Input Club presenta la tastiera Kira: meccanica, design classic e materiali premium

Input Club presenta la tastiera Kira: meccanica, design classic e materiali premium

Il layout è full ed ultra compatto, ogni tasto è immediatamente affiancato da quello adiacente così da sfruttare ogni millimetro di spazio a disposizione: origini classiche ma molti accorgimenti per attualizzarla ai giorni d'oggi, in primis LED RGB in ogni dove

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Periferiche
 

Input Club, startup che si occupa principalmente di periferiche di input, ha presentato tramite la piattaforma Kickstarter una nuova tastiera meccanica dall'aria tanto classica quanto premium: parliamo di Kira, che si presenta come un'interessante rivisitazione delle prime tastiere viste in commercio.

Il layout è full ed ultra compatto, ogni tasto è immediatamente affiancato da quello adiacente così da sfruttare ogni millimetro di spazio a disposizione: origini classiche ma molti accorgimenti per attualizzarla ai giorni d'oggi, in primis LED RGB in ogni dove, uno sotto ogni singolo tasto e molti altri nella base della tastiera realizzata con una finitura opaca che lascia intravedere la luce emessa dai LED installati al suo interno, con un tono molto soft; lay-out ed illuminazione ampliamente personalizzabili senza software dedicato.

Il telaio è disponibile sia in materiale plastico con finitura metallizzata oppure interamente realizzano in alluminio lavorato CNC, i tasti vengono forniti sfusi al fine di poter essere installati nelle configurazioni più adatte all'utente finale, inclusi insieme alla periferica il set di keycaps qui sotto riportato.

Questa tastiera si basa su un firmware open source chiamato Keyboard Layout Language (KLL) che consente di lavorare senza problemi in ambiente Windows, Linux e Mac OS; può essere considerato anche l'hardware open source in quanto progettato e realizzato da una collaborazione di diversi professionisti impegnati nell'unico scopo di fornire tastiere di alta qualità, originale l'adozione a bordo di una porta USB Type-C difficile da trovare anche su prodotti di alta gamma.

Kira, approdata da pochissimo su Kickstarter, ha già riscosso un grande successo superando addirittura quota 100.000 € contro i 40.000 € prefissati dal produttore, e mancano ancora diverse settimane alla fine della campagna di raccolta fondi.

Per il momento la tastiera Kira può essere prenotata al prezzo di partenza di circa 145 € a salire in funzione delle configurazioni scelte; per maggiori informazioni ed immagini a riguardo vi invitiamo a visitare la pagina dedicata a questa tastiera

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ImperatoreNeo28 Marzo 2018, 10:10 #1
Non capisco la necessitá di essere spessa come una fiorentina..
Notturnia28 Marzo 2018, 10:14 #2
dello spessore frega poco ma non capisco il concetto di "hardware open source" .. è una tastiera non programmabile.. perchè dobbiamo mettere la parola open source ?..
anche un'audi allora è open source visto che vi si installano oggetti di diversi professionisti..
è una tastiera.. punto..
fatta bene (speriamo) e compatta.. ma resta una tastiera meccanica..
AlexAlex28 Marzo 2018, 10:25 #3
Originariamente inviato da: Notturnia
dello spessore frega poco ma non capisco il concetto di "hardware open source" .. è una tastiera non programmabile.. perchè dobbiamo mettere la parola open source ?..
anche un'audi allora è open source visto che vi si installano oggetti di diversi professionisti..
è una tastiera.. punto..
fatta bene (speriamo) e compatta.. ma resta una tastiera meccanica..


non so se qui il termine sia utilizzato correttamente ma l'HW opne source esiste e forse da sempre. Analogamente al SW dovrebbero fornire schemi, lista componenti ed un po' tutto il necessario per realizzarti il dispositivo, modificarlo, ecc...
Un esempio famoso dovrebbe essere Arduino ad esempio.
thresher325328 Marzo 2018, 10:30 #4
Originariamente inviato da: ImperatoreNeo
Non capisco la necessitá di essere spessa come una fiorentina..

Non tanto lo spessore, io non capisco il layout ultracompatto. Non é un portatile, é molto più comodo avere a disposizione uno spazio che separa tastierino numerico e tasti funzione, a che serve farla più stretta del dovuto? Te la devi portare in giro?
29Leonardo28 Marzo 2018, 12:09 #5
Originariamente inviato da: thresher3253
Non tanto lo spessore, io non capisco il layout ultracompatto. Non é un portatile, é molto più comodo avere a disposizione uno spazio che separa tastierino numerico e tasti funzione, a che serve farla più stretta del dovuto? Te la devi portare in giro?


In effetti 1cm in meno di lunghezza non ti cambia la vita in termini di portabilità.
thresher325328 Marzo 2018, 12:18 #6
Anche perchè, voglio dire, è tutto tranne che compatta e portatile, è spessa quanto na cheesecake e se è fatta bene come la mia CM Storm pesa due quintali
jepessen28 Marzo 2018, 13:10 #7
Originariamente inviato da: Notturnia
dello spessore frega poco ..


Lo spessore e' molto importante invece: definisce quanto devono essere piegati i polsi mentre scrivi e quindi alla lunga se le tastiere sono troppo alte puo' portare a problemi quali infiammazioni.

Non a caso le tastiere ergonomiche hanno praticamente tutte un cuscinetto per mettere il polso allo stesso livello dei tasti, oltre ad avere una forma che permette di poggiare le mani senza piegare i polsi...
s-y28 Marzo 2018, 14:27 #8
Originariamente inviato da: Notturnia
è una tastiera non programmabile.. perchè dobbiamo mettere la parola open source ?


mah, chissà, forse perchè in realtà è (più che) programmabile e il firmware è open source?
https://github.com/kiibohd/kll-spec

scritto questo, i microswitch sono molto simili ai kailh box, ma mi par di capire non ci sia la versione con la caratteristica migliore, la clickbar

per quanto riguarda lo spessore, a parte il fatto che le meccaniche con switch standard non possono andare sotto un certo spessore (a meno di usare i recenti low profile), questa 'esagera' perchè una certa 'moda' attuale tra gli appassionati (che non mi coinvolge) rende il formato 'spesso' molto popolare. il concetto sarebbe di avere già l'inclinazione che si avrebbe coi piedini alzati. ma appunto, questione di gusti e di mode. tra l'altro quasi sempre vengono usate assiemte a poggiapolsi aggiuntivi
giuliop28 Marzo 2018, 16:17 #9
Originariamente inviato da: Notturnia
concetto di "hardware open source" .. è una tastiera non programmabile.. perchè dobbiamo mettere la parola open source ?..


Perché l'hardware è "open source"; ovvero è hardware di cui si forniscono le specifiche di sviluppo, e che è quindi modificabile e implementabile da chiunque.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^