebrali

Microsoft: penna batte tastiera. Stimola le capacità cerebrali

I risultati di una recente ricerca di Microsoft condotta da ricercatori di fama mondiale evidenzia l'importanza dell'uso della penna, elettronica e non, ai fini dell'apprendimento. Lo studio afferma che la scrittura con la penna stimola maggiormente le capacità cerebrali rispetto all'uso della tastiera.

di pubblicata il , alle 14:45 nel canale Periferiche
MicrosoftSurface
 

C'era una volta la penna, quella che funzionava ad inchiostro, su carta e non a batteria, poi sono arrivati i PC, le tastiere e le interfacce tattili e, in tempi più recenti, aziende che hanno pensato di rilanciare l'uso della penna digitale, erede dello stilo utilizzato negli anni '90 come accessorio dei PDA.  Microsoft ha incentrato buona parte della campagna di marketing dedicata alla linea Surface proprio sulla possibilità di sfruttare la Surface Pen e non stupisce che continui indirettamente a promuoverla sottolineandone l'utilità anche mediante appositi studi, come quello realizzato da alcuni ricercatori di fama mondiale, ovvero Audrey van der Meer e Ruud van der Weel del Norwegian University of Science e Technology (NTNU) di Trondheim.

surface

I cosiddetti nativi digitali sono abituati a prendere appunti utilizzando i moderni strumenti tecnologici, a partire dai portatili, ma qual è il dispositivo di input che pone le basi ottimali per l'apprendimento mentre si svolge tale attività, si chiedono i ricercatori. Penna o tastiera? Prendere appunti con la penna (elettronica o meno che sia) creerebbe le condizioni migliori per l'apprendimento rispetto alla digitazione tramite tastiera del portatile o del PC. La nuova ricerca si ispira a precedenti studi che hanno evidenziato come il prendere appunti a mano porta l'utente ad effettuare una più intensa attività di selezione ed elaborazione delle informazioni.

Lo studio commissionato da Microsoft si è svolto con la collaborazione di un gruppo di venti studenti ed ha avuto una durata di due mesi. Per individuare le differenze tra l'uso della penna e l'uso della tastiera è stato chiesto agli studenti di eseguire tre compiti differenti: scrivere o descrivere, utilizzando una tastiera, le parole di Pictionary che venivano loro presentate, e disegnare le stesse parole con una penna per touchscreen (nel test sono stati utilizzati i Surface Pro 4 di Microsoft). L'attività celebrale degli studenti è stata monitorata mediante un apposito ''copricapo'' dotato di oltre 250 sensori e dall'analisi dei dati è emerso che l'uso della penna ha determinato l'attivazione di aree del cervello più profonde che creano le condizioni ottimali per l'apprendimento.

surface pen

Stilo o tastiera? A parità di dispositivo - un Surface Pro 4 - prendere appunti con la penna creerebbe condizioni migliori per l'apprendimento (foto ufficiale tratta dai test alla base dello studio dell'NTNU condotti sul gruppo di 20 studenti)

E' venuto il momento di cestinare mouse e tastiera per riappropriarsi dell'uso della penna, seppur nella sua nuova veste digitale? Non in termini assoluti, ma per lo svolgimento di specifiche attività, come l'acquisizione di appunti e note, ed in aula sembrerebbe di si, stando alle dichiarazioni di Audrey van der Meer, docente di neuropsicologia presso di Dipartimento di Psicologia della NTNU:

Spero sinceramente che questa ricerca contribuisca a riportare nelle classi l’uso della penna durante le lezioni. Siamo riusciti a dimostrare che prendere appunti con una penna attiva parti del cervello diverse, e in modi differenti, rispetto all’uso di una tastiera. Si tratta di una differenza estremamente significativa: ci conferma che prendere appunti a mano rende il cervello molto più efficace nell’elaborare l’apprendimento

Microsoft non fa mistero di voler puntare al settore educational per capitalizzare i risultati del nuovo studio e rilanciare l'immagine del tablet Surface come un utile supporto per le attività di apprendimento. Una posizione che emerge in maniera chiara esaminando le dichiarazioni di Alexa Joyes, Direttore di Policy, Teaching & Learning, Worldwide Education Microsoft

Le implicazioni di questo studio sono fondamentali per gli educatori e per chi lavora nel campo dell’istruzione. Ci sarà perdonato l’errore commesso qualche anno fa, quando si pensava che l’umile penna potesse scomparire dal nostro mondo ossessionato dalla tastiera: in realtà, è evidente che si tratta di uno strumento tuttora indispensabile, così come lo è stato per molte generazioni prima di noi.  Forse non dovrebbe sorprendere che l’acquisizione e l’interiorizzazione delle nozioni possano migliorare grazie a un gesto naturale, ossia prendere appunti a mano.

I dettagli della ricerca sono consultabili collegandosi a questo indirizzo. Al netto delle finalità per cui la ricerca è stata commissionata - non è un mistero, come detto, che Microsoft voglia evidenziare uno dei tratti distintivi dei prodotti Surface - restano meritevoli di attenzione, soprattutto per chi è nato nell'epoca in cui carta e penna appaiono sempre più come lontani ricordi di un'epoca passata.

La reinterpretazione in chiave moderna della penna tradizionale offre, sotto diversi punti di vista, il meglio dei due mondi: ripropone le dinamiche dell'apprendimento evidenziate in ricerche come quella di Microsoft e sfrutta i benefici derivanti dalla possibilità di digitalizzare le informazioni. Non è un caso che importanti competitor della casa di Redmond abbiano individuato proprio nella penna elettronica lo strumento per rinnovare tradizionali categorie di prodotto (si pensi, ad esempio, all'evoluzione dei tablet "puri" di Apple verso la gamma Pro). 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
stefm05 Luglio 2016, 15:13 #1
Non voglio fare sempre il professorino, ma le capacità del cervello si chiamano cerebrali con la R, non celebrali con la L...
Marko#8805 Luglio 2016, 15:31 #2
Originariamente inviato da: stefm
Non voglio fare sempre il professorino, ma le capacità del cervello si chiamano cerebrali con la R, non celebrali con la L...


Più che professorino si tratta di amor di correttezza, incredibile un errore del genere da un giornalista. E non è un refuso, la L è ben lontana dalla R.
Tedturb005 Luglio 2016, 16:05 #3
Oste, e' bono er vino?
Therinai05 Luglio 2016, 16:06 #4
Pultroppo l'articolo è stato scritto con la tastiera e non con la penna, altrimenti molto probabilmente la manina avrebbe disegnato istintivamente una erre.
Comunque ho come l'impressione che si stia parlando della scoperta dell'acqua calda, quando mai è stata consigliata la scrittura con tastiera?
kamon05 Luglio 2016, 16:31 #5
Solo commenti che riguardano un'errore di ortografia... Ma sarebbe strano solo se non ci trovassimo su hardware upgrade... Ci sono più pigne quì che in tutti i parchi italiani messi insieme .

Non potevate segnalarlo in privato?
Eress05 Luglio 2016, 17:26 #6
Mi sembra evidente che l'uso della penna sia preferibile alla tastiera. Oggi quanti giovani non sanno quasi più scrivere a mano, a causa delle nuove tecnologie?
StepT05 Luglio 2016, 18:29 #7
Originariamente inviato da: Tedturb0
Oste, e' bono er vino?


Quale sarebbe il senso di questo commento?
Marko#8805 Luglio 2016, 20:51 #8
Originariamente inviato da: kamon
Solo commenti che riguardano un'errore di ortografia... Ma sarebbe strano solo se non ci trovassimo su hardware upgrade... Ci sono più pigne quì che in tutti i parchi italiani messi insieme .

Non potevate segnalarlo in privato?


Il tuo è un commento riguardante altri commenti che critichi, sei sceso al nostro livello col tuo post. Avresti fatto più bella figura facendo un commento sensato.

Originariamente inviato da: Eress
Mi sembra evidente che l'uso della penna sia preferibile alla tastiera. Oggi quanti giovani non sanno quasi più scrivere a mano, a causa delle nuove tecnologie?


Io a mano scrivo malissimo, sono più lento che con la tastiera e non so quasi più scrivere in corsivo minuscolo. Ma succede anche ai meno giovani, basta lavorare in ufficio qualche anno e la frittata è fatta.
Pier220405 Luglio 2016, 20:51 #9
Originariamente inviato da: Tedturb0
Oste, e' bono er vino?


Non è stato affermato che la penna Microsoft sia la migliore, è stato detto che da recenti studi la penna stimola più della tastiera le capacità cerebrali..
LMCH06 Luglio 2016, 01:54 #10
Originariamente inviato da: Pier2204
Non è stato affermato che la penna Microsoft sia la migliore, è stato detto che da recenti studi la penna stimola più della tastiera le capacità cerebrali..


La penna su foglio di carta stimola di più e per digitalizzare basta fotografare i fogli dopo.
Quello che manca davvero è un software di digitalizzazione che ripulisca gli schemi
(rettificando le linee, regolarizzando gli archi ecc.)
e converta in testo le scritte in modo decente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^